Home / Mototurismo / Eventi / Toscana Terra del Buon Vivere : tre giorni di art de vivre
Toscana, terra del buon vivere. Siena di notte.

Toscana Terra del Buon Vivere : tre giorni di art de vivre

Una location d’eccezione per il ” Toscana Terra del Buon Vivere “, una tre giorni di cultura gastronomica, convivialità e art de vivre come anteprima d’eccezione di Expo 2015, promossa dalla Regione Toscana in collaborazione con il Comune di Siena e la Camera di Commercio e organizzata da Artex.

Quasi una magnifica iperbole del gusto che ha dell’irreale, tanto è straordinario lo scenario, si concretizza dal 27 al 29 marzo 2015 a Siena, in Piazza del Campo addirittura, portando chef, show cooking, degustazioni, wine tasting, gala e convivi più intimi fin nel cuore dello splendido Palazzo Pubblico e da lì dispiegandoli nella città. Qualcosa che è già leggenda prima di aprire i battenti dato il contesto di tale appeal.

Un “weekend del cuore” quello dedicato a Toscana Terra del Buon Vivere. Non a caso, chissà, su Porta Camollia, ingresso alla bellissima città medievale, è scolpito: “Cor magis tibi Sena pandit”, Siena ti apre un cuore ancor più largo di questa porta.

Una Toscana Terra del Buon Vivere cosmopolita e intima al tempo stesso, sontuosa e segreta, che osa raccontarsi miscelando gastronomia alta e grandi vini, prodotti d’eccellenza e qualità dell’ambiente, supremazia del suo patrimonio agroalimentare ma anche arte, musica, parola, architettura. In poche parole, regalando emozioni.

Toscana Terra del Buon Vivere si racconta, a tavola ma non solo, sul solco di una tradizione che guarda oltre e si rinnova, e non a caso lo fa insieme alla prestigiosaJRE, Jeunes Restaurateurs d’Europe, l’associazione europea che riunisce chef interpreti del territorio e del patrimonio gastronomico nel segno del rigore come della creatività più moderni. Chef innovativi selezionati tra i più rappresentativi sotto i 42 anni.

E sarà proprio la JRE a farsi arbitro della sfida “Cucina col Vino Toscano” che vedrà in gara gli studenti degli Istituti Alberghieri della Toscana.

" Toscana terra del buon vivere ". Marco Stabile sotto Torre del Mangia a Siena.
” Toscana terra del buon vivere “. Marco Stabile sotto Torre del Mangia a Siena.

“Maitre à cuisiner” e regista di questa “nouvelle vague” toscana in cucina lo stellato Marco Stabile, chef patron di Ora d’Aria a Firenze che a Siena coordinerà la “brigata”. E sarà Marco Stabile, insieme ad altri due noti chef JRE toscani di nuova generazione, Filippo Saporito e Cristiano Tomei, a mettere a punto un nuovo piatto, il cui nome è proprio il buon vivere toscano, presentato per la prima volta in questa occasione.

Un appuntamento da segnare nelle agende degli amateur, i “Tuscany enthusiast”, prima tappa di un Grand Tour del 2015 che si apre qui e approda a Milano.

Cultura, biodiversità, paesaggio, artigianato e creatività rappresentano il nutrimento fisico e spirituale della terra toscana, considerata da sempre un laboratorio del Buon Vivere proprio per la qualità della vita e dell’ambiente, oltre che della tavola, ovviamente.

Una Toscana Terra del Buon Vivere a vocazione internazionale per estimatori del bello come del buono. 

E Siena è uno dei luoghi in cui il desiderio di bellezza è più appagato. Bellezza dell’arte di cui una straordinaria sequenza d’artisti si è fatta interprete. Dalla città ai borghi più piccoli o nella campagna cosparsa di pievi, abbazie, castelli. E bellezza della natura tutt’intorno, vero e proprio paesaggio d’autore, morbida sequenza di colline punteggiate di boschi, cipressi, filari di viti, ulivi e case coloniche. Sintesi armoniosa di campagna e città fin dal medioevo, come sembra alludere a sole poche centinaia di metri da Piazza del Campo uno splendido orto, enclave di campagna dentro il tessuto urbano.

La scelta di Siena, e del cuore più affascinante e sorprendente della città, Piazza del Campo con la sontuosa imponenza del Palazzo di Città, come quartier generale di Toscana Terra del Buon Vivere non è certo casuale. Così come il ciclo di affreschi di Ambrogio Lorenzetti nel primo piano del Palazzo Comunale all’interno del Museo Civico, con l’Allegoria degli Effetti del Buon Governo, rivela più di una traccia di ispirazione. Laddove la felicità nella città operosa come nella campagna tra campi arati e contadini sembra naturale, ed è raffigurata perfino la cinta senese.

Ma veniamo alle location nel dettaglio: Piazza del Campo, urbanisticamente una magia, dove balza agli occhi l’ORTO del giardino all’italiana ricreato dai Vivaisti toscani, affresco rurale dentro le mura urbane e green carpet per il Cortile del Podestà con il cuore pulsante delle CUCINE LIVE.

La Sala delle Lupe dove si alterneranno DIBATTITI e CONFRONTI su Toscana Terra del Buon Vivere.
La Piazza del Mercato dove arriveranno gli stessi produttori del “contado” per la SPESA ETICA E SOSTENIBILE. Il Tartarugone con DIMOSTRAZIONI, LEZIONI, ESIBIZIONI.

E infine la location più in alto di Toscana Terra del Buon Vivere, quella destinata ai CONVIVI, la Loggia dei Nove, nel Museo Civico, dove in un’unica carrellata sembra raccogliersi la Toscana rurale e lo sguardo si perde fino al Monte Amiata nella campagna superbamente coltivata. Laddove la sintesi tra natura e opera d’arte si fa perfetta perché in nessun altro luogo quanto qui il paesaggio è stato costruito nel segno della bellezza.

Oltre il quartier generale di Toscana Terra del Buon Vivere, l’intera città patrimonio dell’Unesco diventa un grande salotto allargato in questi tre giorni di inizio primavera per provare il BUON VIVERE TOSCANO in una cornice unica. Strade tortuose, rossi edifici in cotto, tetti color argilla, case allungate, porte, torri, logge, chiese e campanili svettanti disegnano una topografia medievale di rara suggestione, sontuosa espressione di un tessuto gotico diffuso che alterna all’elegante imponenza dei tanti palazzi il misticismo prezioso di un duomo preziosissimo e chiese, oratori, chiostri, fitti di opere d’arte straordinarie.

E’ in questo scenario superbo ed esclusivo che da venerdì a domenica attraverso siti monumentali, musei, spazi come il Santa Maria della Scala che nei secoli ha sempre offerto ospitalità e cibo a viandanti e pellegrini, percorsi sotterranei, palazzi, atelier, botteghe, vecchie osterie, ristoranti, e perfino case private (dove sulla falsariga dei “secret restaurant” si terrà Uno chef a tavola), si declina il piacere del BUON VIVERE TOSCANO. 

 Toscana Terra del Buon Vivere gli indiìrizzi utili:

Un “weekend del cuore” quello dedicato a Toscana Terra del Buon Vivere da mettere in agenda dal 27 al 29 marzo a Siena.

Non a caso, chissà, su Porta Camollia, ingresso alla splendida città medievale, è scolpito: “Cor magis tibi Sena pandit”, Siena ti apre un cuore ancor più largo di questa porta.

Un weekend di passioni ed emozioni. Emozioni dello sguardo, della mente e del gusto come la Toscana sa regalare.

Siena, posta proprio al centro della Toscana, sembra concentrare infatti armonia e bellezza. Bellezza dell’arte di cui una straordinaria sequenza d’artisti si è fatta interprete. Dalla città ai borghi più piccoli o nella campagna cosparsa di pievi, abbazie, castelli. E bellezza della natura tutt’intorno, vero e proprio paesaggio d’autore, morbida sequenza di colline punteggiate di boschi, cipressi, filari di viti, ulivi e case coloniche, come anche l’aspra suggestione delle crete, solco lunare nella terra.

Oltre il quartier generale dell’evento, l’intera città patrimonio dell’Unesco diventa un grande salotto allargato in questi tre giorni di inizio primavera per provare il BUON VIVERE TOSCANO in una cornice unica. Strade tortuose, rossi edifici in cotto, case allungate, porte, torri, logge, chiese e campanili svettanti disegnano una topografia medievale di rara suggestione, sontuosa espressione di un tessuto gotico diffuso che alterna all’elegante imponenza dei tanti palazzi il misticismo prezioso di un duomo preziosissimo e chiese, oratori, chiostri, fitti di opere d’arte straordinarie firmate da artisti come Duccio di Buoninsegna, Simone Martini, Ambrogio e Pietro Lorenzetti, Jacopo della Quercia, Pinturicchio, Donatello. 

E allora prima di mettersi in viaggio per Toscana Terra del Buon Vivere prendere nota della WISHLIST, vademecum del bon vivant!

Mangiare a Toscana Terra del Buon Vivere

– Boccon del Prete

Via di San Pietro 17 – tel. 0577/280388

Ambiente da neo osteria per piatti invece tutti nel segno della tipicità. Dalle zuppe alla polenta o i pici fino alla tagliata o alla leggendaria bistecca l’idioma è quello della tradizione. 

– Osteria Il Grattacielo

Via Pontani 8 – tel. 334/6311458

In un vicolo del centro storico una vecchia osteria caratteristica con il soffitto molto basso. L’ideale per una merenda Toscana style a tutti gli effetti.

– Gino Cacino di Angelo

Piazza del Mercato 31 – tel.  0577/223076

Per l’aperitivo questo è l’indirizzo giusto. Gastronomia d’atmosfera tra tante foto alle pareti e oggetti sparsi in giro. Taglieri ricchissimi e di ottima qualità e vini all’altezza, a cominciare dal primo calice di benvenuto offerto. 

– Cava de’ Noveschi

Via di Monna Agnese 8 – tel.0577/274878

Champagneria a due passi dal duomo. Locale raccolto e raffinato, cantina suggestiva nei sotterranei. Ottima selezione di champagne e finger in abbinamento. Piccolo menù anche a tavola.

– Torrefazione Fiorella

Via di Città 13 – tel. 0577/271255

Qui il caffè è un vero elisir di lunga vita! Super! Il migliore di Siena. Eccellente anche il marocchino alla cannella. Piccolissimo ed accogliente il locale alle spalle di Piazza del Campo.

DORMIRE

– Hotel Palazzetto Rosso

Via dei Rossi 38/42 – tel. 0577/236197

Storia e design nel cuore di Siena. Mix perfetto di contemporaneo e antico. Dettagli e attenzioni nel servizio.

Doppia B&B 170 €

– B&B Palazzo del Magnifico

Via Monna Agnese 22 – 389/7853750

Aprite la finestra al mattino e toccherete la facciata del Duomo! Tutto il fascino di sentirsi a casa della storia in questa location d’eccezione e di gran romanticismo.

Doppia B&B 100 €

SHOPPING

– Antica Pizzicheria Al Palazzo della Chigiana

Via di Città 93 – tel. 0577/289164

Bottega di prodotti tipici con salumi e formaggi d’eccellenza prodotti nel senese. Pane cotto nel forno. Tra i panini imperdibili quello farcito con la finocchiona. Assolutamente da portar via i dolci fatti in casa: cantucci, ricciarelli e panforte.

– Ceramiche Artistiche  Tiezzi

Via Fontebranda 77 – tel.0577/45094

Oggetti in ceramica dipinti a mano secondo l’antica tradizione dei ceramisti senesi. Colori e disegni legati alla terra di Siena.

– Laboratorio Artistico Luca

Via Santa Caterina 22 – tel. 0577/41500

Luca Pollai è artista e musicista ma nel laboratorio in pieno centro si dedica con passione unica alla pittura e alla decorazione su legno, vetro, tessuto.

– Il Galeone

Via Cecco Angiolieri 3 – tel. 0577/47348

Gioielleria artistica in oro e pietre preziose ma anche gioielleria contemporanea di design, tutto rigorosamente artigianale.

Info su Toscana Terra del Buon Vivere:

www.exporurale.it

Check Also

Benelli Week 2019 dal 16 al 22 settembre a Pesaro

Il tradizionale appuntamento degli appassionati della Casa del Leoncino è a settembre, a Pesaro per il Benelli Week, con tante iniziative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *