Valtrebbia Food & Ride Moto Experience

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience

Un tour di due giorni andata e ritorno dalle colline di Piacenza fino al lungomare di Recco e viceversa, attraverso la Valtrebbia, Val d’Aveto e Val Nure. Curve, paesaggi, e soste mirate a valorizzare e far conoscere le eccellenze di questi territori.

Prendete il Consorzio Tutela Salumi Piacentini DOP. Unitelo con un’ideale linea geografica e gastronomica al Consorzio Focaccia di Recco col Formaggio IGP. Fatevi condurre lungo le strade che uniscono Piacenza a Recco da Alessandro Tramelli (Motorbike Event Tour) avendo a disposizione una Yamaha T700. Shakerate il tutto, aggiungete un meteo che a dispetto delle premesse ha offerto due splendide giornate, e otterrete Valtrebbia Food & Ride Moto Experience, un bellissimo evento andato in scena gli scorsi 17 e 18 maggio. Noi di Moto-OnTheRoad c’eravamo, e ve lo raccontiamo.

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience Piacenza

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience scorta
La partenza da piazza Cavalli a Piacenza (foto Thomas Maccabelli)

Si fa presto a dire pane e salame!

Scortati dalla Municipale partiamo dalla centralissima piazza Cavalli a Piacenza. La prima sosta è presso il Salumificio Grossetti in località Stra’ di Pianello, dove il titolare sig. Antonio ci guida alla scoperta dei segreti dei tre salumi DOP piacentini: la coppa, la pancetta e il salame. Disciplinari stringenti su cui vigila il Consorzio, la scelta accurata della carne e del periodo di macellazione, la lavorazione aiutata dalla tecnologia attuale ma dove la manualità e il sapere del norcino rivestono ancora il ruolo determinante. Quindi la visita a una specie di paradiso in terra dove avviene la stagionatura dei prodotti, ed è un peccato che le foto non possano restituire gli odori, i profumi, la fragranza. Poteva infine mancare la degustazione? No di certo! E sarà la prima di una lunga serie di questo Valtrebbia Food & Ride Moto Experience.

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience salumi
Peccato non si sentano i profumi

Curve & Panorami

Si riparte lungo strade secondarie che ci portano prima sul panoramicissimo Passo Caldarola, poi giù verso Brodo lungo uno stradello un tempo sterrato e oggi quasi completamente asfaltato, quindi ci ricongiungiamo alla statale 45 che ci porta fino a Bobbio. Lì visitiamo la bella Abbazia benedettina dedicata a San Colombano all’interno della quale sono stati scoperti dei mosaici risalenti al XII secolo, in cui tra le varie raffigurazioni più o meno allegoriche si possono vedere scene agresti dedicate allo scorrere delle stagioni, e in cui nel mese di dicembre sono rappresentati l’allevamento la macellazione e la lavorazione delle carni del maiale. Dietro ogni fetta c’è una storia antichissima!

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience mosaici
I mosaici nella cripta dell’Abbazia di San Colombano a Bobbio

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience passo Caldarola

Sosta pranzo all’Albergo Ristorante Piacentino, curve fino alla sosta caffè in quel di Ottone, controcurve fino a Bargagli, deviazione per Lumarzo prima e Uscio poi, altri toboga tutti da guidare, e infine relax vista mare su Recco dove ci aspetta Daniela del Consorzio Focaccia di Recco per l’altra metà del Valtrebbia Food & Ride Moto Experience.

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience specchio

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience Recco

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience Franz Recco
(foto Thomas Maccabelli)

Connubio perfetto

La cena da Manuelina e il pranzo dell’indomani da O’ Vittorio, due locali storici della Liguria, sono un tripudio di sapori, gioia per tutti e cinque i sensi. Mani che impastano, tirano, stendono, pestano, cuciono, tagliano, qui il connubio Piacenza-Recco – Salumi-Focaccia raggiunge il suo culmine, e non c’è tecnologia che possa sostituire la passione e l’esperienza che si tramanda da generazioni.

Cinque ingredienti per la focaccia (acqua, farina, sale, olio, crescenza), sette per il pesto (aglio, pinoli, basilico, sale grosso, grana, pecorino, olio), nessun segreto o ricette custodite nei caveau. Ovunque potrete mangiare un’ottima focaccia al formaggio, ma la vera Focaccia di Recco col Formaggio IGP la potete gustare solo qui! Se poi l’accompagnate con due fette di saporitissima coppa piacentina, o di sottilissima pancetta piacentina, o di profumatissimo salame piacentino, ecco che alzarsi da tavola sarà impresa non banale.

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience pesto
I sette ingredienti del pesto
Valtrebbia Food & Ride Moto Experience connubio
Focaccia & Salumi: what else?

E’ ora di rientrare

Sabato mattina ci trasferiamo in battello a Camogli, piccolo gioiello che nulla ha da invidiare alle Cinque Terre. Il tempo di una breve visita e rientriamo a Recco per l’ultimo pranzo, sempre a base di Focaccia & Salumi, chevvelodicoaffare. Quindi si parte per l’ultima tappa del Valtrebbia Food & Ride Moto Experience, quella che attraverso la Val d’Aveto e la Val Nure ci riporterà a Piacenza.

Bellissima la strada fino a S. Stefano d’Aveto, decisamente disastrata la discesa dal Passo del Tomarlo, dove la stanchezza e il ripresentarsi di un antico problema alla mano della frizione ci ha imposto di rallentare drasticamente l’andatura (grazie all’amico Diego Sgorbati che in coda al gruppo ci ha scortati con pazienza) fino a che non abbiamo recuperato pianura, rotonde e stradoni.

(foto Thomas Maccabelli)

La moto del tour

Per i due giorni del tour Alessandro Tramelli ci ha messo a disposizione le Yamaha Tenéré 700 della sua scuola di enduro. Che dire, se è una delle moto più gettonate del momento un motivo ci sarà. E infatti: eccola qua la moto polivalente per eccellenza! Quella che puoi caricarci due bagagli, affrontare un trasferimento veloce di 2/300 km, e una volta sul posto infilarti per stradelli e sentieri offroad dove l’unico limite non è quello della moto ma il tuo.

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience T700

Alta e impettita sulle prime sembra non concedere tanta confidenza, il baricentro pare altino e complici le gomme tassellate nuove di pacca ancora coi pirulini servono diversi chilometri prima di cominciare a darsi del tu. Ci prendiamo il dovuto tempo e piano piano diventa semplice e intuitiva, la posizione di guida è ottima, la sella consente di spostarsi più avanti o più indietro a seconda delle esigenze, il peso è ben gestibile anche nella guida in piedi, ed è un bel divertimento pennellare le curve contando su una trazione mai brusca e sulla giusta dose di cavalli.

E’ alta, e anche con le nostre lunghe leve ci siamo trovati a faticare più del previsto nelle manovre da fermo, e come accennato abbiamo avuto qualche problema sullo sconnesso, forse dovuto anche a una taratura delle sospensioni non ottimale per noi. Per contro nel breve tratto di sterrato ci siamo divertiti un sacco, e ora ci è rimasta la voglia di provarla in qualche evento offroad.

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience sterrato

Per finire

Un piccolo appunto ai tracciatori del percorso: visto che è a un tiro di schioppo la prossima volta, per favore, includete anche una visita a Grazzano Visconti. E non dimenticate di chiamarci.

Se volete replicare il giro, cliccando qui trovate il file gpx del percorso (solo asfalto)

Occhio al calendario: se volete provare la dipendenza da focaccia sappiate che ogni quarta domenica di maggio a Recco si tiene la Festa della Focaccia, la raccontiamo qui

Consorzio Salumi Piacentini DOP

Consorzio Focaccia di Recco col Formaggio IGP

Tramelli Motorbike Event Tour

 

Check Also

Melegnano la porta di Milano che regala scorci ed emozioni

Provenendo da sud l’ultimo casello della A1 è quello che rende Melegnano la porta di Milano. Ne abbiamo scoperto bellezze e particolarità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *