DCIM102DRIFT

Alentejo, la regione selvaggia del Portogallo. 5a parte.

Prosegue in nostro viaggio in questa parte del Portogallo meno conosciuto. L’Alentejo non smette di sorprenderci per la varietà del paesaggio.

testo e foto Claudio Falanga

Vai alla prima parte 

Vai alla seconda parte 

Vai alla terza parte 

Vai alla quarta parte

[wp_geo_map]

 

La visita a Evora è stata entusiasmante, ma il nostro viaggio deve riprendere.

Uscendo da Evora in direzione est sulla N114, a circa 16 Km troviamo un importantissimo sito archeologico: Almendres Cromlech. Una volta usciti dalla statale si dovranno fare alcuni chilometri di sterrato, però facilmente percorribili con qualsiasi moto.

Almendres Cromlech è uno dei più imponenti complessi megalitici al mondo, ed anche se non l’unico in Portogallo questo è di gran lunga il più grande.

Costituito da un cospicuo numero di strutture megalitiche – cromlech e pietre menhir – è stato datato in un periodo comprendente i 3000 e i 4000 aC. Completamente sconosciuto fino al 1966, quando il geologo Henrique Leonor Pina lo riportò alla luce, il sito è stato poi completamente scavato per esporlo in tutta la sua imponenza.

IMG_1536
I monoliti di Almendres Cromlech offrono uno spettacolo unico al mondo

Si ritiene che il sito sia stato costruito come monumento religioso/cerimoniale e come osservatorio astronomico primitivo.

Il complesso è organizzato in un cerchio con 95 monoliti di granito, a loro volta organizzati in gruppi più piccoli.

La sua costruzione è dello stesso periodo di Stonehenge.

Questo luogo misterioso ha in se una certa armonia e pace. La strada per raggiungerlo vi piacerà e in questo luogo non troverete nulla d’inquietante, perché la luce dell’Alentejo rende sempre ogni cosa allegra.

Alentejo, la regione selvaggia del Portogallo. 5a parte.
Alentejo, la regione selvaggia del Portogallo. 5a parte.
Alentejo, la regione selvaggia del Portogallo. 5a parte.
Alentejo, la regione selvaggia del Portogallo. 5a parte.

IMG_1538

Proseguiamo sulla N114 in direzione nord ovest e incontriamo la cittadina di Montemor O Novo. Questo paesino è dominato anch’esso dalle rovine di un imponente castello che è possibile visitare. Certamente le fortificazioni in Alentejo non mancano, quello che manca è un progetto di mantenimento di un patrimonio storico così importante.

IMG_1554
l castello di Montemor O Novo
IMG_1555
Le rovine del castello di Montemor O Novo offrono uno spettacolo suggestivo

Siamo sicuri che in un lasso di tempo relativamente breve il Portogallo saprà restaurare e conservare l’immenso patrimonio dell’Alentejo. Nel frattempo, vi invitiamo a visitarlo in questo stato un po’ selvaggio, perché ha un fascino indescrivibile.

Prendiamo la N253 in direzione Alcácer do Sal questa volta spostandoci verso sud ovest.

DCIM102DRIFT
Alentejo, la regione selvaggia del Portogallo. 5a parte.

Il cielo è minaccioso alle nostre spalle, delle enormi nubi nere lasciano presagire il peggiore dei temporali, ma conferiscono al panorama un aspetto surreale e cromaticamente molto interessante.

Riusciamo comunque ad arrivare alla nostra meta senza dover mettere le antipioggia ed abbiamo la possibilità di scattare delle foto con contrasti rari da trovare.

Alcácer do Sal è un bellissimo borgo che si affaccia sulle rive del Rio Sado.

IMG_1618
Ad Alcácer do Sal, il cielo minaccioso fa da contrasto con le case illuminate da uno splendido sole

 

Da vedere il convento di São Francisco e la chiesa di São Antonio. Anche Alcácer do Sal è dominato da un castello questa volta ben tenuto nel quale è sistemata una delle pousadas più belle del Portogallo. Il borgo ha numerose e pittoresce botteghe e non non distante si trova la riserva naturale dell’estuario del Sado e tutta la zona è costellata dei nidi delle cicogne che l’anno scelto come luogo ideale per la nidificazione.

IMG_1588
Il letto del fiume Rio Sado e il vecchio ponte di ferro di Alcácer do Sal
IMG_1571
La vista del Rio Sado dal castello
Alentejo, la regione selvaggia del Portogallo. 5a parte.
Alentejo, la regione selvaggia del Portogallo. 5a parte.

IMG_1572

IMG_1631Consigliamo una passeggiata a piedi lungo le rive del Sado, un caffè in uno dei tanti localini che si affacciano sul corso d’acqua e l’attraversamento del vecchio ponte in ferro alla ricerca della migliore inquadratura per fotografare l’intero paese.

Per il nostro rientro su Lisbona seguiremo il corso del fiume. In questa zona ricchissima di fauna e flora le acque dolci del fiume si mischiano con quelle salate del mare e non è difficile vedere i delfini risalire lungo il corso d’acqua.

L’Alentejo vi resterà indimenticabile per le tante cose belle, per i sapori della sua cucina rurale, per la gente apparentemente schiva ma gentile. Un luogo da viaggiatori d’altri tempi, fuori dai circuiti del turismo di massa, fuori dalla movida, ma talmente ricco ed affascinante da restare nel cuore di chi lo ha visitato.

Ve lo consigliamo vivamente!

 

 

IMG_1589
Il convento di São Francisco
IMG_1605
Nubi all’orizzonte, vele ammainate…
IMG_1632
La chiesa di São Antonio
IMG_1643
Più avanti il Rio Sado si getterà nell’oceano

Mangiare e dormire ad Alcácer do Sal (Alentejo- Portogallo)

 

IMG_1637Castelo de Alcácer do Sal
7580-197 Alcácer do Sal

Tel +351 265 613 070

38.372279,-8.513942

guest@pousadas.pt

www.pousadas.pt

Check Also

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience

Valtrebbia Food & Ride Moto Experience

Valtrebbia, Val d’Aveto e Val Nure. Curve, paesaggi, e soste mirate a valorizzare e far conoscere le eccellenze di questi territori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *