Home / Viaggi in moto / Avventure / Sulla Trans-Kalahari HighwaySulla Trans-Kalahari Highway

Sulla Trans-Kalahari HighwaySulla Trans-Kalahari Highway

testo e foto Maurizio De Biasio

C’è aria di soddisfazione la mattina del 20 agosto: i nostri amici, ricevuto e montato il pneumatico arrivato da Cape Town, possono ripartire con la loro amata motocicletta. Maurizio ha l’impressione che anch’essa goda di essere nuovamente efficiente e percepisce dal suo bel bicilindrico quelle vibrazioni di “buon umore meccanico” che solo un pilota amante queste cavalcature può capire.

Windhoek. La gomma appena arrivata da Cape Town

Escono dalla capitale della Namibia verso Est sulla Trans-Kalahari Highway, superano la cittadina di Gobabis, raggiungono Buitepos, un piccolo insediamento nella regione Homaheke, posto di frontiera con il Botswana e passano l’ultima notte in questa stupenda terra. Il giorno seguente Daniela e Maurizio calpestano il territorio desertico del Kalahari in Botswana e si “bevono” 500 km di strada asfaltata in mezzo al nulla senza aver la possibilità di rifornire i serbatoi fino a Maun sul Delta dell’Okavango. 

Sossusvlei

Questa cittadina centro amministrativo del Ngamiland è detta la “capitale del turismo” del Botswana sede di partenza di numerosi safari. Alloggiano in tenda con vista sul fiume presso l’Okavango River Lodge e muovono per alcune escursioni sul Delta prima in battello, poi con un “mokoro”, la tipica canoa indigena ricavata scavando un tronco dritto di ebano o kigelia, ora realizzata anche in vetroresina. L’Okavango è un fiume che non sfocia in un mare ma si disperde in una palude di 15000 kmq di estensione dando vita, ai margini del deserto, ad una flora e fauna esuberanti che meriterebbero ben altro tempo e studio ma è già ora di continuare il viaggio in direzione di Francistown, seconda città per abitanti del Botswana, centro, sul finire del XIX° secolo, della prima corsa all’oro dell’Africa meridionale. 

Sul “Solitaire Country Lodge” ora c’è il logo del viaggio

Check Also

Nepal in moto con “Sasà”, il racconto e come organizzarlo da se. I parte.

Un fantastico viaggio - quello del Nepal in moto - fatto da Sasà. un'avventura che è possibile pianificare senza grandi costi. Ecco come fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *