Home / Blog / In motocicletta in Molise, per vedere se esiste veramente

In motocicletta in Molise, per vedere se esiste veramente

Se vi mostriamo una cartina dell’Italia sapreste dire dov’è il Molise? Eppure pare che questa regione racchiuda molte bellezze e prelibatezze.

Credo di avere un amico che una volta ha detto di esserci passato, ma non ne era del tutto sicuro, e del resto non è un tipo molto attendibile. È difficile del resto sapere se sei riuscito a vedere il Molise, anche perché in molti pensano che non esista neppure, che sia un’invenzione del libro di geografia delle medie nel quale aveva al massimo due paginette, cartina compresa.

Il Molise produceva il denominatore comune di qualsiasi territorio: barbabietola da zucchero, cereali e alberi da frutto, per cui si imparava subito. Quando la professoressa diceva di fare una regione a piacere tutti volevano fare il Molise, ma siccome è troppo breve ti obbligava a studiare la Campania, l’Abruzzo o la Toscana che sono molto più ingombranti e c’era da studiare molto di più, così però il Molise te lo dimentichi subito. Stessa cosa per gli stati africani, che tutti volevano fare il Togo o il Leshoto e per punizione si beccavano il Sudafrica, che è interessante perché ci sono i diamanti, l’oro e c’era l’apartheid. Ecco, vedete che stiamo già divagando, e quanto è difficile parlare del Molise con continuità?

Del resto, alcune cartine non lo riportano neppure, ho controllato perché non ero sicuro di dove fosse situato esattamente, e ancora rimango un po’ nel dubbio. Vero è che non è uno di quegli argomenti di discussione da serata con gli amici in birreria, se vai a raccontare che sei stato in Molise non ti prendono neanche sul serio. Ma perché invece di continuare con la Guinnes non ti prendi una Harp? Mi sa che ti da un po’ noia ha troppi gradi quel cappuccino.

Ancora divagazioni, forse che il Molise subisca qualche sortilegio che ci impedisce di rammentarlo a dovere?

molise: impossibile l'ingresso
In motocicletta in Molise. Anche la viabilità non fornisce molte certezze.

Per risolvere questo enigma e dare risposta a tutte le domande che vi sarete fatti sull’argomento, animato dallo spirito di avventura che alberga in ogni motociclista esploratore o turista che dir si voglia, ho deciso che partirò per questa incredibile avventura in sella alla moto: scoprirò il Molise!

Anche per poter raccontare che esiste davvero, che l’ho toccato, ne ho fotografato i monumenti, se ce ne saranno, gli abitanti, se è abitato ovviamente, i piatti tipici, e ce ne saranno sicuramente e perché no, visto che tutti mi chiedono sempre la stessa cosa quando torniamo da un reportage cioè se gnocca ce n’era, qualche bella figliola.

È un’avventura che mi esalta, chissà quale stradina sterrata dovrò percorrere, quali difficoltà affrontare, se dovrò cercarmi un uragano che mi porti in volo come per il fantastico Mondo di Oz, oppure se dovrò infilare dentro un armadio con tutta la moto e le valige della MyTech come per scoprire Narnia, o se dovrò prendere la seconda stella a destra, questo è il cammino, e poi dritto, fino al mattino come per l’Isola che non c’è.

Bellissimo, rimetto l’imbottitura termica nella Dainese, del resto nessuno ha informazioni certe sul clima, e parto.

Magari non sono del tutto sicuro che ci arriverò, in Molise, ma con tutti i posti incredibili, meravigliosi e misconosciuti che ci sono in Italia, di sicuro non devo fare altro che mettermi in viaggio, qualcosa di incredibile da scoprire lo troverò di sicuro. Del resto, tanti luoghi bellissimi attendono solo di essere scoperti e valorizzati adeguatamente, e prima che l’incuria e la mancanza cronica di fondi per mantenere una ricchezza artistica e culturale immensa che dovrebbe essere patrimonio non solo italiano ma di tutto il mondo, o perlomeno d’Europa, ne decreti per sempre la rovina dobbiamo decisamente muoverci.

Spero con questo pezzo di non aver offeso la sensibilità di alcun abitante del Molise. Del resto, nessuno sa con certezza che ve ne siano. In effetti, nessuno conosce qualcuno del Molise. o forse sì? Se ne avete notizie, vi preghiamo di farcelo sapere.

 

Check Also

Il buono Il brutto Il biker edizione zero, l’evento western on the road

Il buono il brutto il biker nasce dall'amore per l’Abruzzo e dalla passione per la moto. Da questo mix non poteva che prendere forma una bella avventura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *