Home / Viaggi in moto / Reportage / Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine

Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine

testo e foto Claudio Falanga

Vai alla prima parte 

[wp_geo_map]

La Spagna è vicinissima e noi proseguiamo verso nord seguendo la linea di fortificazioni che hanno difeso un confine che è sempre stato più politico che geografico.

La prima meta è Serpa un classico villaggio in case imbiancate a calce, con i resti di un acquedotto romano e un castello attorno al quale è cresciuto il piccolo centro urbano.

Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il Castello di Serpa
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il Castello di Serpa
IMG_1092
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Artigianato a Serpa
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine.
Serpa
Serpa
Il confine spagnolo non è distante
Il confine spagnolo non è distante
Serpa
Serpa

IMG_1097

A poca distanza sempre verso nord troviamo Moura, cittadina circondata da ulivi che si inerpica su un colle sul quale domina un castello moresco.

Il nome della cittadina ha origine, secondo una leggenda, dalla principessa Moura che si gettò dalla torre per il rimorso di aver aperto le porte della città ai mori invasori, scambiandoli per viandanti cristiani.

I vicoli di Moura
I vicoli di Moura

Interessanti i tetti a claraboia, con un comignolo traforato che consente l’ingresso di luce all’interno delle case.

La gente come sempre è molto cordiale, soprattutto quando scoprono che siamo italiani.

Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il castello di Mourao.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il castello di Mourao.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine.  Il castello di Mourao.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il castello di Mourao.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine.  Il castello di Mourao.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il castello di Mourao.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine.  Il castello di Mourao.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il castello di Mourao.
Il fiume Guadiana visto dalle mura del Castello di Mourao.
Il fiume Guadiana visto dalle mura del Castello di Mourao.
IMG_1127
Le mura dei castelli in Alentejo sono spesso allo “stato naturale” e bisogna fare attenzione a inerpicarsi

IMG_1126

Per arrivare a Mourao, si deve passare necessariamente il fiume Guadiana che in questo tratto di Alentejo segnerà il confine con la Spagna per diverse centinaia di chilometri.

Anche Mourao è fortificata e attorno al castello si trova un centro abitato fatto da vicoletti lastricati a ciottolato su cui si affacciano diversi ristoranti.

Una sosta per gustare uno dei tipici piatti portoghesi è d’obbligo.

Il Portogallo ha una luce strepitosa e il tempo incerto che ci accompagnerà per tutto il viaggio creerà degli effetti indimenticabili, grazie al contrasto delle nubi contro il cielo turchese. Spesso queste cromie si staglieranno contro i castelli dell’Alentejo, delineando maggiormente l’imponenza .

Le strade lungo tutto questo tragitto saranno in ottimo stato e il traffico praticamente irrilevante.

A pochi chilometri verso ovest, dall’altra parte del fiume Guadiana, Monsaraz è il centro più interessante di questa parte del nostro viaggio.

Il villaggio sorge su una collina e il castello con le mura intatte lo racchiude per buona parte.

Al suo interno parecchie botteghe artigiane, negozi con stoffe colorate e vasellame di ogni tipo.

La Igreja de Santa Maria
La Igreja de Santa Maria
Un vicolo a Monsaraz
Un vicolo a Monsaraz
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Monsaraz vista dalle mura
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Monsaraz vista dalle mura
Il castello di Monsaraz ha al suo interno uno spazio spesso dedicato alle corride
Il castello di Monsaraz ha al suo interno uno spazio spesso dedicato alle corride
Il fiume Guadiana scorre sotto le mura.
Il fiume Guadiana scorre sotto le mura.
Il castello
Il castello
Colori dell'artigianato in Alentejo
Colori dell’artigianato in Alentejo
Le ceramiche
Le ceramiche
La strada che porta a Monsaraz
La strada che porta a Monsaraz

IMG_1149

La linea di castelli dell’Alentejo continua verso nord dove troviamo Terena e il suo maniero. E’ piacevole guidare su queste strade e sostare per una foto o per un caffè. I distributori non sono poi così frequenti come in Italia e bisogna sempre avere una buon controllo della percorrenza.

Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il castello di Terena.
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il castello di Terena.
Vista dal Castello di Terena
Vista dal Castello di Terena

IMG_1198

Passiamo da Alandroal, un piccolo centro famoso per il suo santuario e ci dirigiamo a Juromenha, dove da informazioni certe si trova un castello molto interessante.

Alandroal
Alandroal

Posteggiamo poco fuori dalle mura il nostro BMW 1200GS e attraverso una porticina accediamo all’area fortificata. Il castello bellissimo, domina sul fiume, ma è purtroppo diroccato. Se noi in Italia abbiamo problemi di conservazione dei monumenti in Alentejo non sono da meno e questo è un vero peccato perché si tratta di una regione bellissima e forse troppo ricca di testimonianze del passato. Comunque sia, anche per lo stato di abbandono, il castello di Juromenha ha un fascino incredibile. Per arrivare in cima alle mura bisogna fare un po’ di attenzione alle scale non messe molto bene e assolutamente prive di protezione.

Il Castello di Juromenha
Il Castello di Juromenha
Completamente abbandonato, Il Castello di Juromenha ha un grande fascino
Completamente abbandonato, Il Castello di Juromenha ha un grande fascino
IMG_1214
Il fiume Guadiana scorre sotto il Castello di Juromenha. Da notare in lontananza un arcobaleno, testimonianza della variabilità del tempo
L'interno del Castello di Juromenha
L’interno del Castello di Juromenha

IMG_1205

Ritorniamo verso l’interno e passiamo da Vila Viçosa cittadina dedita alla lavorazione dei marmi provenienti dalle vicine cave, con una parte del vecchio insediamento fortificato abitata e la parte esterna che denota il benessere portato dall’attività estrattiva.

Vila Viçosa
Vila Viçosa

Estremoz guarda già all’interno dell’Alentejo e ha anch’esso un castello che in questo caso è ben tenuto. Al suo interno un prestigioso albergo che sarà anche il punto di sosta di questa parte del viaggio. Da qui potremmo portarci verso il cuore dell’Alentejo, ma proseguiremo lungo la linea di confine.

Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il Castello di Estremoz
Alentejo in moto, seconda parte. I castelli sul confine. Il Castello di Estremoz
Il Castello di Estremoz
Il Castello di Estremoz
Vista su Estremoz
Vista su Estremoz

 

Vai alla prima parte

Alentejo in moto i castelli sul confine. Si consiglia per pernottare e cenare.

IMG_1230Pousada Rainha Santa Isabel

Largo Dom Dinis

7100-509 Estremoz

Tel +351 268 332 075

guest@pousadas.pt

www.pousadas.pt

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Check Also

Team Moto-OnTheRoad a Il Classico in Moto

Il Classico in Moto. L’avventura mototuristica che appaga tutti i sensi

Il Classico in Moto quest'anno ha visto la partecipazione del team della redazione di Moto-OnTheRoad delle grandi occasioni, cioè, di quelle più goderecce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *