Colli Euganei: se dico fango a cosa pensate?

I Colli Euganei offrono un’inaspettata proposta di soggiorno, che attira e attrae amanti delle due ruote On&Off Road ed estimatori del benessere e dei fanghi

Testo e foto di Paola Bettineschi

[wp_geo_map]

Abano e Montegrotto Terme_trattamenti fango_Archivio Fotografico Turismo Padova Terme Euganee  Provincia di Padova  Consorzio Terme Euganee

E in tutto questo, il fango o i fanghi cosa c’entrano?

Venite con me e lo scoprirete…

Versioni apparentemente discordanti, ma con un comune denominatore…

Abano Terme

Sì, perché i colli Euganei offrono un’inaspettata proposta di soggiorno, che attira e attrae amanti delle due ruote On&Off Road ed estimatori del benessere.

storia e cultura 00

Lontano dalle rotte tradizionali del turismo convenzionale, facilmente raggiungibile, il comprensorio di Abano e Montegrotto Terme dispensa molteplici opportunità di soggiorno e di svago.

Vi sorprenderà scoprire che questi luoghi vantano ricchezze infinite e preziose.

Madre Natura è stata generosa e le sapienti mani dell’uomo hanno saputo creare strutture e percorsi per ospitare e condurre i visitatori in un viaggio fatto di Benessere con la B maiuscola, itinerari e panorami mozzafiato, frutti e sapori abilmente modellati, raffinate dimore che non a caso sono state elette come residenza da illustri personalità le cui opere riecheggiano ancor oggi.

Casa Petrarca

colli euganei 01

colli euganei 03

villa 01

Sembrerà strano, ma alla base di queste invidiabili risorse c’è una materia che, nella sua semplicità e terrena provenienza, dona virtù ed energia a chi ne entra in contatto: il fango.

fangoterapia 01

Ebbene sì, per ricaricarsi e rigenerarsi dalle fatiche lavorative e spesso patologiche della vita di tutti i giorni, non bisogna solo essere motociclisti incalliti che in sella alla propria moto ritrovano il contatto con la madre terra, tra zolle, boschi, colline e curve. Ma è proprio qui tra i colli Euganei che la stessa terra mette a disposizione un elemento prodigioso, che matura e si arricchisce di vita: il fango.

Le sue proprietà curative sono riconosciute e certificate, i benefici si ottengono grazie al calore generato e rilasciato gradatamente dall’acqua termale ed alle microalghe che in esso si sviluppano. Un ciclo di trattamenti con frequenza quotidiana seguito da brevi bagni termali, sotto la supervisione di fangoterapisti e personale medico, potrà risolvere molte patologie legate agli apparati osteo-articolari e muscolari. Non solo consigliato a persone attempate o veterane del turismo termale, ma anche a sportivi e soggetti che intelligentemente sfruttano le proprietà naturali per la prevenzione e per la cura del corpo e della mente.

Riscoprire i giovamenti dell’ozio e del relax, che tanto cari furono ai nostri avi, è segno di saggezza. La testimonianza che da sempre questi luoghi vennero sfruttati per le loro naturali potenzialità è proprio qui, sotto i nostri occhi e sotto i nostri piedi. Grandiosi ritrovamenti storici raccontano quanto importante era il concetto di benessere: ”mens sana in corpore sano”

area archeolog

Non sarà difficile per voi trovare ospitalità in questi luoghi, ma non posso non consigliare il modo migliore per accostarvi a questo piacevole contesto, lasciandovi avvolgere da un’elegante e raffinata atmosfera d’altri tempi, fatta di gesti delicati e rispetto per il tempo.

L’hotel AbanoRitz sapientemente gestito dalla famiglia Poletto e dalla cortesia dello suo staff, vi accoglierà e vi cullerà. Qui troverete la migliore formula di soggiorno, adatta alle vostre necessità e possibilità. Un ambiente stimolante e ricercato, dove ogni elemento ed ogni ambiente rivive in chiave contemporanea e creativa l’arte delle coccole e delle cure per se stessi e per i nostri cari.

AbanoRitz 00

AbanoRitz_camera1

AbanoRitz 02

AbanoRitz_fangoterapia coppia

il brutto anattroccolo

cibo brutto anattr 03

vino bianco

vino rosso

Anche se noi godiamo del privilegio di girare in moto, nulla ci vieta di cavalcare lo spirito ecologista, che nella provincia di Padova è molto sentito. Grazie al sostegno di illustri esponenti e di eccellenti organizzazioni che operano a favore del turismo e del trasporto ciclabile, è possibile scoprire affascinanti località padovane ed euganee, pedalando in tutta sicurezza lungo le piste dedicate.

viagginbici 01

Comunque non ha prezzo girovagare in moto tra le prominenti colline, i borghi medioevali, i siti archeologici e le cantine, scoprendo che il “brodo di giuggiole” esiste davvero e lo trovate proprio qui, pronto per essere stappato e sorseggiato. Che la stessa terra, che come linfa alimenta il nostro corpo da sempre, qui nutre anche ulivi e vigneti. Tutto questo vi farà venire voglia di tornare per dedicare più tempo alla contemplazione di così tanta genuina ricchezza naturalistica. Sì proprio qui, dove anche l’arte e la cultura si fondono e dove cortesia è sinonimo di sorriso e piacere di condivisione.

colli euganei
I Colli Euganei sono caratterizzati fondamentalmente da due percorsi motociclistici. Uno, che ne traccia il perimetro, inanellando una serie incantevole di borghi medioevali e di città fortificate, l’altro più naturalistico, che si inoltra nel cuore delle colline, sviluppando la propria scia tra la rigogliosa natura fatta di boschi e di ripidi pendii. Ben novanta colli, di cui solo uno, si aggiudica il titolo di montagna: Il monte Venda con i suoi 603 conquistando il primato per soli 3 metri d’altezza.

L’origine vulcanica ha donato ricchezze minerali che dal profondo delle viscere arricchiscono terra ed acqua. Anche l’aria è un bene prezioso e lo dimostrano i profumi e le condizioni climatiche ottimali.

Punto di partenza per dare il via a questa allettante scorpacciata di curve, salite, discese, soste per il ristoro,scorci panoramici, è il poco romantico ma pur sempre comodo casello autostradale di Monselice.

Da qui punterete verso il Monte Fasolo e poi proseguirete per Faedo di Cinto Euganeo. Troverete la strada strepitosa. Essa vi condurrà sino al Monte Rua, dove ai soli uomini e durante le sole giornate di giovedì e di domenica, è consentita la visita al suggestivo e mistico Eremo Camaldolese.

Tappa obbligata per poter godere di un panorama mozzafiato è Castelnuovo. Se sarete più fortunati di noi, nelle giornate di bel tempo potrete posare il vostro sguardo sulla pianura padana e scorgere sia il Monte Grappa che l’Altipiano di Asiago. Puntate verso Teolo e la Rocca Pendice e capirete perché è assiduamente frequentata da appassionati di scalate. Poi vi attenderà il Passo delle Fiorine ed il Monte della Madonna dal quale godere di un incantevole panorama.

al Pirio

uva e i suoi frutti

Il percorso che cinge i Colli, può partire invece da Padova, non senza però averle dedicato del tempo per conoscerla ed ammirarla. Da qui seguire la SS16, in direzione della città termale di Abano. La vicina e simbiotica Montegrotto Terme vi darà la straordinaria opportunità di visitare ben tre aree archeologiche di interesse mondiale, patrimonio inestimabile, inserite nell’ambito del progetto Aquae Patavinae.

Il tempo ha lasciato tracce bidimensionali, ma grazie agli studi archeologici sviluppati dalla Soprintendenza e dalle Università, oggi, fedeli ricostruzioni in 3D ci danno la possibilità di immaginare l’estensione e la maestosità delle costruzioni. Quindi, parcheggiata la moto, il primo sito da visitare è un complesso termale. La guida vi condurrà nei sotterranei di una struttura alberghiera: l’ Hotel Terme Neroniane e lì scoprirete quanta magnificenza ed innovazione hanno realizzato abili costruttori ed ingegneri idraulici per la cura di chi, all’epoca, se lo poteva permettere, lasciandoci nel contempo un’incommensurabile eredità architettonica e storica. Peccato che parte di questo comprensorio sia irrimediabilmente andato perso per sempre, a causa dell’ inarrestabile sviluppo immobiliare che ha caratterizzato il secolo scorso. Ma a pochi passi da lì, un altro ritrovamento: sotto 30 cm di terra, nel 2001 sono iniziati gli scavi per riportare alla luce, i resti di una lussuosa villa romana di duemila anni fa. Ma non è finita qui: in via Scavi si trova una vera e propria “città d’acque”, un complesso monumentale costituito da vasche ad immersione e da un edificio absidato. Solo questo basterebbe per valerne la pena. Trovarsi qui è una grande opportunità per prendere consapevolezza di quale ricchezza è pregna la terra: fango, acqua e storia… 

area archeolog 01

Fotoricostruzione Villa Romana

reperti archeolog

Villa romana via neroniana

Ripartiamo alla volta di Battaglia Terme, per poi costeggiare la Riviera Euganea, oltrepassando ville e castelli imponenti come Villa Selvatico Sartori e il Castello del Catajo, per giungere nelle possenti città murate di Monselice e poi Este dove verrete catapultati nel medioevo, all’interno di un castello, alla scoperta dell’armeria e dei camini carraresi o lungo la passeggiata nell’elegante centro storico e perché no, con una visita al Duomo di S.Tecla. Da Este percorrendo la SP89 intercetterete il primo itinerario e da Teolo potrete proseguire verso Rocca Pendice ed inoltrarvi tra le sopraccitate bellezze naturalistiche.

borghi medioevali

colli euganei 04

colli euganei 05

Ospitalità e punti di ristoro non mancheranno, sarete accolti e coccolati proprio come fecero un tempo i nostri lungimiranti predecessori. Loro però non avevano potuto godere di un vantaggio dei giorni nostri…quello di girovagare in sella ad un’emozionante “due ruote”.

on the road 01

vigne 

Dove dormire e mangiare

Abano RitzSpa Wellfeeling Resort Italy

35031 Abano Terme, Padova via Monteortone, 19

Tel +39 049 8633100 fax +39 049 667549 E-mail abanoritz@abanoritz.it sito: www.abanoritz.it

Dove mangiare

Il Brutto Anatroccolo – Vintage restaurant

35031 Abano Terme, Padova via Monteortone, 19

tel. +39 049 86.33.100 e-mail: info@ristoranteilbruttoanatroccolo.it sito www.ristoranteilbruttoanatroccolo.it

Ristorante Trattoria Al Pirio da Giona

via Pirio, 10 Torreglia Padova

tel 049 5211085

e-mail info@alpirio.com sito: www.alpirio.com

Caffè Bistrot abc “La Montecchia” c/o Golf Club

via Montecchia 12

35030 Selvazzano Dentro (PD)

tel. +39 049 8055323

fax +39 049 8055368

e-mail montecchia@alajmo.it sito www.alajmo.it

Dove bere

Az. Agr. Ca’ Lustra s.a.s. di Zanovello Franco

via San Pietro 50, Faedo di Cinto Euganeo (PD) 35030

Tel. +39 0429 94128 – Fax +39 0429 644111

e-mail: info@calustra.it sito: www.calustra.com

ORGANIZZAZIONE

Padova Terme Euganee

convention & visitor bureau

www.padovaconvention.it www.turismopadova.it

Studio Eidos s.r.l.

Via Tiberina 2

35036 Montegrotto Terme PD

Tel. 049.8910709 – Fax 049.8910170

e-mail: talarico@studioeidos.it – sito www.studioeidos.it

VIAGGI IN MOTO

ROAR…IN GS

tour e visite guidate

via Ligonto, 29 Follina 31051

tel 348 5626439 e-mail info@lo-ve.it

VIAGGI IN BICICLETTA

sito www.viagginbici.com


 

 

Check Also

Da Troyes a Vercelli seguendo Sigerico (la Via Francigena in moto)

Continua il viaggio di Dario De Vecchi alla ricerca dei percorsi della Via Francigena. Ora percorre da Troyes a Vercelli seguendo Sigerico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.