Home / Viaggi in moto / Reportage / Aldilà del confine (in Svizzera)

Aldilà del confine (in Svizzera)

testo Antonella Tamassia foto Giuseppe Del Fabbro

[wp_geo_map]

Non serve certo fare tanta strada dall’Italia, la Svizzera è lì a portata di ruote. Soprattutto presa arrivando dall’Autostrada A 9 Milano Chiasso, in un battibaleno il confine ti viene incontro. Spingendoci in direzione Mendrisio cominciamo ad inerpicarci verso la Valle del Muggio.

Già salendo, dopo le prime curve, si apre una vallata maestosa all’interno della quale sorgono ben nove paesini Bruzella, Cabbio , Caneggio, Casima Castel San Pietro, Monte , Morbio Superiore, Muggio e Sagno.

La strada che congiunge questi piccoli centri è stretta ma perfettamente percorribile soprattutto in moto. Poche le macchine che si incontrano, tuttalpiù qualche bicicletta.

Vale la pena fermarsi per far visita ad alcuni di questi paesi ed immergersi nella tranquillità di una vita a contatto con la natura. Queste località sono veramente affascinanti.

Le casette di sasso perfettamente curate e adornate di fiori profumatissimi, la gente cordiale e sorridente, fanno si che possa respirare un’aria di totale tranquillità.

Tra le cose da segnalare, consigliamo la visita al Museo Etnografico a Cabbio aperto tutti i giorni tranne il sabato dalle 14,00 alle 18,00 previa prenotazione (tel.+41(0)916902038www.mendrisio.ch

Ripercorrendo la stessa strada dell’arrivo senza dimenticarsi di posare un ultimo sguardo al panorama, che non è sicuramente dei più noiosi , si prosegue per Lugano lungo l’autostrada E35.

Lugano, vista del lago

Lugano è una cittadina bella ed elegante, con il suo centro storico pedonale, le piazze e le arcate dal fascino mediterraneo , lo shopping esclusivo, meta di buona parte dei turisti.

Da non dimenticare la visita al negozio storico “Gabbani” in piazza Cioccaro 1 angolo via Pessina, dove si possono trovare formaggi locali tipici, pani dolci e vini pregiati.

Ma a Lugano ci sono anche dei bellissimi parchi. Ce n’è uno in particolare ,Villa Ciani, con i suoi prati perfettamente curati dove sedersi ad ammirare le montagne circostanti che dominano la cittadina, Monte S.Salvatore e il Brè.

Svizzera in miniatura

Lasciando alle spalle Lugano si prosegue per Melide per trascorrere un momento curioso e divertente facendo tappa alla “Svizzera in miniatura” presso la Swissminiatur dove si potrà ammirare oltre 120 modelli dei luoghi più simbolici della Svizzera tutto in formato ridotto. All’interno del parco si potranno vedere oltre 1.500 piante floreali di ogni specie per gli amanti di giardinaggio.

Dopo una giornata così intensa ed emozionante si raggiunge Sementina, paese tranquillo dove potersi fermare per trascorre la notte in totale tranquillità; consigliamo l’Albergo Cereda che offre camere confortevoli e pulite in un’atmosfera veramente famigliare e per una ottima cena suggeriamo l’Agriturismo fattoria L’Amorosa circondata da ulivi e vigneti , situata a pochi chilometri dall’albergo, la cucina è ottima tipica e raffinata.

A pochissimi chilometri da Sementina si trova Bellinzona circondata dai suoi meravigliosi Castelli. Si elevano, dominando la città, il Castello di Sasso Corbaro, il Castello di Montebello e il Castel Grande, che di sera sono suggestivamente illuminati.

Proseguendo verso il S.Gottardo, non si si può evitare una tappa all’Alptransit, di Pollegio sito veramente interessante che da poco ha aperto le porte a tutti i visitatori. (da Martedì a Domenica dalle 9,00 alle 18,00 tel. +41(0)918730551 www.infocentro.ch)

L’ingresso di Alptransit

Alptransit è un progetto svizzero che 2017 aprirà il tunnel ferroviario più lungo del mondo: ben 57 km di galleria. Questo ridurrà il tempo di viaggio tra Milano Zurigo da 4 ore in sole 2 ore. All’interno si potranno vedere i filmati che proiettano in diretta l’affascinante mondo dei minatori che operano sul cantiere del secolo!

La gita sta diventando sempre più interessante ed emozionante! Si prosegue per Giornico paesino veramente delizioso. Qui nasce il Ticino e i suoi ponti in pietra a schiena d’asino, la bella chiesa di S.Nicola del XIII secolo – completamente disadorna ma di un fascino straordinario nella quale si svolgono solo battesimi e matrimoni – rendono questo paesino caratteristico e pittoresco.

Si consiglia di fermarsi a pranzo al “ Grotto i due ponti”(tel. +41(0)918642030 – www.grotto2ponti.ch) dove si potranno gustare piatti tipici sotto un pergolato di uva a fianco del giovane Ticino.

Il S.Gottardo è lì davanti a noi come se volesse venirci incontro, e quindi via in sella! La strada è un bel misto con un asfalto in ottime condizioni che attraversando alcuni paesi arriva ad Airolo.

A quel punto si può decidere se percorrere la Tremola, bella strada di montagna piena di curve con vari pezzi in pavé, oppure la strada più recente molto larga e ben asfaltata.

Ecco la cima del S.Gottardo con il suo laghetto di un colore azzurro intenso.

Il parcheggio è pieno di moto di ogni genere anche d’epoca che caratterizzano l’atmosfera e la rendono di una particolarità assoluta. Sulla sinistra alla fine della strada vi è anche il museo del Gottardo molto interessante.(tel.+41(0)918691525) aperto da Lunedì a Domenica dalle 9,00 alle 18,00)

La cittadina di Andermatt

Lasciando alle spalle il S.Gottardo si scende per raggiungere il grazioso paesino “Andermatt “ rinomata stazione sciistica in stile svizzero di montagna, paese perfetto per trascorrere la notte.

L’Hotel Aurora possiede stanze comode e pulite, con la cena decisamente buona. In questo hotel fanno tappa molti motociclisti.

Di nuovo in sella, per raggiungere il passo del Furka e, dopo numerose curve e un panorama alquanto suggestivo, si apre all’improvviso in cima al passo il ghiacciaio del Rodano dai mille colori che abbaglia gli occhi.

All’interno del ghiacciaio si potrà ammirare “La Grotta di Ghiaccio del Rodano”

Sulla stessa strada a pochi metri dal ghiacciaio, si incontra l’Albergo Belvedere la cui costruzione risale al 1800. La struttura è molto caratteristica, l’arredamento e gli oggetti sparsi ovunque, i camini in maiolica sono rimasti quelli di allora, rendendo l’ambiente caldo e accogliente.

Al piano terra dell’albergo, si può visitare una galleria fotografica, con esposto varie stampe e foto che ricordano i tempi in cui in quella strada transitavano i viaggiatori con muli e carretti. Ai tempi l’albergo era un rifugio dove poter trascorrere la notte.

Proseguendo verso Oberwald , e curva dopo curva , si arriva al passo della Novena ultima tappa per poi rientrare in Italia.

 

La Svizzera ci ha accolto e sorpreso, in questo territorio tutto sembra ispirato all’armonia, e la cura del patrimonio naturale ed artistico è una priorità.

Ci piacerebbe fosse sempre così anche vacando il confine.

 

Indirizzi utili:

Albergo Cereda

Via Locarno 10

6514- Sementina

tel.+41(0)918518080

www.hotelcereda.ch

 

Hotel Aurora

Gotthardstrasse 163

6490 – Andermat

tel.+41(0)418871661

www.aurora-andermatt.ch

 

Agriturismo Fattoria L’amorosa

Via Moyar

65414 – Sementina

tel. +41 (0)91 840 29 50

http://www.amorosa.ch/it/

 

La mappa

 

[nggallery id=67]

Check Also

1000 Sassi edizione zero, una cavalcata in fuoristrada tra il Chianti e la Maremma

Abbiamo partecipato alla Edizione Zero della 1000 Sassi, un assaggio dell’evento che l’anno prossimo ci porterà alla scoperta della Toscana in fuoristrada.