GP Qatar, tabella rossa per Desalle e Herlings.

Inizia da Losail la stagione 2013, molte le conferme e le sorprese.

Anche il Motocross, come la la Formula 1 e la MotoGP, è sbarcato in medio oriente.

Siamo a Losail, nell’emirato mediorientale del Qatar, da qui Youthstream ha deciso di far partire l’avventura del Mondiale Motocross 2013. Un Mondiale con molte novità che ha iniziato, in anticipo di qualche anno, le grandi manovre per rendere l’MX più interessante per il pubblico ma, sopratutto, per renderlo più appetibile per le dirette televisive. Solo per questa tappa del Qatar, e la prossima in Thailandia, è stato approntato un regolamento, sperimentale, che prevede una gara di qualifica per la MX1 e per la MX2, una manche di recupero “Last Chance Race”, per ripescare alcuni piloti delle due classi da inserire nella Super-Final, alla quale prenderanno parte contemporaneamente i piloti MX1 e MX2, in un’unica manche. Una formula che, in Qatar, ha dimostrato di poter funzionare bene ma che dovrebbe essere leggermente migliorata. La scelta di disputare una sola manche di qualificazione per ogni categoria rende più interessante e combattuta la gara. Meno interessante la gara di recupero, che risulta piuttosto noiosa. La super finale, invece, è l’evento che in molti si aspettavano di vedere, per il confronto diretto tra piloti delle due categorie come ad esempio Herlings e Cairoli. Una formula che può funzionare bene ma che non cambia certo i valori in campo sia dei piloti che dei mezzi meccanici.

Il circuito di Losail.
La pit-line di Losail.

Un‘altra grande sfida, di questa prima prova di mondiale, è stata quella dell’orario. Per la prima volta, la gara, si è corsa su di pista nuova e con un impianto d’illuminazione dalle cifre stratosferiche. Per illuminare il circuito è stata incaricata l’azienda, leader nel settore, Musco Lighting System, che illumina campi da gioco e circuiti, di ogni genere, indoor ed outdoor in tutto il mondo. Un pista nuova, piuttosto  tecnica con un fondo di terra, mista a sabbia, che ha reso molto insidiosa la pista. Solchi profondi e poco illuminati l’hanno resa piuttosto difficile da interpretare per la maggior parte dei piloti.

Jeffrey Herlings.

Con questa prima gara del mondiale 2013 si è aperta ufficialmente la caccia a Tony Cairoli e a Jeffrey Herlings. I due piloti KTM hanno riconfermato lo, strepitoso, stato di forma della scorsa stagione . Glenn Coldenhoff.Nella MX2, orfana di alcuni piloti di punta, passati nella categoria regina, come Tommy Searle (Kawasaki) e Van Horebeek (Kawasaki), Jeffrey Herlings ha dimostrato di non avere rivali. L’olandesino ha corso la gara 1 in grande scioltezza rifilando al secondo, Glenn Coldenhoff (KTM), una trentina di secondi mentre,  nella Super Final ha chiuso con un ottimo settimo posto, primo pilota della MX2 tra i big della MX1.  Antonio Cairoli, è partito male nella gara 1 e, complici un paio di problemi, ha dovuto correre in rimonta dal dodicesimo piazzamento sino la terzo posto finale. Le cose sono andate diversamente nella Super Final, dove il pilota siciliano dopo alcuni giri alle spalle di Celement Desalle (Suzuki) ha preso il comando gestendolo sino alla fine.

Clement Desalle.

Desalle, con un’ottima prova, ha chiuso la gara 1 al primo posto davanti a Ken de Dicker (KTM) mentre nella Super Final si è piazzato secondo portandosi a casa la tabella rossa e la testa della classifica mondiale.

Partenza della Super Final.

Kevin Strijbos (Suzuki) nella gara 1, dopo una partenza al fulmicotone ha impressionato tutti per velocità e per il modo con il quale ha preso un buon margine di vantaggio sul secondo. Poi un calo fisico o meccanico lo ha relegato in sesta posizione in entrambe le gare.

Gautier Paulin.

Gautier Paulin (Kawasaki) poco costante nella scorsa stagione, in Qatar è sembrato più determinato che mai. Il francese ha concluso il GP di Losail piazzandosi terzo nella classifica del mondiale. Verrebbe da dire i soliti tre ma è troppo presto per fare bilanci, nella MX1 ci sono altri piloti di ottimo livello che stanno crescendo.

Tommy Searle.

Tommy Searle è uno di questi. Il britannico è apparso molto tranquillo ma, allo stesso tempo, determinato a diventare protagonista della MX1. Tutto sta alla tranquillità che saprà infondere in lui il Team Kawasaki, magari mettendo in secondo piano i risultati a favore di un periodo di assestamento in questa nuova categoria. Intanto Searle si  portato a casa un settimo  posto nella gara 1 e un ottimo quinto posto nella Super Final.

Ken de Dicker.

Ken de Dedicker è uno dei piloti più in forma del momento, e non è un modo di dire. Ken ha perso una quindicina di chili di peso e si è allenato per molto tempo con il compagno di squadra Cairoli. Lo stile di guida è sempre molto imponente ma la guida sembra più fluida dello scorso anno. Il belga ha concluso la prova di Losail con un ottimo quarto posto nella classica mondiale.

Alessandro Lupino.

Alessandro Lupino (Kawasaki) ha disputato una buona prova, sesto nella gara 1della MX2 ha poi concluso al 28 posto nella Super Final. Alessandro corre la stagione più importante della sua carriera, non può sbagliare e lo sa bene, noi lo aspettiamo con fiducia.

David Philippaerts (Honda) è tornato in ottima forma fisica, un ottimo decimo posto nella Super Finale lo ha ripagato della fatica fatta in gara 1 quando ha corso in rimonta per via di una caduta. Anche David potrebbe essere uno dei protagonisti del mondiale 2013, diao anche a lui il tempo di assestarsi e di prendere confidenza con la nuova moto.

Il mondiale 2013 è partito tra novità e formule innovative, oltre a queste modifiche, necessarie, speriamo che anche lo spettacolo offerto dai piloti sia altrettanto interessante. La prima gara ha decretato nuovamente lo strapotere dei piloti KTM che sembrano ancora una volta inavvicinabili come lo scorso anno, ma siamo solo all’inizio.

MX GP QATAR Classifiche:

MX1

1 Desalle SUZ; 2 De Dycker KTM; 3 Cairoli KTM; 4 Paulin KAW; 5 Bobryshew HON; 6 Strijbos SUZ; 7 Searle KAW; 8 Simpson TM; 9 Goncalves KTM; 10 Guarneri KTM; 11 Nagl HON; 12 Frossard YAM; 13 Boog KTM; 14 Leok HON.

MX2

1 Herlings KTM, 2 Coldenhof KTM; 3 Charlier YAM; 4 Febvre KTM; 5 Penis YAM; 6 Lupino KAW; 7 Tixier KTM; 8 Lieber SUZ; 9 Pocock YAM; 10 Butron KTM.

LAST CHANCE MX2

1 Getteman HON; 2 Anstie SUZ; 3 Teillet KAW; 4 Frrandis KAW; 5 Dougan HON; 6 Justs A. HON; 7  Van Dueren KTM, 8 Justs R HON; 9 Rauchenecker KTM; 10 Golovkin KAW; 11 Cottrell HON; 12 Plessers HON; 13 Law KTM; 14 Monticelli TM; 15 Dunn KTM.

SUPER FINALE

1 Cairoli; 2 Desalle; 3 Paulin; 4 Bobryshev; 5 Searle; 6 Strijbos; 7 Herlings; 8 de Dycker; 9 Frossard; 10 Philippaerts; 11 Goncalves; 12 Boog; 13 Ferris; 14 Roelants a 1 giro; 15 Febvre; 16 leok; 17 Simpson; 18 Nicholls; 19 Barragan ; 20 Coldenhoff; 21 Tixier; 22 Butron; 23 nagl; 24 Charlier; 25 Anstie; 26 Guarneri; 27 Lieber; 28 Lupino; 29 Teillet; 30 Banks-Browne.

Classifica Mondiale :

1. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 47 points; 2. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 45 p.; 3. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), 38 p.; 4. Ken de Dycker (BEL, KTM), 36 p.; 5. Evgeny Bobryshev (RUS, Honda), 34 p.; 6. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), 30 p.; 7. Kevin Strijbos (BEL, Suzuki), 30 p.; 8. Rui Goncalves (POR, KTM), 23 p.; 9. Steven Frossard (FRA, Yamaha), 22 p.; 10. Shaun Simpson (GBR, TM), 20 p.;

All image © Youthstream Events

Check Also

Mondiale Motocross – A Kegums ancora Carioli ed Herlings.

Kegums, Lettonia, una pista veloce e sabbiosa in superficie che nasconde molte insidie. Qui è disputata l’undicesima prova del Mondiale Motocross 2013. Novità delle novità, Cairoli ed Herlings dominano nelle rispettive categorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.