Home / Moto / Prove / Prova su strada: Yamaha Super Ténéré XT1200Z
Yamaha Super Ténéré XT1200Z

Prova su strada: Yamaha Super Ténéré XT1200Z

La Yamaha Super Ténéré XT1200Z è una moto che fa poco rumore…ma che fa tanta strada. I prezzi partono da 13.390 euro.

testo di Amedeo Roma

foto di Nadia Giammarco

La Yamaha Super Ténéré XT1200Z fa parte delle moto Adventure, segmento a due ruote che promette di regalare al proprio pilota un’esperienza globale nei viaggi, senza limiti nel poter affrontare ogni tipo di percorso. Tutto questo è in parte vero l’enduro della casa giapponese, che pur non esprimendo prestazioni “esagerate” fa dell’equilibrio una delle sue armi vincenti. Grande e grossa e con tanta esperienza alle spalle, è a ridosso delle cugine competitor, pronta a regalare grosse soddisfazioni soprattutto in viaggio.

Yamaha Super Ténéré XT1200Z-9956

Rinnovata nel 2014, è proposta in tre differenti allestimenti, la versione con kit allestimento Worldcrosser (a partire da € 14.690,00), XT1200ZE con sospensioni elettroniche (a partire da € 15.590,00) ed infine la versione XT1200Z (a partire da € 13.390,00). Il modello della nostra prova è proprio la versione base XT1200Z, impreziosita da Tris borse Mytech e terminale di scarico EXAN.

Yamaha Super Ténéré XT1200Z
Yamaha Super Ténéré XT1200Z

L’estetica della Super Ténéré è decisamente personale, e nel corso degli anni è stata rinnovata soprattutto nella zona anteriore, ma ha mantenuto inalterato il suo aspetto di moto di sostanza con destinazione Africa. In fondo, come le sue dirette compagne di avventura, Aprilia Caponord Rally, BMW R 1200 GS  Adventure, Honda Africa Twin, KTM 1190 ADVENTURE, Suzuki V-Strom 1000 e Ducati Multistrada 1200 Enduro, ha l’obbiettivo di richiamare la voglia di avventura. L’anteriore è imponente, esteso il cupolino che è regolabile manualmente su quattro diverse posizioni, personale è aggressivo il doppio gruppo ottico: sulla nostra moto sono stati installati anche il Kit fendinebbia a LED (optional 463,14 euro) che oltre a migliorare la visibilità rendono ancora più aggressiva la moto, sempre optional è stata installata la piastra paramotore in alluminio (162,35 euro).

Yamaha Super Ténéré XT1200Z
Yamaha Super Ténéré XT1200Z

Il serbatoio dalla capienza di 23 lt è largo, ma non molto lungo, permettendo al pilota di afferrare con sicurezza l’ampio manubrio. La porzione posteriore è la parte meno interessante, anche sei poi risulta decisamente più gradevole nella vista d’insieme con installate le borse in alluminio (nel nostro caso di Mytech). In sella si apprezza la grande comodità della sella, ampia e ben imbottita con rifinitura superficiale antiscivolo, ottima l’impugnatura del manubrio che regala gran feeling nel controllo del mezzo, ben distanziate le pedane poggiapiedi, con i supporti in gomma che si schiacciano nelle guida in piedi facendo aderire lo stivale ai denti in metallo. I comandi di freno e frizione, sono tutti registrabili nella distanza tramite le classiche rotelline.

Yamaha Super Ténéré XT1200Z
Yamaha Super Ténéré XT1200Z

Il quadro strumenti a doppio LCD è ampio è chiaro, con in evidenza i giri del motore, tachimetro, orologio e livello carburante per il quadrante di sinistra, mentre in quello di destra è indicata la marcia inserita oltre a diversi menù comodi per la guida. Il plexiglas è regolabile solo a moto ferma tramite due pratici pomelli in quattro differenti posizioni.

Il propulsore della Super Ténéré è un bicilindrico di 1.199 cc parallelo inclinato in avanti, a 4 valvole per cilindro e iniezione elettronica, capace di una potenza non troppo esuberante che si ferma a 112 CV a 7.250 giri/min, mentre il valore di coppia è di 117,0 Nm 6.000 giri/min. Non manca il controllo di trazione a tre modalità, TCS1, TCS2 e OFF da utilizzare in off road; il motore ha due differenti mappe Sport (S) e Touring (T). Il cambio è a sei rapporti, mentre la trasmissione finale è di tipo a cardano.

Yamaha Super Ténéré XT1200Z
Yamaha Super Ténéré XT1200Z

Il telaio della moto è realizzato in tubolare in acciaio “Backbone”, e le sospensioni sono costituite da una forcella a steli rovesciati di 43 mm, regolabile il precarico, compressione e estensione, e dal monoammortizzatore posteriore con possibilità di regolazione del precarico (tramite comoda manopola) e in estensione. Infine i dischi dei freni sono di tipo a margherita, con all’anteriore la coppia di 310 mm su cui agiscono pinze a 4 pistoncini mentre al posteriore sul singolo disco di 210 mm lavora una pinza a singolo pistoncino. La frenata è integrata (UBS) è permette di frenare con entrambe le ruote con il comando a manubrio, o di frenare indipendentemente con le singole ruote se si agisce prima sul comando a pedale. Ovviamente non manca l’ABS di serie disinseribile.

Check Also

Vespa Elettrica, bella ed ecologica. La nostra prova.

Sotto la pelle di Vespa Elettrica c’è un motore ad alto contenuto di tecnologia, ma il design è quello che storicamente ne ha decretato il successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.