Home / Viaggi in moto / Avventure / Guinea Bissau Rescue 2014 – Attraverso la Mauritania fino al Sahara Occidentale

Guinea Bissau Rescue 2014 – Attraverso la Mauritania fino al Sahara Occidentale

Lungo viaggio attraverso tutta la Mauritania via Naouakchott fino a Nouadhibou, la seconda città del Paese a ridosso del confine con il Sahara Occidentale.

[wp_geo_map]

Testo e foto di Marco Ronzoni

Ma perché la sabbia del deserto è così soffice sotto le ruote della moto ma sotto la schiena sembra granito? Sta diventando chiaro quando usciamo dalle tende, dopo una notte a dir poco scomoda. Il flusso di veicoli, seppur minimo, non si è mai interrotto, così come i controlli dei poliziotti alla luce delle piccole torce. Ad attenderci ci sono la R80 che non vuole più partire e la borsa deformata della moto di Pier che va sistemata ed affrancata. A pochi metri da noi alcuni uomini nei tipici abiti del deserto stanno scaldando del te su un piccolo braciere, mentre altri due, dopo aver costretto un bue dalle lunghe corna a sdraiarsi su un fianco, lo sgozzano con un lungo coltello. Fumanti fiotti porpora schizzano dal profondo taglio della gola finché la bestia lentamente muore dissanguandosi ed annegando nel proprio sangue. Assisto alla scena ad occhi spalancati e bocca aperta mentre i macellai decapitano il bue, lo sventrano, lo eviscerano, lo scuoiano e lo fanno a pezzi per essere venduto ai “clienti” del posto di blocco.

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERAChe dire? Dopo l’intermezzo alla Quentin Tarantino, con molta fatica facciamo ripartire la vecchia GS, diamo una forma accettabile alla borsa di Pier e la fissiamo al suo telaio con un bullone ed una cinghia a cricchetto. Ci attende il lungo trasferimento attraverso tutta la Mauritania via Naouakchott fino a Nouadhibou, la seconda città del Paese a ridosso del confine con il Sahara Occidentale. La strada fino alla capitale continua ad essere frammentata da tratti sconnessi e lingue di sabbia ma poi si stabilizza e prosegue scorrevole verso nord. Un forte vento infastidisce la guida mentre i chilometri passano, circondati da grandiosi scenari desertici di dune rosse macchiate da bassi cespugli, resi verdi dalla stagione.

MAURITANIAL’R80 prosegue singhiozzando e tossendo tra le gambe di Mimmo che non vuole concederle nemmeno una pausa. Siamo un po’ tutti preoccupati. Dobbiamo assolutamente uscire dalla Mauritania entro domani perché abbiamo un permesso di soli tre giorni e le nostre moto sono state segnate sui passaporti con i timbri di ingresso. Per fortuna la strada è ben curata, almeno finché non viene deviata su una pista laterale per una decina di chilometri di terra, sabbia e polvere. Tra Nouakchott e Nouadhibou ci sono circa cinquecento chilometri nei quali il paesaggio cambia solo alla presenza di sparuti gruppi di abitazioni, di placidi dromedari e di una solitaria stazione Total a metà percorso. Ne approfittiamo per rifornire i serbatoi con la benzina che abbiamo nelle taniche e per quasi litigare con un paio di cafoni cui chiediamo di venderci dell’acqua e che ci trattano come lebbrosi. Raggiungiamo Nouadhibou col buio della sera. Prima dell’ingresso in città, una raffica di posti di blocco ci spazza diverse “fiches”. Un lungo viale a quattro corsie taglia in due l’abitato, caotico, disordinato, sporco e pieno di sabbia. Per fortuna sappiamo come raggiungere un albergo già visitato in passato. Non ci sono camere libere tranne una suite nella quale potremo trovare posto tutti e quattro. Ci fanno un prezzo speciale ed accettiamo, certi che anche se saremo un po’ accampati sarà sicuramente meglio della scorsa notte…

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Di buon mattino il rumore del motore della R80 che non si avvia sveglia tutto l’albergo, misto agli improperi di Mimmo che armeggia tra candele, bobine e puntine. Ricorriamo ai cavi della batteria per fare ponte con una macchina e far partire l’assonnata GS. Speriamo. Filiamo dritti verso la frontiera col Sahara Occidentale. Oggi è domenica e non ci dovrebbe essere il solito casino. L’uscita dalla Mauritania è abbastanza indolore. In un’oretta Police, Douane e Gendarmerie ci fanno riempire moduli e timbrano passaporti senza chiederci nemmeno un’Ouguiya. Finalmente fuori, dobbiamo affrontare i circa cinque chilometri di “terra di nessuno”, la fascia cuscinetto tra i due Paesi che è un vero disastro.

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Pneumatici e sospensioni delle moto sono messi a dura prova da pietre acuminate, sabbia e buche abissali. Giunti alla frontiera d’ingresso nel Sahara Occidentale (ricordo a tutti di evitare accuratamente di chiamarlo così mentre si circola in Marocco) ricominciano i controlli ma anche questa volta il dentro-fuori da venti uffici si sbriga in un’altra oretta e senza esborso di Dirham. E’ mezzogiorno. Siamo in Marocco e possiamo dire “finalmente”. Già, finite le strade bombardate o insabbiate, finite le preoccupazioni di imboscate e rapimenti, finita la benzina di uno strano colore marrone che non si sa mai se e dove la troverai. Ora è tutto in discesa, anche se stiamo salendo verso nord… Guideremo ancora parecchio tra due ali di deserto, interrotto a volte da maestose scogliere sull’Atlantico, un deserto così diverso da quello mauritano, dove la sabbia e le dune saranno solo coreografiche e non più invadenti.

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Adoro questi luoghi, tanto remoti quanto attraenti, e mi piace essere qui ancora una volta. Le città continuano ad essere divise da centinaia di chilometri, ma i punti di ristoro e di rifornimento sono ben scadenzati. Ciò ci permette di viaggiare con più tranquillità, almeno finché l’R80 non ci riporta alla cruda realtà mettendosi a fare i capricci. L’accensione, uno degli interventi più corposi che ha subito, continua a dare problemi. Le vecchie parti ammalorate sono state sostituite con pezzi usati di un modello precedente e sono il motivo di maggior preoccupazione per tutti. Mimmo con bravura e tenacia miste a disperazione riesce a farla proseguire, ma è piuttosto angosciante. Un incessante freddo vento trasversale ci fa procedere sbandando. La temperatura è sorprendentemente bassa e chi, come me, non possiede abbigliamento super tecnico triplo strato con riscaldamento e aria condizionata, deve guidare intirizzito come un idiota in t-shirt e bermuda sorpreso dalla neve su un passo alpino in estate… Passiamo il bivio di Dakhla, dispiaciuti di non percorrere ancora una volta la sua spettacolare penisola, e puntiamo verso Laayoune. Le ombre si stanno già allungando e proiettano le nostre sagome verso il deserto. La sera arriva in fretta ed anche il buio. A circa duecento chilometri da Boujidour siamo in piena notte. Guidiamo in uno scenario affascinante, con la luce di tutti i fari di cui disponiamo che illuminano a fatica l’asfalto davanti a noi. Sappiamo che l’Oceano è lì alla nostra sinistra ma non si distingue, nascosto da un profondo buio interrotto solo da una magnifica stellata.

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Raggiungiamo finalmente Boujidour con il solito ultimo posto di blocco da superare. Entriamo in città. E’ strano vedere come la nera e solitaria strada che ci ha portato qui, improvvisamente diventi un vialone a sei corsie delineato da suggestive luci blu ed illuminato a giorno da ordinati lampioni. E pensare che fino a qualche anno fa era solo un villaggio di pescatori.

To be continued…

Check Also

Anàbasi300

Anàbasi300, un rally senza cronometro destinato alle moto da enduro

Anàbasi300 non è solo paesaggi straordinari, percorsi da enduristi e navigazione con Road Book: è molto di più. Vi raccontiamo perchè.

2 comments

  1. Maurizio Benassi

    Eccezionale!
    Sono fiero di essere tuo amico.
    A presto, vecchio lupo.

    Maurizio
    59SP0047

    • Maurizio! Non ci posso credere che sei proprio tu! Ho letto ora per caso qst tuo messaggio e sono felicissimo. Se mi leggi qui contattami o a mronz@libero.it o al 3407664098. Io tra cambi di telefonini vari non ho più il tuo numero. fatti vivo se puoi. Un abbraccio fortissimo. Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *