Home / Viaggi in moto / Reportage / Puglia: da Manfredonia a Monte Sant’Angelo
Puglia

Puglia: da Manfredonia a Monte Sant’Angelo

di Amedeo Roma

Il sole splende in Puglia, scalda e rende piacevole esplorare questa regione ricca di bei paesaggi, cultura e buon cibo. Un itinerario che parte da Foggia.

Il turismo in Puglia è una bella scoperta, soprattutto oggi dopo un attento e continuo lavoro da parte delle istituzioni turistiche che hanno intrapreso, negli ultimi quindici anni, un importante percorso per portare a livelli di eccellenza l’ospitalità in questa regione.

Come? Semplicemente mettendo in risalto quanto abbiamo di meglio nella nostra penisola, contenuti paesaggistici, storici, enogastronomia e tanta ma tanta bella gente che ama aprirsi e accogliere.

I Gal (Gruppi di Azione Locale) della Puglia hanno lavorato per migliorare e organizzare sapientemente le strutture ricettive, come alberghi, ristoranti e bed and breakfast, ora meritevoli di accogliere turisti provenienti da qualsiasi parte del mondo.

da Manfredonia a Monte Sant’Angelo…

Il nostro viaggio ha inizio dalla zona di Manfredonia, per andare a scoprire alcuni aspetti di questa splendida regione.

Fin da subito si percepisce che qualcosa è effettivamente cambiato negli ultimi anni, ed è proprio nella cordialità e nello spirito di accoglienza dei pugliesi, consapevoli del “tesoro” che hanno tra le mani: il turismo.

Ci dirigiamo verso l’Oasi Lago Salso, sito importante considerato dalla legislazione europea Zona di protezione Speciale per la sua importanza naturalistica. Posizionata nel comune di Manfredonia, ha una estensione di 500 ettari, ed è importante per l’abbondanza di specie di uccelli, che si scorgono in una natura selvaggia e incontaminata. Non è difficile ammirare anatre e aironi, mentre negli ultimi cinque anni si sta lavorando per rintrodurre il Gobbo Rugginoso, una piccola anatra tuffatrice purtroppo scomparsa da queste zone una cinquantina di anni fa. Per i più piccoli non manca la possibilità di accedere ad attività didattiche presente nel Centro visite. I prezzi d’ingresso sono contenuti: 5 € euro intero, ridotto 3,5 € (fino a 14 anni) e gratuito fino a 2 anni. http://www.oasilagosalso.it/

Dopo una visita al parco, non ci facciamo mancare la prima tappa enogastronomica, presso il ristorante Ristorante Oasi lago Salso. La struttura è ordinata ed immersa nella natura, la cucina Pugliese sfrutta prodotti di queste zone unendoli tra di loro in maniera del tutto naturale. Non mancano, ovviamente, l’olio extra vergine di oliva e il pane caratteristico pugliese bruno e ben cotto, con la sua ruvida e saporitissima crosta.

http://www.beboasilagosalso.it/

Lasciata l’oasi, in appena quindici minuti, si arriva a Manfredonia, comune di circa 57.000 abitanti che si affaccia sul mare nel Golfo di Manfredonia. Si respira tranquillità, lungo le piccole stradine della cittadina, ai balconi sventolano i panni stesi in maniera ordinata, diventando elementi estetici riempitivi e gradevoli. Non ci facciamo mancare di visitare la piccola Cappella della Maddalena, costruita per volontà di Carlo d’Angiò nel 1294, integrata al Convento Regio e dedicata a Maria Maddalena.

 Foggia. Convento Regio
Manfredonia. Convento Regio

Il convento fu distrutto durante il sacco dei Turchi; successivamente fu ricostruito nel ’700 ed ora è bellissima sede del municipio. All’interno della Cappella della Maddalena, sono presenti gli affreschi, San Nicola, di San Domenico, l’albero di Jesse raffigurante la Stirpe di David e l’affresco della Maddalena.

 Foggia. L’albero di Jesse
Manfredonia. L’albero di Jesse

Non molto lontano si trova anche la piccola Chiesa di Santa Chiara, avvolta da misteri ancora insoluti, e riportata in vita nel 1992 da Michele Lorenzo Telera. Rimasta per lungo tempo abbandonata, al suo interno si può ammirare il grande altare barocco.

 Foggia. Chiesa di Santa Chiara
Manfredonia. Chiesa di Santa Chiara

Proprio da Michele, oggi custode, abbiamo cercato di raccogliere qualche informazione; sembra che la struttura nella parte bassa nasconda qualcosa, che purtroppo non ci viene svelato, motivo ulteriore per visitare la chiesa e cercare di strappare ulteriori notizie.

Monte Sant’Angelo.
Monte Sant’Angelo.

Si riparte nuovamente con destinazione Monte Sant’Angelo.  Sono circa 17 i chilometri che separano Manfredonia da Monte Sant’Angelo, tutti in salita, lungo un percorso guidato fatto di continui tornanti sempre accompagnati da un panorama assolutamente straordinario.

Monte Sant’Angelo.
Monte Sant’Angelo.

Man mano che ci si avvicina alla meta, il panorama diventa sempre più bello, con in primis quello sul Golfo di Manfredonia con una visuale che  arriva fino alla costa opposta di Bari.

San Michele Arcangelo
San Michele Arcangelo

Monte Sant’Angelo è un paese di montagna (796 m s.l.m.), con una popolazione di oltre 12.000 abitanti ed è famoso per il santuario di San Michele Arcangelo (Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO dal 2011), meta di pellegrinaggio dei fedeli cristiani. La sua costruzione risale al 490, dopo l’apparizione dell’arcangelo Michele sul Gargano a san Lorenzo Maiorano. Entrare in questo santuario è veramente una emozione forte, anche per i non credenti,  lungo la scalinata che porta alla grotta, si possono vedere ancora oggi, sulle pareti in marmo, i segni lasciati dai pellegrini, in ricordo del loro percorso. La grotta, insignita nel 2014 dal National Geographic come una delle più belle al mondo, è stupefacente per la sua bellezza e per la forte sensazione di spiritualità che si percepisce.

Dopo il Santuario, non può certo mancare la visita nel centro storico, lungo le piccole vie ordinate e pulite, scendendo i scalini che portano fino alla parte bassa del paese, da cui parte il percorso trekking “Scannamugliera” che porta fino a Manfredonia.

Monte Sant’Angelo
Monte Sant’Angelo

Decisamente contenuto in soli due euro il biglietto d’ingresso al Castello di Sant’Angelo, risalente alla prima metà del IX secolo e fatto edificare da Orso I, vescovo di Benevento. Oggi la struttura è ottimamente conservata, e lungo i corridoi all’interno del castello ci si può imbattere nei locali destinati alle prigioni, o semplicemente godere delle splendida vista sul centro della città.

Castello di Sant'Angelo
Castello di Sant’Angelo

Dove mangiare? L’offerta è ampia nella zona, e i prezzi sono tendenzialmente contenuti. Noi abbiamo cenato presso il ristorante Medioevo, un locale accogliente, che propone piatti cucinati attingendo alla tradizione contadina di questi luoghi.

http://www.ristorantemedioevo.it/

Dove soggiornare? Anche in questo caso sono numerose le strutture, tutte accoglienti, ben tenute e il personale è molto disponibile nei confronti dei propri clienti.

B&B – Barone Gambadoro

Recentemente restaurato, riportando al massimo splendore una Masseria fortificata tra il ‘500 ed il ‘600, si trova nella zona di Macchia ed appartenente al Comune di Monte Sant’angelo. La struttura, ambiente ricercato e impreziosito dall’attenzione di arredi antichi, offre servizi per la cura del corpo, Osteopatia biodinamica, training autogeno e massaggi con personale specializzato. Il complesso dal 1977 è vincolato al Ministero per i Beni, e al suo interno vi è anche una cappella privata.Vista l’esclusività degli ambienti i prezzi partono 140,00 € per camera a notte.

http://www.baronegambadoro.it/

B&B Villa Simone

La struttura di recente realizzazione, è immersa nella fantastica vegetazione di ulivi, a soli  3 km da Manfredonia e 10 km da Monte Sant’Angelo in località Macchia. Si distingue, oltre per la gradevolezza degli ambienti interni, anche per tutta una serie di servizi che rendono la vacanza piacevole. Non manca una piscina esterna con idromassaggio, area grill, oltre alla possibilità di organizzare escursioni in collaborazione con l’associazione “Dove andiamo sul Gargano”. Da scoprire, oltre alle bellezze della zona, la simpatia del suo gestore Michele, disponibile e volenteroso, in grado di rendere divertente la vacanza.I prezzi sono veramente interessanti, da 45 € a notte.

http://www.bbvillasimone.it/

Villa Basso

La struttura realizzata nel 1878, come casa estiva di nobili, è stata recentemente restaurata. Circondata di piantagioni di ulivi, gode di una vista straordinaria sul golfo del Gargano, un luogo unico dove rilassarsi a contatto con la natura. Tre sono gli appartamenti disponibili: La Terrazza, Panoramic  Suite e Roxane.

http://www.villagargano.com/en/

Manfredonia

Monte Sant’Angelo

Castello di Sant’Angelo

Check Also

Rally dell’Umbria al femminile: tre giorni all’insegna del divertimento

La mia esperienza al Rally dell’Umbria 2019. Vi racconto come è andata sperando di trovarvi tutti alla prossima edizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *