Antronio Cairoli 6 volte Campione del Mondo.

Mondiale Motocross MX1, tutto in un giorno per Cairoli e Herlings.

Antronio Cairoli 6 volte Campione del Mondo.

In ballo c’era tutta la stagione 2012, con la possibile assegnazione dei due titoli mondiali nella MX1 e nell’MX2. A completare la ricca offerta  di questo “weekend evento” si sono disputate anche le gare del Campionato Euproeo EMX1 -EMX2. Insomma due giorni di vera libidine per gli appassionati del motocross.

Antonio Cairoli e Jeffrey Herlings con le tabelle iridate 2012.

Cronaca e immagini del weekend della MX1

in questo articolo parleremo della MX1, prestissimo sarà online anche l’articolo sulla vittoria di Jeffrey Herlings nella MX2.

Venerdì: Il giorno della distensione mentale.

Mirabilandia – Image © Youthstream

Il fine settimana “decisivo” è iniziato, il venerdì mattina, all’insegna della distensione e del rilassamento. E cosa c’è di meglio, se non un parco dei divertimenti, per svagarsi? Con una gita, programmata dall’organizzazione, piloti, giornalisti e parenti tutti hanno potuto passare un’intera giornata presso il parco divertimenti di Mirabilandia.

Marionna Leiva di Youthstream e alcuni piloti prima . . .
– Image © Youthstream
Marionna Leiva di Youthstream e alcuni piloti durante . . .
– Image © Youthstream
Marionna Leiva di Youthstream dopo . . .
– Image © Youthstream

Qui, piloti e addetti ai lavori hanno potuto provare le attrazioni del parco allontanando dalla mente, almeno per qualche ora, tutti i pensieri agonistici del mondiale.

Intervista ad Alessandro Lupino, pilota MX2, presso il parco divertimenti di Mirabilandia. – Image © Youthstream

La gita a Mirabilandia è stata anche l’occasione per promuovere il motocross, dapprima con la presentazione al pubblico e le interviste di rito ai piloti presenti

Le moto del Team Honda esposte a Mirabilandia.
– Image © Youthstream

e poi con l’esposizione delle moto del Team Honda in un apposito spazio allestito all’interno del parco.

La presentazione del video Speed,Mud and Glory. La storia di Antonio Cairoli. – Image © Youthstream

La giornata è proseguita con una bella serata, organizzata da Tony Cairoli  e dal Team Red Bull KTM Factory Racing. Presso l’hospitality KTM, aall’interno del paddock, Tony Cairoli ha ospitato parenti, amici e giornalisti per la presentazione ufficiale del suo nuovo video “ Speed Mud and Glory”.

Un momento conviviale, per passare qualche ora in buona compagnia, per conoscere  meglio la storia del Tony nazionale ma, sopratutto, per fare sentire ad Antonio il sostengo di tutti alla vigilia di una gara fondamentale per la sua stagione.

La serata al paddock è continuata con la festa dei tifosi italiani e stranieri che si sono intrattenuti sino a notte fonda tra bicchieri di birra piadine e grigliate.

Sabato: L’attesa.

Al cancello di partenza Cairoli scherza e sorride. Il clima è molto disteso.

E’ il giorno dell’attesa, è la vigilia del grande evento. Il clima, tra i protagonisti, non è teso, al contrario è piuttosto rilassato, un po come se tutto fosse già stato scritto.

Sebastien Pourcel.In pista, i protagonisti della giornata  sono i fratelli Sebastien e Christophe Pourcel, entrambe su Kawasaki, che si aggiudicano il primo e il secondo posto nella manche di qualificazione.

Christophe Pourcel.

Sebastien ha centrato l’holeshot e si è aggiudicato la pole mentre Christophe si è reso protagonista di una brutta partenza e di una bella rimonta che lo ha portato dal decimo al secondo posto, dietro le spalle del fratello.

Clement Desalle non è riuscito a rovinare la festa a Cairoli.

Tra i più attesi protagonisti di questo fine settimana c’è Clement Desalle (Suzuki). Sul pilota belga grava il peso del ruolo, scomodo, del guastafeste. Lui è l’unico che può rovinare la giornata di Antonio Cairoli. Per portare a termine questa operazione, quasi impossibile,  dovrebbe riuscire a lasciare dietro, in entrambe le manche,  il numero 222.

Clement ha disputato una buona qualifica, nonostante il riacutizzarsi del dolore alla mano destra. Desalle, il guerriero, ha saputo mantenere la quarta posizione alle spalle di Shaun Simpson (Yamaha) che si è dovuto accontentare della terza posizione alle spalle di Christophe Pourcel.

Antonio Cairoli nelle prove del sabato.

Antonio Cairoli, il pilota più atteso a Faenza, ha iniziato il sabato lasciando i suoi tifosi con il fiato sospeso. Le sue dichiarazioni sullo scarso feeling con la pista faentina hanno destato qualche preoccupazione. Preoccupazioni che sono cresciute dopo la manche di qualifica. Complice una brutta partenza che lo ha imbottigliato nel gruppone, e una sassata sugli occhiali non ha potuto fare meglio di un  quattordicesimo posto.

Duranrte la conferenza stampa Christophe Pourcel e Antonio Cairoli si scambiano alcune battute sull’esito delle qualifiche.

Tranquillo e sereno, alla conferenza stampa del sabato sera, ha rassicurato tutti dichiarato “domani è un’altro giorno e sarà tutta un’altra gara”.

Secondo noi Cairoli ha gestito la manche di qualificazione evitando qualsiasi potenziale errore o problema. Non è entrato nella bagarre della gara e ha risparmiato motore ed energie per le gare della domenica. L’unico prezzo da pagare per questa scelta è il quattordicesimo posto al cancello di partenza, ma il cronometro parla chiaro, la rimonta è possibile.

Domenica: L’evento 

Sono le 7,15 del mattino, arrivando al circuito Montecoralli notiamo che le sommità delle  le colline, adiacenti la pista, sono imbiancate da file di camper. Nei parcheggi le automobili e i furgoni si sono moltiplicati e gli spazi rimasti sono sempre meno. Segno evidente che molti appassionati sono arrivati nella notte. I più fortunati hanno dormito nei camper e furgoni mentre altri hanno pernottato in auto o in tenda.

Ore 10.00 della domenica mattina, il colpo d’occhio sul circuito Montecoralli di Faenza.
Tifosi di Cairoli in attesa della prima manche della MX1.
Tifosi di Cairoli aspettano il passaggio del loro idolo in prossimità del traguardo.

E‘ il grande giorno, il pubblico ha risposto nel migliore dei modi arrivando da tutta Italia e affollando il paddock e le tribune naturali del circuito faentino. Anche il meteo è stato clemente, uno splendido sole riscalda la fresca mattinata.

I fotografi assediano la postazione dove Antonio Cairoli prenderà il via nella prima manche.

Sulla pista, Cairoli mantiene la promessa del sabato sera. La musica sembra cambiata letteralmente, poche parole, pochi sorrisi e massima concentrazione.

Cairoli cheide ai fotografi e ai media di spostarsi dalla linea della traiettoria di partenza.

Concentrazione che si vede già al cancello di partenza. Cuffie in testa che suonano la musica giusta per caricarsi a molla e massima cura nella preparazione del solco di partenza, tanto da fare spostare i fotografi, che lo assediano, e non gli permettono di vedere bene la traiettoria di partenza.

La musica dagli altoparlanti inizia tuonare con ritmi sempre più frenetici mentre lo speaker presenta i piloti che prendono posizione al cancelletto. Il pubblico si infiamma e si fa sentire a gran voce, nonostante il luogo all’aperto sembra di essere all’interno di uno stadio.

Prima curva e holeshot per Sebastien Pourcel.
Il sorpasso di Cairoli ai danni di Pourcel. Un sorpasso che vale il titolo mondiale.

E’ il clima giusto e Cairoli risponde nel migliore dei modi. Alla partenza si ritrova dietro a Sebastian Pourcel, tempo due giri, giusto per scaldarsi, e poi in staccata passa il francese ed è virtualmente Campione del Mondo.

Quella di Cairoli è una guida leggera, veloce, senza sbavature e senza troppa spettacolarità, con il solo obiettivo della vittoria. Unico imprevisto tecnico, a dieci minuti dalla fine, un problema al freno posteriore che gli fa perdere, vistosamente, terreno sul secondo, Christophe Pourcel. La caparbietà, il carattere di Cairoli e l’incitamento del pubblico italiano sono una miscela esplosiva che farebbero arrivare il campione siciliano al traguardo anche a piedi.

E’ fatta, il 6° Titolo Mondiale è tuo!

Una ulteriore prova di forza di Antonio Cairoli che taglia il traguardo per primo regolando in seconda posizione Christophe Pourcel e in terza Clement Desalle. Adesso il sesto titolo è matematicamente suo e la festa può iniziare!

Tifosi e amici festeggiano Tony Cairoli all’arrivo della prima manche.
Cambio di maglia, nella tenda dietro il podio, e la festa può continuare.
L’abbraccio fraterno tra Tony Cairoli e Claudio De Carli, Team Manager KTM.

Dopo la linea del traguardo, ad attenderlo, c’è una folla festante che colora di arancione la terra del Montecoralli. Tanto entusiasmo, tanta festa ma nessun eccesso scriteriato, questo è il comportamento che contraddistingue il popolo del motocross. E ci piace sottolinearlo.

Cairoli, intervistato dallo speacker di Youthstream, descrive al pubblico di Faenza la sua gara e le sue sensazioni.

Per Antonio Cairoli e il Team KTM vincere in casa, davanti al proprio pubblico è la migliore conclusione di una stagione strepitosa.

La nuova tabella di Campione del Mondo 2012 sulla KTM 222.
Foto di gruppo per il Team Red Bull KTM Factory Racing e il Fans Club 222.

Con questo sesto titolo che lo consacra il miglior pilota italiano di tutti i tempi, Antonio Cairoli ha eguagliato il record di Joel Robert  passando davanti a piloti del calibro di De Coster, Smel, Geboers e Jobè. Ora nel mirino di Tony Cairoli c’è Stephan Evert con i suoi dieci titoli, un traguardo che sembra essere alla portata del pilota siciliano, sia per l’età che per la costanza di risultati. Per scaramanzia è meglio non sbilanciarsi ma realisticamente tutto è possibile.

Maglia e casco iridati per il numero 222 nella seconda manche.
Arrivo della seconda manche.

Nel pomeriggio, la seconda manche, potrebbe essere interpretata come una passerella, ma per Cairoli non è così. Bisogna portare a termine una giornata già ricca di soddisfazioni, e così fa l’en plén, partendo e arrivando primo lasciando ancora tutti senza parole.

Sorpresa sul podio papà Benedetto premia il figlio.

Una giornata che vive un’altro momento bellissimo sul podio quando, a sorpresa, é papà Bendetto a premiare il figlio Campione del Mondo per la sesta volta. Proprio il padre di Cairoli è stato uno dei suoi più grandi sostenitori, colui che per primo ha capito il talento del figlio.

La tabella di Campione del Mondo per il pubblico di Faenza.
Spumante e festa sul podio.

Gli altri piloti hanno vissuto questo gran premio d’Europa senza troppe illusioni, si sapeva che era difficile rovinare la festa al Team KTM. Qualcuno aveva la classifica da consolidare mentre altri sono sembrati, piuttosto, concentrati sulle manovre di mercato e sul prossimo Trofeo delle Nazioni che si terrà a fine mese in Belgio a Lommel. Ma vediamo molto sinteticamente come sono andati gli altri piloti della MX1.

Ken De Dycker.

Ken De Dycker (KTM) ha corso l’ennesima gara di potenza. Sfortunato nella prima manche, vittima di una caduta nel corso del primo giro, è riuscito a recuperare dalla diciottesima posizione sino alla quarta. Non meno facile la seconda manche dove è rimasto bloccato nella settima posizione dall’inizio alla fine della gara. Una seconda manche senza troppi colpi di scena dove i sorpassi sono stati pochi e le posizioni si sono delineate da subito e si sono mantenute sino alle fine, quasi per tutti i piloti.

Evgeny Bobryshev, sesto nella classifica finale del gran premio.

Evgeny Bobryshev (Honda) si è complicato la giornata con una brutta partenza nella prima manche, che lo ha relegato nelle posizioni di centro gruppo al sedicesimo posto. La pista monotraiettoria non ha certo aiutato il pilota russo che, comunque, è riuscito a rimontare sino all’ottavo posto. Nella seconda manche si è accontentato di gestire la posizione per la classifica finale, mantenendosi in sesta posizione  posto si è  aggiudicato i lsesto posto nella classifica finale del gran premio.

Gautier Paulin.

Guatier Paulin (Kavasaki) ha disputato una gran premio non al massimo delle sue possibilità. Forse la poca concentrazione, o la mancanza di stimoli, lo hanno portato a commettere una serie di errori che gli sono costati  il podio per soli quattro punti.

Maximilan Nagl, per lui stagione da dimenticare.

Gran premio da dimenticare per Maximilian Nagl (KTM) che nella prima manche ha fatto registrare un ultimo posto mentre nella seconda manche è caduto nel mucchio della partenza e  ha dovuto lasciare la pista in barella.

La guida spettacolare di Tanel Leok.

Tanel Leok (Suzuki) ha deliziato il pubblico di Faenza con una guida spettacolare e bella da vedere, purtroppo non è riuscito ad andare oltre l’ottavo posto finale.

Davide Guarneri.

Da segnalare una buona prestazione di Davide Guarneri (KTM) che è entrato nella top ten del gran premio. Testa bassa e gomiti alti, la sua è una delle guide più spettacolari del mondiale, la grinta non manca mai e queste sono le migliori premesse per il prossimo Trofeo delle Nazioni di Lommel.

Conferenza stampa della MX1 ed esposizione della tabella iridata.

Nella conferenza stampa il Campione del Mondo ha dichiarato che vincere il titolo mondiale nel gran premio di casa è una bellissima esperienza, unica. Cairoli ha fatto i ringraziamenti di rito a tutte le persone che lavorano con lui dal Team agli sponsor. Un particolare pensiero ai suoi familiari che lo hanno sempre sostenuto in questi anni e gli sono stati vicini.

Ma la dedica del sesto titolo mondiale, quella più intima e più sentita, è tutta per sua mamma, che proprio lo scorso anno, di questi giorni, è venuta a mancare. Una figura che manca fisicamente ma che volgiamo pensare abbia guidato Tony per tutto questo campionato, facendolo correre leggero come una piuma tra le dure asperità della terra di mezzo mondo, rappresentando, al massimo livello, ancora una volta la sua Sicilia, l’Italia del motocross e dello sport vero.

Classifiche MX1:

MX1 Race 1 top ten: 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 39:40.533; 2. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:20.352; 3. Clement Desalle (BEL, Suzuki), +0:38.395; 4. Ken de Dycker (BEL, KTM), +0:43.878; 5. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), +0:46.102; 6. Tanel Leok (EST, Suzuki), +0:48.912; 7. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +0:50.670; 8. Evgeny Bobryshev (RUS, Honda), +0:56.385; 9. Joshua Coppins (NZL, Yamaha), +1:03.572; 10. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), +1:08.859;

MX1 Race 2 top ten: 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 39:58.407; 2. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:00.744; 3. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +0:22.031; 4. Clement Desalle (BEL, Suzuki), +0:29.496; 5. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:34.329; 6. Evgeny Bobryshev (RUS, Honda), +0:47.816; 7. Ken de Dycker (BEL, KTM), +1:00.580; 8. Davide Guarneri (ITA, KTM), +1:04.071; 9. Tanel Leok (EST, Suzuki), +1:08.447; 10. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), +1:10.500;

MX1 Overall top ten: 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 50 points; 2. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), 44 p.; 3. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 38 p.; 4. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), 34 p.; 5. Ken de Dycker (BEL, KTM), 32 p.; 6. Evgeny Bobryshev (RUS, Honda), 28 p.; 7. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), 27 p.; 8. Tanel Leok (EST, Suzuki), 27 p.; 9. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), 27 p.; 10. Davide Guarneri (ITA, KTM), 22 p.;

MX1 Championship top ten: 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 642 points; 2. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 554 p.; 3. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), 502 p.; 4. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), 496 p.; 5. Ken de Dycker (BEL, KTM), 478 p.; 6. Kevin Strijbos (BEL, KTM), 389 p.; 7. Xavier Boog (FRA, Kawasaki), 372 p.; 8. Tanel Leok (EST, Suzuki), 365 p.; 9. Rui Goncalves (POR, Honda), 315 p.; 10. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), 298 p.;

MX1 Manufacturers: 1. KTM, 692 points; 2. Kawasaki, 615 p.; 3. Suzuki, 577 p.; 4. Honda, 441 p.; 5. Yamaha, 420 p.; 6. TM, 58 p.;

 

 

All images © Alessandro Tiraboschi

Check Also

Mondiale Motocross – A Kegums ancora Carioli ed Herlings.

Kegums, Lettonia, una pista veloce e sabbiosa in superficie che nasconde molte insidie. Qui è disputata l’undicesima prova del Mondiale Motocross 2013. Novità delle novità, Cairoli ed Herlings dominano nelle rispettive categorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.