Home / Viaggi in moto / Reportage / Vitalpina hotels Bergschlossl: la sostenibile leggerezza dell’essere

Vitalpina hotels Bergschlossl: la sostenibile leggerezza dell’essere

35 strutture a 4 e 5 stelle in Sud Tirolo/Akto Adige, fanno parte dei Vitalpina Hotels, siamo andati a scoprirne una, il Bergschlossl di Luson. 

a cura di Dino Caliman

In Alto Adige/Sudtirol hanno riunito 35 strutture tra le 3 e le 4 stelle a conduzione familiare, dove attività fisica, alimentazione e benessere sono le 3 condizioni per far parte dei Vitalpina hotels.

Occasioni per stare a contatto con la natura,per conoscere la cultura di chi abita il territorio, scoprire la tradizione culinaria frutto della terra a km zero. E’ la ragione per la quale i tedeschi e austriaci passano la frontiera: la cucina Italiana.

1
Luson

Per voi siamo andati a scoprirne uno sotto l’alpe di Luson, il Bergschlossl, struttura moderna con richiami al castello ed ai suoi spazi. Esempio la corte chiusa per il gioco dei bambini di giorno, occasione alla sera per bere grappa attorno ad un braciere di legna e l’ascolto di musica da fisarmonica e strumento a fiato in sostituzione del contrabbasso. Da lì si dipanano i percorsi per le varie sale pranzo, la grande cucina a vista, i salotti, la SPA con 2 piscine (interna ed esterna), 5 saune e tre giardini wellness. Il tutto immersi nelle preziose essenze di legni locali.

Vitalpina hotels: la sostenibile leggerezza dell'essere
Vitalpina hotels: la sostenibile leggerezza dell’essere

Chiaramente le sorprese sono al pranzo ed alla cena, dovuti ai loro cuochi, gustose prelibatezze, leggere pietanze mediterranee e genuini piatti locali. La cucina si serve solo di prodotti naturali e genuini provenienti dai masi di Luson. I loro piatti sono accompagnati da vini da cui emerge l’elegante sapore del pinot nero prodotto in quei territori.

Schermata 2016-02-23 a 08.24.49

Le strade con il manto in ordine, presentano curve con raggi quasi costanti, non danno adito a preoccupazioni di sorta. Lasciando l’asfalto, salendo sull’alpe di Rodengo, è possibile raggiungere a 2030 metri la baita Starkenfeld per assaggiare la loro produzione di formaggi presentati con un misto di erbe selvatiche accompagnate dai Pinot grigio e nero, i cui profumi ed aromi si avvantggiano dall’altezza a cui li si degusta. In merito alle erbe: Alchemilla, achillea, ortica, timo serpillo per citare le più conosciute, saranno ben lieti di illustrarvi le proprietà delle stesse di incidere sul benessere del nostro organismo.

GR6N1966bis
Belle strade tutte curve

L’escursione sarà maggiormente interessante per gli amanti della tecnologia. La Baita è completamente autonoma dall’uso di Energie esterne, tutto viene autoprodotto ed immagazzinato: con 2 puffer da 3000 lt per l’acqua calda prodotta dai panneli solari termici. Con un pacco di batterie per l’energia elettrica prodotta dal fotovoltaico ad inclinazione variabile che segue il percorso del sole per il suo massimo sfruttamento.

Info: www.bergschloessl.com

www.vitalpina.info

 

 

 la baita Starkenfeld
la baita Starkenfeld

Check Also

Museo dell'Aventure Michelin

L’Aventure Michelin, il celebre marchio di pneumatici si racconta in un museo

In Alvernia, a Clermont-Ferrand, si trova il museo dell'Aventure Michelin. Un vero e proprio viaggio nella storia dell’azienda produttrice di pneumatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *