Home / Mototurismo / Eventi / Festiwall 2019, a Ragusa per l’ultima edizione

Festiwall 2019, a Ragusa per l’ultima edizione

Lavori in corso a Ragusa per la 5a (e ultima) edizione di una Street Art tra le più importanti d’Europa. Da non mancare Festiwall 2019, dal 9 al 15 settembre.

A fine luglio sulla pagina facebook di Festiwall 2019, la manifestazione di street art più a sud d’Europa, è stata pubblicata probabilmente l’ultima call for volunteers. Nuovo logo, altro quartiere, punto d’arrivo ben chiaro: la città è altro, i punti di vista da cui osservare le cose devono e possono essere diversi, l’arte è al servizio di tutto ciò, ci può portare agevolmente là dove la ragione e millemila faticose prese di coscienza non potrebbero. O riuscirebbero con grande fatica.

2015

Non a caso una bella fetta del lavoro di presentazione è costituita dalle riprese dall’alto: punti di vista e visioni altrimenti inarrivabili, o impossibili, all’occhio comune e distratto dalla routine casa-lavoro-casa.

Festiwall 2019 a Ragusa si annuncia così: l’ultima volta. E a noi, che abbiamo avuto la fortuna di esserci già stati l’anno scorso e di conoscerne la breve storia (cinque edizioni, con questa), dispiace un po’.

Muri, altrimenti anonimi, connessi in un percorso di arte e cultura

 

Quindi ci torniamo: perché i posti meritano (mare, sole, cibo, gente), ma anche perché la vision (guardare a quello che ci circonda con occhi sempre nuovi è anche quello che ci mette ogni volta in sella alla nostra moto) è praticamente la stessa,  perché tanti e così importanti artisti nello stesso posto e con questa unitarietà di intenti non sono facili trovare, perché è vero, i loro fantastici lavori sono sui muri delle più grandi e famose città del mondo, ma solo qui, solo a Ragusa, li possiamo non solo vedere “live” al lavoro, ma anche “rivedere”, tutti insieme, come in un unico piccolo (nel senso di concentrato, non dispersivo) grande museo, nelle cornice forse più inusuale mai pensata per la street art, quella del barocco ibleo.

Ragusa: un gioiello, Patrimonio Unesco dell’Umanità, che vale la pena visitare

 

Tutti chi? Bè, semplicemente, questi:

2019: Ampparito (Spagna), Mariusz Waras, aka M-City (Polonia), Andreas von Chrzanowsky, aka Case_Maclaim (Germania), Elian Chali (Argentina), Ciredz (Italia), Fasoli aka Jaz (Argentina)

2018: Telmo Miel (Olanda), Pastel (Argentina), Mohamed L’Ghacham (Spagna/Marocco), Luca Font (Italia), Hense (Usa), Dimitris Taxis (Grecia), Clemens Behr (Germania), Alexey Luka (Romania)

2017: Guido Van Helten (Australia), Zoer (Francia), Sebas Velasco( Spagna), Gue (Italia), Marat Morik (Russia), Dulk (Spagna)

2016: Hyuro (Spagna), Agostino Iacurci (Italia), SatOne (Germania), Evoca 1 (Usa), Fintan Magee (Australia)

2015: Moneyless (Italia), Millo (Italia), Pixel Pancho (Italia), Natalia Rak (Polonia), Daniel Eime (Portogallo)

Signore e Signori: Festiwall 2019. Ragusa, dal 9 al 15 Settembre.

Check Also

Montappone, il Grand Tour delle Marche nella “capitale mondiale del cappello”

Nel centro storico di Montappone questo weekend l’appuntamento inedito è con “Paje: più di un grano”, la manifestazione dove la magia del grano diventa evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *