Home / Moto / News due ruote / “La Befana vien di notte….”

“La Befana vien di notte….”

di Flavio Carato

E invece no, anche se le luci della metropoli Milanese combattono con le prime luci del giorno che inizia la notte ormai è andata e la Befana non ha le scarpe rotte, ma bensì stivali stivali da moto, giacche colorate e caschi sgargianti.
Non una Befana, ma una moltitudine a cavallo di scope a due ruote che pacificamente invadono le strade di Milano.
Eccola la 47 edizione della Moto Befana organizzata dal Moto Club Ticinese.
Un tradizionale evento, simile a molti in tutta la nostra bella penisola, che vuole portare un sorriso e un po’ di gioia almeno per un giorno a chi è stato meno fortunato di noi.

Befana_Benefica_Milano_2013_011

P.zza Castello invasa da folcloristici e goliardici motociclisti camuffati da Befane improbabili su moto trasformate in gerle cariche di dolci e doni.
Una moltitudine chiamata dalla tradizione e dalla voglia di aprire la stagione motociclistica con un sano gesto di solidarietà.
La Moto Befana è principalmente questo, la voglia di ritrovarsi con un valido motivo, il desiderio di esserci e fare del bene.
Forse non per tutti, non mancano quelli a cui non gliene frega niente, quelli che semplicemente si aggregano per avere la scusa di un giro in moto e ancora quelli che approfittano del “tutto è concesso” per esibirsi in fastidiosi burn-out ed esibizioni pericolose per se e per gli altri, ma fortunatamente negli anni personaggi tali sono stati sempre più isolati fino a diventare un minoranza in un giorno di festa.
Le strade per un giorno dimenticano le restrizioni antiinquinamento e anche i cittadini, di solito ostili verso le due ruote, applaudono al passaggio di questo serpentone colorato; almeno per un giorno non siamo brutti, sporchi e cattivi.
Le tappe sono le solite, prima al Piccolo cottolengo Don Orione e successivamente alla Sacra Famiglia di Cesano Boscone.
Facce sorridenti ci accolgono, ci aspettano, anche per loro è un evento tradizionale, ci confondiamo tra loro portando piccoli doni e grandi sorrisi.
Per qualche momento la loro esistenza ha avuto una gioia in più, glielo si legge negli sguardi.
Occhi che ci accompagnano anche tornando a casa con la convinzione che la moto è capace anche di donare gioia e solidarietà, magari con l’impegno che non sia solo per un giorno.

Check Also

Fase 2, si potrà portare il passeggero in moto?

Non sono ancora chiare le modalità di utilizzo di moto e scooter, ma su questi mezzi si fa conto per alleggerire l’affollamento dei mezzi pubblici

One comment

  1. Hello to all, the contents present at this web page
    are really remarkable for people knowledge, well, keep up
    the nice work fellows.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.