Home / Blog / La moto è la misura della serenità di un popolo

La moto è la misura della serenità di un popolo


di Carlo Nannini (Kiddo)


In qualità di redattore e blogger di una rivista di settore sono spesso combattuto fra continuare a occuparmi soltanto del mondo della motocicletta, quello che mi compete, e il senso di responsabilità, spesso il desiderio di occuparmi di attualità.

Il mondo cambia continuamente: le tensioni sociali, gli sbarchi di immigrati, la crisi economica, il terrorismo; tutti argomenti che al giornalista di settore sono preclusi, a meno che saltuariamente non riesca con abili voli dell’immaginazione o ironia a collegarli con argomenti di interesse specifico della rivista, quasi col suo scrivere vivesse in un altro mondo fatto solo, a seconda del settore di competenza di running, pesca con la mosca o, come nel mio caso, di moto.

È una situazione in buona parte frustrante dal punto di vista personale, che si contrappone ad un altro tipo di riflessione, ovvero il diritto di chi legge di poter pensare, dentro a questo spazio, solo al frutto della propria passione. Avere la certezza, per chi ha un interesse che riesce a distrarlo dai problemi della quotidianità e sapere che dentro a quello spazio, nel nostro caso in rete può trovare un’oasi in cui poter pensare soltanto all’oggetto della passione, che è sinonimo di desiderio, impone a chi gestisce quello spazio di lasciar fuori, in buona parte, tutto quello che non riguarda, ad esempio, le moto e il loro mondo.

Uno spazio dove trovare serenità, perché un popolo ha diritto alla serenità, alla propria cultura e alle forme di aggregazione in cui questa cultura si manifesta e la moto come poche altre cose può misurare la serenità di un popolo, la voglia di stare fuori, di visitare luoghi a breve-media distanza da casa, di stare con altre persone e condividere la gioia di viaggiare. La moto richiede disponibilità economica, che a sua volta significa in qualche modo serenità, e in quanto soggetto debole nella circolazione stradale richiede che ci sia rispetto delle regole del codice, e quindi cultura del rispetto del prossimo.

Per questo, a nostro modo, svolgiamo come redattori di una rivista di settore una funzione, nel nostro piccolo e colorato mondo, socialmente utile anche se può apparire frivola e staccata dal mondo reale. Perciò, continueremo ad occuparci di quello che ci riesce meglio, raccontare i viaggi, l’equipaggiamento, i pensieri di chi vive a due ruote e un motore, per far si che al mondo ci sia sempre più motocicletta.  

 

Check Also

Il buono Il brutto Il biker edizione zero, l’evento western on the road

Il buono il brutto il biker nasce dall'amore per l’Abruzzo e dalla passione per la moto. Da questo mix non poteva che prendere forma una bella avventura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *