Fratelli Budelli panorama di Firenze

Fratelli Budelli: anteprima di un giro all’insegna di lentezza e bellezza

Fratelli Budelli, ovvero: 150 km di spaghetti più o meno asfaltati, più o meno sterrati, rimanendo sempre a un tiro di schioppo dal centro di Firenze.

Budello – s.m.: tubo intestinale. E fin qui non ci piove.
Poi ci sono i vari modi di dire, torcersi le budella, farsi cascare le budella, riempirsi le budella. Per esempio secondo il vocabolario fiorentino dicesi budello uno piuttosto sovrappeso che la dieta la comincia da lunedì. Secondo quello livornese invece ‘r budello è spesso riferito alla mamma di qualcuno. Per la Treccani budello è anche, in senso figurato, corridoio, viuzza, strettoia, cunicolo, angusto e stretto vicolo. E se si hanno presenti i disegnini delle viscere umane sui libri delle medie si capisce anche perché.

Tutto questo per dire che quando quella specie di vulcano di idee del nostro vecchio amico Kiddo si è messo a spippolare su gugolmàp e ha buttato giù un percorso nei dintorni di Firenze, fatto di stradelli, tutti molto belli, da fare con motorette senza tanti orpelli, anche prive di tasselli, lo ha chiamato… FRATELLI BUDELLI (rime ne abbiamo?). E quando mi ha chiesto “Vuoi andare a verificarlo?” non me lo sono fatto ripetere due volte, sono saltato in sella a quel geniale plasticone che è l’X-ADV 750 della Honda, metà scooter metà moto, con esclusivo comodissimo cambio DCT che facilita la guida, e mi sono goduto un bellissimo e panoramicissimo giro immerso nella campagna toscana ma con vista Cupolone costantemente sullo sfondo, per strade che tanti fiorentini DOC nemmeno conoscono. Non solo, ma a quel punto vuoi non andare a vedere dove porta anche quella stradina? Vuoi non allungare il percorso per andare a cercare quel panorama unico al mondo? Vuoi non passare dalla casa natale del Ghirlandaio o dalla villa dove Boccaccio ambientò il suo Decamerone? Insomma già che eravamo lì abbiamo aggiunto un po’ di km e anche un po’ di cultura, che di questi tempi c’è bisogno.

Fratelli Budelli: Honda X-ADV
(Le foto del servizio sono di Pi Acca Reby)

 

Se il buongiorno si vede dal mattino…

Partenza dalla piazza di Fiesole, cento metri e… nulla, ti trovi in uno di quei punti panoramici che anche se ci sei nato ti fanno battere il cuore dall’emozione, e dove ti viene naturale pensare alla fortuna di chi, abitando lì, la mattina apre la finestra e si trova a volare sopra Firenze.

Fratelli Budelli: il cielo sopra Firenze
Il cielo sopra Firenze

 

Altri, quanti?, 50 metri, e se avete una BMW Adventure o le valigie montate o entrambe le cose… occhio perché rischiate di incastrarvi! E sinceratevi anche di avere buoni freni perché ci sono dei punti in cui la discesa è dimolto ma dimolto ripida, per dire da ragazzino quando ero in vena di… ehm… romanticismo, io ci portavo la fidanzata dell’epoca, in due sulla sella del Ciao, per poter sentire i suoi respingenti sulla schiena. Insomma, se si chiama Fratelli Budelli un motivo c’è.

Fratelli Budelli: strettoia
Budello: stretto vicolo da percorrere con stretto veicolo

 

Un pianeta parallelo a un passo dalla città

Ancora qualche stretto saliscendi costeggiando Monte Ceceri (il luogo dove l’assistente di Leonardo si scatafasciò buttandosi di sotto con la macchina per volare), e per non farci mancare nulla si arriva su uno sterratino bellino da morire, semplice ma gratificante e alla portata di tutti. Sembra di essere fuori dal mondo, e invece il centro commerciale più vicino è a poche centinaia di metri in linea d’aria. Non ringrazieremo mai abbastanza i nostri genitori per averci messo al mondo proprio da queste parti.

Fratelli Budelli: sterrato
Uno stradello sterrato alla portata di tutti

 

Siamo in sella da mezzora, anche di più se si considerano le soste foto, e quando recuperiamo un minimo di strada senza tornanti da far manovra non siamo nemmeno a un quarto del percorso. Pratolino, Montorsoli, Serpiolle, coloniche nascoste, ville medicee, gioielli incastonati su colline verde smeraldo, la traccia ci porta a Firenze città per andare a fare il pieno di bellezza sulla terrazza di Piazzale Michelangelo, poi Arcetri, Monteripaldi, Pozzolatico, tabernacoli e piccoli cimiteri, scampoli di estate coi colori che cominciano a diventare autunnali, e immaginate che razza di tavolozza sarà il foliage novembrino.

Fratelli Budelli: tabernacoli d'altri tempi
Quando i viandanti sostavano per una preghiera

Una sosta tattica

A Grassina (per i foresti: l’accento va sulla prima a) il percorso passa proprio di fronte al negozio Motoabbigliamento, e allora quale migliore occasione per fermarsi a dare un’occhiata e/o a prendere l’Almanacco Illustrato del Motociclista?

Motoabbigliamento
Motoabbigliamento a Grassina

 

Moto e Brunelleschi: what else?

Il motociclista di oggi, ormai lo abbiamo capito, se in mezzo al bitume non trova anche qualche sasso è convinto di diventare impotente, e allora ecco un altro streìadello da fare in piedi sulle pedane, questo un pelo più impegnativo e che a un certo punto diventa un lastricato tipo antica strada romana, e forse lo è, ma il tutto a prova di franzometro (strumento di misura delle difficoltà, se ce la faccio io ce la fanno tutti) e a portata di plasticone.

 

Fratelli Budelli: lastricato
Un lastricato (romano?) sulla via di Campisoni

 

San Donato, Paterno, San Martino, Compiobbi, Settignano, Montebeni, sempre su strade in cui incrociare una Smart potrebbe non essere banale, e sempre col Cupolone che da lontano veglia su di noi. Dirittura di arrivo, dirittura si fa per dire, coi tornanti di Vincigliata, pure loro testimoni di antichi tete a tete (con una o due T il senso non cambia). Infine Fiesole, a chiudere Fratelli Budelli, un anello di strade che, per maggior comprensione della traccia, siamo riusciti a non fare mai incrociare. E al momento sono 150 km, mica bruscolini.

Fratelli Budelli:
Tornanti. Non banali (l’obbiettivo schiaccia)

 

Oggetti preziosi in garage

Alla fine la velocità media è stata quella di un bradipo zoppo e va benissimo così, anzi, il mezzo ideale per Fratelli Budelli potrebbe essere un 125, perché no una Vespina o, libidine, un “Tubone” da 50cc, senza nemmeno bisogno del carburatore da 19 o della marmitta a espansione. E qui lo so che i nati poco oltre la metà del secolo scorso avranno un fremito: beh, io ve lo dico, se avete qualcosa del genere in garage è il momento di dargli una spolverata. E se avete idee su qualche altro imperdibile budello per implementare il giro sentitevi liberi di suggerire, sennò che FRATELLI Budelli siete?

 

Fratelli Budelli: Fiesole
Partenza e arrivo in quel di Fiesole

 

Check Also

Motor Bike Expo 2024, la fiera dei motociclisti

Motor Bike Expo 2024 ha chiuso i battenti, e pur con quella sorta di leggera malinconia che sempre ci avvolge quando finisce qualcosa di bello vi raccontiamo tre giorni stancanti, intensi e appaganti.

3 comments

  1. Bellissima recensione.

  2. Molto ben descritto, fa venire veramente l’acquolina in bocca come si suol dire. Complimenti

  3. Grazie, fa piacere constatare che sia la ricerca dei percorsi, sia la voglia di descriverli, vengano apprezzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *