Test casco Premier JT4 ALLROAD

Un casco unico che si presta a essere utilizzato in duplice configurazione: Jet o integrale. Va bene sia in città sia in autostrada. 

Lazienda italiana Premier è certamente una bella realtà impegnata nello sviluppo di prodotti di buona qualità, con particolare attenzione a quelle che sono le mode e le necessità di chi vive in maniera “totale” il mondo a due ruote.

Di sicuro interesse, visto la sua molteplice destinazione di utilizzo, il casco Premier JT4 ALLROAD che passa da integrale a jet, e viceversa, in pochi secondi, e senza l’utilizzo di chiavi.

jt4allroad-u17-1

Calotta: tricomposito e peso di gr. 1350 + – 50.

La calotta è uno degli elementi fondamentali per la sicurezza e il confort di un casco, ancora più importante del “fascino estetico” di un accessorio destinato a proteggerci.

I materiali utilizzati per il “guscio” del Premier JT4 sono fibre composite di resina epossidica, tessuto dyneema e fibre aramidiche di carbonio; il peso del casco è di circa 1350 gr.

Gli interni sono realizzati in tessuto anallergico e hanno il trattamento Sanitized, inoltre sono completamente, e facilmente, smontabili in caso si debbano lavarli.

La visiera, stampata dello spessore di 2 mm ha il trattamento antigraffio, è ampia e permette un’ottima visuale. Per essere sostituita necessità l’utilizzo di una chiave a brugola; il bloccaggio nelle varie posizioni di apertura d’inclinazione è garantito da un doppio sistema a dentatura posto tra visiera e calotta.

Comoda la presenza anche della visiera parasola, è a scomparsa da estrarre tramite una levetta rossa posizionata sulla sinistra.

Il cinturino di sicurezza è dotato di chiusura micrometrica regolabile, di facile apertura grazie alla comoda linguetta rossa, la quale, tirandola sgancia le due estremità di chiusura.
Le taglie vanno dalla XS alla XXL mentre sono quattro le varianti.

Premier JT4
Premier JT4

Com’è : valido in tutte le condizioni.

La prima cosa che si apprezza quando si calza il Premier JT4 ALLROAD è proprio il fatto di poterlo indossare senza soffrire troppo, proprio perché non è eccessivamente stretto nella zona sottostante.

In autostrada è abbastanza silenzioso, non ci sono “pinne” fastidiose che innescano rumori di sottofondo, mentre l’insonorizzazione generale è appena sufficiente, visto l’esigua imbottitura interna che stringe poco intorno alle orecchie.

Il tessuto interno si fa apprezzare soprattutto nelle giornate più calde, poiché rimane abbastanza “neutro” al sudore, questo grazie anche a una buona ventilazione interna.

Dopo un viaggio autostradale, arrivati in città, è assolutamente comodissima la possibilità di poter, in pochi secondi, smontare la mentoniera anteriore e utilizzare il casco come uno Jet. La mentoniera smontata è di ridotte dimensioni, quindi non sarà poi difficile trovare uno spazio dove poterlo riporre.

Anche nell’utilizzo cittadino si apprezza per la comodità e l’ottima visuale offerta durante la guida; alla presenza di sole si abbassa la piccola visiera scura che funge da occhiali da soli.

In conclusione: vale il suo prezzo.

Il prezzo di € 267 al pubblico iva inclusa, è giusto per un prodotto ben realizzato, sicuro, e adatto a essere utilizzato sia nel mototurismo sia nell’utilizzo del traffico cittadino.

Insomma, se avete la moto per il fine settimana, e utilizzate magari avete lo “scooternino” per andare a lavorare.

www.premier.it

[nggallery id=252]

Check Also

Hevik Centaurus

Hevik Centaurus: abbiamo provato 2 capi a 3 strati per 4 stagioni

Un completo giacca-pantaloni triplo strato adatto al 6% che va in moto tutto l'anno, ma anche al 94% che va in moto quando gli va.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.