In moto dalle Alpi al Mare, con la Suzuki V-Strom 1050 XT

In moto dalle Alpi al Mare è il nome del progetto per i mototuristi tra il Piemonte occidentale e una delle perle della Liguria, Sanremo

Abbiamo percorso questo spettacolare itinerario, tracciato da una guida prestigiosa come Fabrizio Bruno di Culture Lontane Tour Operator, insieme a giornalisti, blogger e youtuber, divisi su moto della gamma Suzuki. Noi abbiamo scelto per il viaggio “In Moto dalle Alpi a Mare”,  una moto che ci piace e che spesso abbiamo utilizzato: la Suzuki V-Strom 1050 XT, con la quale abbiamo percorso gli oltre 740 chilometri del tour.

Siamo partiti da Castello Rosso di Costigliole di Saluzzo, su per le Valli Occitane, Alpi Marittime e Cozie, seguendo l’Intervalliva Cuneese. La “Provincia Granda” è sempre spettacolare da percorrere, con le sue colline, i suoi vigneti e le sue strade poggiate su rilievi di una bellezza che varia al variare delle stagioni, ma che resta sempre frutto di un’armonia millenaria. Verso le Alpi Marittime il territorio diventa più aspro e le curve diventano più impegnative. Tuttavia, il nostro procedere consente comunque qualche sbirciatina su quanto ci circonda e sulla sua bellezza.

Suzuki Power

 

Il percorso ci ha portato fino allo Chalet le Marmotte, sul Colle di Tenda, a 1800 metri di altitudine. Da qui comincia l’Alta via del Sale, una spettacolare strada bianca divenuta luogo tra i più frequentati da motociclisti e ciclisti. Il successo delle strade bianche è frutto delle belle sensazioni di un viaggiare antico. L’assenza dell’asfalto rende questi luoghi senza tempo e mantiene un’armonia paesaggistica che un nastro scuro andrebbe a mutare.

In Moto dalle Alpi a Mare, la discesa verso la costa ligure

Abbiamo quindi proseguito verso il Colle di Nava e Pieve di Teco, dove il clima diventa più mite per la vicinanza con la costa. Infatti, dietro diverse curve, si cominciano a vedere sprazzi di blu marino, che appaiono e scompaiono a preludio della nostra discesa verso San Remo.

 

Qui pernotteremo al Camping Villaggio dei Fiori da cui il giorno seguente ripartiremo per l’entroterra della provincia d’Imperia e nuovamente verso quella di Cuneo.

Attraversando luoghi e valli suggestivi, come i comuni di Dolceacqua, Pigna, Molini di Triora la strada via via diventa più impegnativa e ricca di tornanti. Passiamo molte ore in moto, ma questo viaggiare a ritmo turistico, senza disdegnare una discreta andatura, ci fa perdere la cognizione del tempo. Siamo sempre nella provincia di Savona e arriviamo a Zuccarello, uno dei Borghi più Belli d’Italia, con i suoi vicoli e l’antico ponte sul torrente Nava.

 

Queste strade nonostante un asfalto rovinato, ci hanno fatto scoprire valichi con splendidi panorami, ma ora dirigiamo nuovamente verso la provincia di Cuneo. Arriviamo a Diano d’Alba “con il miglior belvedere a 360 gradi sulle Langhe” come sottolineerà Fabrizio Bruno, in uno dei suoi tanti interventi per spiegarci il magnifico territorio che abbiamo attraversato.

Per non farci mancare nulla, la nostra prossima meta sarà la prestigiosa tenuta di Fontanafredda a Serralunga d’Alba dove pernotteremo. Inutile dire che la qualità della cena e dei vini di cui abbiamo potuto godere (visto che le moto erano ferme) è stato sublime, così come il livello di ospitalità.

Il giorno seguente il rientro passando da Barolo fino a Costigliole di Saluzzo, ci regala ancora curve ed emozioni. I nostri occhi sono ancora pieni di splendidi panorami in questo intenso tour che ci ha permesso di conoscere zone del Piemonte e della Liguria fuori mano. Un itinerario ricco di natura e di storia che permette al mototurista di percorrere curve di ogni tipo e, non ultima cosa, di gustare vini e piatti celebri nel mondo.

In Moto dalle Alpi a Mare, un progetto per tutti i motociclisti

La ATL di Cuneo ha voluto questo progetto, e nel 2022 realizzerà una guida cartacea e una online con i tracciati scaricabili in GPX. Un altro progetto prevede l’apertura (in fase di realizzazione) di una nuova strada sterrata da percorrere tutto l’anno.

Speriamo che questa iniziativa serva per incrementare la manutenzione delle strade (alcune molto rovinate), che permetterebbe a tantissimi mototuristi una più facile scoperta delle splendide zone che abbiamo attraversato.

Si ringrazia:

Fabrizio Bruno di http://www.culturelontane.com/

ATL Cuneo https://www.cuneoholiday.com/

Suzuki Italia https://moto.suzuki.it/modelli.aspx

Angelo Angelucci di https://thebyk1200gt.com/

Pernottamenti

https://www.villaggiodeifiori.it/

Fontanafredda:   www.villaggionarrante.it

testo Rino Salvatore Satta

foto Stefano Martin e Laura Osti

 

 

 

Check Also

Itinerario delle Rocche (Marche), tra ardite architetture, storia e sapori

Sulle tracce di Francesco di Giorgio Martini, architetto che nell’Itinerario delle Rocche, interpreta una perfezione vitruviana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.