Triumph Street Scrambler 900: impressioni su strada

Bella, con fascino old style e facile da guidare: questa in sintesi la Triumph Street Scrambler 900, una moto senza tempo

La Triumph Street Scrambler 900 – come le versioni precedenti – è legata a un numero, il 278, a un attore, Steve McQueen, e a una manifestazione: la Six Day Trial del 1964 nella D.D.R. Il famoso attore americano, grande appassionato di moto, partecipò in piena guerra fredda con la squadra Americana, alla Sei giorni di Regolarità ottenendo una medaglia d’Argento. La moto era una Triumph Scrambler 650 bicilindrica, diventata nel tempo una vera Icona dell’Off-Road.

La casa Inglese sfruttando questa immagine, ha presentato nel 2006 la prima versione della nuova Scrambler, mentre nel 2019 la moto è stata rivista ma non stravolta. Per questa ultima versione il motore ha ricevuto il 18% di potenza in più, ora i cavalli sono 65 a 7.400 g/m, (500 in più) con una coppia di 80 Nm a 4.000 g/m, abbondante in tutto l’arco di erogazione. Il motore è un bicilindrico parallelo 4 valvole (per cilindro) raffreddato a liquido di 900 cc (84,6 mm x 80 mm) con manovellismo a 270°.

Tre mappature

I tecnici Inglesi hanno lavorato tanto sulla parte elettronica, ora il comando del gas è Ride-by-wire, sono tre le mappe (Road, Rain e Off-Road). Strumentazione multifunzionale LCD che comprende: tachimetro analogico, giri motore, odometro, marcia inserita, livello carburate, autonomia residua, manutenzione programmata, orologio, indicatore consumi e indicatore Traction control.

Il cambio ha sempre 5 rapporti, la frizione è assistita  con dischi in bagno d’olio.  L’Abs e il  Traction control sono disinseribili (mappa Off-Road). Il telaio è una culla in acciaio tubolare, il forcellone a doppio braccio in acciaio ha due  ammortizzatori KYB regolabili in precarico con 120 mm di escursione. La forcella KYB ha la cartuccia da 41 mm con il precarico regolabile e 120 mm di escursione. I cerchi  sono a raggi con pneumatici Metzeler Tourance da 100/90-19” all’anteriore e 150/70-17” al posteriore. Gli scarichi sono alti 2 in 2 spazzolati con  para calore neri. Il freno anteriore monta un disco  da 310 mm. con pinza assiale Brembo a 4 pistoncini, e ABS, al posteriore abbiamo un disco da 255 con pinza flottante Nissin a 2 pistoncini, e ABS. Il peso a secco della moto è di 203 kg.

Triumph Street Scrambler 900, cosa ne pensa Rino

Ma come va su strada questa splendida moto? Grazie alla concessionaria triumphbrianza.com abbiamo avuto l’opportunità di provarla. La moto in prova era la versione  Khaki Green & Matt Aluminium consegnata da Davide Rizzo della concessionaria di Albiate. La Scrambler da ferma affascina per la sua eleganza, le linee classiche la rendono senza tempo. Le finiture come ormai Triumph fa da sempre sono ottime, nulla stona. La sella con finiture stile Adventure per il pilota e il passeggero è molto bella. Ma quando si è alla guida della Scrambler si apprezzano subito l’ottimo triangolo sella, pedane, manubrio alto e largo al punto giusto (sono altro 176 cm).

La Scrambler mette a suo agio chiunque abbia un minimo di esperienza nella guida di una moto, tanto è facile da guidare. Il motore con la sua potenza non mette in difficoltà e permette spostamenti molto veloci anche nelle super strade viaggiando a velocità codice. La protezione all’aria di questo Novembre non è il massimo, ma lei non nasce per macinare chilometri ad alta velocità.

Lungo le curve del lungolago è a suo agio

Arrivati sulle strade delle lago la Speed Scrambler trova finalmente il suo ambiente, curve che si susseguono e panorami da guardare, perché le moto non sono solo angoli di piega e frenate al limite. Tra i tornati si apprezzano l’agilità e il tiro del motore, il cambio a 5 rapporti è preciso e morbido nell’innesto, come la  frizione. La frenata è molto buona, frenando con violenza le forcella affonda un po’, ma solo se si esagera.

 

La sella molto confortevole e il reparto sospensioni che assorbono tutte le imperfezioni delle nostre strade, regalano al pilota una guida rilassata. Il motore con i suoi 80 Nm a 4.000 g/m sono un dono per affrontare i tornanti secchi in totale tranquillità, basta aprire il gas e la moto esce allegra con il suo fantastico rombo, altra cosa che conquista di questa Triumph. Che la moto affascini il pubblico femminile e maschile, l’abbiamo notato quando abbiamo lasciato la moto parcheggiata per le foto, tante sono state le persone che hanno chiesto informazioni su questa Modern Classic Inglese.

La strumentazione multifunzione LCD, con tachimetro analogico, indica anche: giri motore, marcia innestata, odometro, livello carburante, autonomia residua, orologio, manutenzione programmata, consumi, stato del traction control. È predisposta inoltre per le manopole riscaldate e il sistema di monitoraggio pressione gomme.

Non si passa inosservati

La Scrambler conquista per la qualità dei componenti, le finiture vintage, e per la sua guida all’antica che le moto odierne ricche di prestazioni e elettronica, non sanno regalare. Con la Speed Scrambler, Triumph ritorna su concetti base per guidare una moto, con la giusta potenza e coppia, e una leggerezza e facilità di guida in ogni frangente.

La Triumph Street Scrambler 900 non passa inosservata

Questa è una di quelle moto che potendo, tutti gli appassionati dovrebbero aver nel box, con lei parti da solo o in coppia per strade secondarie, in montagna, al mare o laghi in compagnia di un motore sempre presente e brillante. Una volta parcheggiata là si può ammirare per le sue linee classiche che non invecchiano mai, una moto che non stancherà mai di guidarla e guardarla.

Dati tecnici Triumph Street Scrambler 900

Motore                                    Bicilindrico parallelo 8 Valvole

Raffreddamento                    a liquido

Cilindrata                                900cc

Potenza Massima                   65 Cv a 7500 gitri (47,8 Kw)

Coppia Massima                     80 Nm a 3200 giri/min

Alimentazione                         Iniezione elettronica sistema Ride by Wire

Scarico                                      2 in 2

Emissioni                                 Euro 4

Trasmissione finale                Catena

Frizione                                     Bagno d’olio

Cambio                                      5 velocità

Telaio                                         Culla in acciaio

Forcellone                                 Doppio braccio in acciaio

Ruota anteriore                        a raggi 19” x 2,5”

Ruota posteriore                      a raggi 17” x 4,25”

Pneumatico anteriore              100/90/19

Pneumatico posteriore            150/70/17

Sospensione posteriore           Doppio ammortizzatore KYB con precarico regolabile

Sospensione anteriore             Forcella KYB steli 41

Freno anteriore                        Disco flottante 310 mm con pinza Brembo 4 pistoncini

Freno  posteriore                     Disco flottante 255 mm con pinza Nissin 2 pistoncini

Interasse                                    1.445 mm

Avancorsa                                  109

Peso                                             203 Kg

Capacità serbatoio                    12 L

Prezzo                                          10.900 €

Per la sua prova su una moto dal fascino street, Rino ha utilizzato la giacca Hevik Black Jack

 

Check Also

Triumph Tiger 900 GT Pro: impressioni di guida sul 3 cilindri inglese

Bella, ben rifinita e molto godibile, la Triumph Tiger 900 GT Pro, migliora tutte le caratteristiche di questo modello di successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.