Il mio viaggio nei Balcani lungo due anni – Prima parte

Pedalavo sulle strade del “Cammino di Santiago” e nei miei pensieri prendeva forma il viaggio in moto che da lì a poco avrei fatto nei Balcani. Sono anni che ormai solco le strade dei Paesi dell’Est e più ci vado più mi appassiono delle bellezze naturali di quei luoghi e dell’ospitalità della gente che ci vive.

Testo e foto di Mauro Rocca

[wp_geo_map]

La Penisola balcanica, più comunemente conosciuta come Balcani, è una penisola dell’Europa orientale. Come generalmente accade per le penisole è incerta la definizione del suo confine sulla terraferma; che, a differenza delle altre, è uno di quelli più estesi. All’interno di questa linea di demarcazione il territorio presenta grandi differenze e frammentazioni riguardanti storia, nazionalità, lingua, cultura e religione delle popolazioni che vi abitano. Secondo il geografo Vittorio Vialli la delimitazione a nord è rappresentata dalla linea geografica Trieste-Odessa che passa per Zagabria, Belgrado e poi segue il corso del Danubio fino al suo delta.

Croazia – Fiordo con porto

La gente, i paesaggi, gli odori mi fanno tornare indietro nel tempo per ritrovare antichi valori da noi irrimediabilmente scomparsi. Nelle grandi città si nota l’inesorabile avanzare della globalizzazione, mentre nei piccoli borghi e nei villaggi tutto è rimasto uguale, conservando immutato il sapore d’altri tempi.

Passo velocemente l’affascinante Trieste e mi immergo nei maestosi boschi della Slovenia, dove paesaggi strade e costruzioni ricordano la vicina Austria con gente sorridente e sempre disponibile. Eccomi finalmente sull’adriatica croata, una delle strade più belle d’Europa. Le emozioni che provo percorrendo la costa della Croazia sono intense e il paesaggio che mi circonda stupisce a ogni curva.

Croazia – Strada Adriatica

Nonostante l’abbia percorsa più volte rimango sempre colpito dal susseguirsi dei meravigliosi scorci delle isole che s’immergono nel blu dell’Adriatico. Ogni volta vengo affascinato dalla bellezza che la natura mette a disposizione, ma che purtroppo continuiamo a distruggere.

Quando la giornata volge al tramonto e la morsa del sole si affievolisce, mi ricordo che devo pensare alla sistemazione notturna. È sufficiente che mi fermi in un paesino e subito qualcuno mi propone una “sobe”. Preferisco questa sistemazione perché permette di entrare immediatamente in sintonia con l’ambiente e con le persone del luogo. Alloggiare in un albergo è uguale in tutto il mondo e non dà la possibilità di conoscere direttamente la vita della gente, condividendone usi, costumi e sensazioni. Il modo migliore per farlo è affittare una camera privata presso una famiglia.

Croazia – Ferry fra isole di Krk e Cres

Questi paesini della costa sono pieni di vita e per trovare un ristorante si ha solo l’imbarazzo della scelta. I menù propongono succulenti piatti a base di carne o pesce con invitanti composizioni di verdure. Passo la serata parlando con la gente del posto e ottengo preziose informazioni per il viaggio della giornata successiva: voglio salire sulla collina di Medijugorie in Bosnia Erzegovina.

Vai alla seconda parte

Check Also

Istituto Culturale Coreano - Italian Korean Culture

Giro del mondo tra le mura di Roma

Cinque luoghi di Roma dove è possibile, con un po' di fantasia, pensare di essere in volo verso destinazioni esotiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.