Home / Moto / News due ruote / La nuova Suzuki V-STROM 1050: déjà-vu di classe

La nuova Suzuki V-STROM 1050: déjà-vu di classe

Presentata a EICMA la Suzuki V-STROM 1050. La linea si ispira alla storica DR-BIG, sale la potenza massima a 107,4 Cv. Importanti novità per l’elettronica.

La V-Strom è da sempre uno dei modelli più apprezzati nel settore enduro da viaggio, sia nella versione più piccola di 650 cc che nella versione 1050 cc. Una moto da sempre apprezzata per offrire buone prestazioni, ottimo confort di guida e una robustezza meccanica di primo livello. Questa nuova versione si rinnova nell’estetica, ora più filante e aggressiva ispirata al modello storico DR-BIG una delle moto storiche degli anni Ottanta che divenne famosa per essere uno dei monocilindrici più grandi dell’epoca (727 cc).

La V-STROM 1050, presente in listino dal 2002, è una moto ormai diventata storica, e come avviene per i modelli sportivi GSX, è diventato negli anni un vero simbolo della Suzuki.

Più pepe per la nuova Suzuki V-STROM 1050

Il nuovo modello non cambia in alcune caratteristiche tecniche, quindi rimane il validissimo e collaudato bicilindrico a V di 90 di 1037 cc, che in questa versione raggiunge la potenza massima di 107,4 cv (100,6 cv nella versione precedente) senza intaccare sul consumo di carburante; il valore della coppia massima è di 100 Nm a 6.000 giri/min. (101 Nm a 4.000 giri/min. per la versione 2018). Per rispettare le restrittive normative Euro 5, è cambiato il profilo delle camme di aspirazione e scarico, in modo da aumentare l’alzata delle valvole ed è stata aggiornata la centralina ECM (Electronic Control Module). Aggiornamenti anche per il radiatore dell’olio che aumenta la capacità di scambio termico passando da 22,7 KW a 26,1 KW. Nuovo anche il catalizzatore che riduce l’emissione degli idrocarburi, del monossido di carbonio e degli ossidi di azoto.

Elettronica di pregio

In questa versione c’è il comando dell’acceleratore ride-by-wire, il Drive Mode Selector che permette di scegliere tre diverse mappature motore in base alle condizioni di guida senza variare la potenza. Debutta anche il cruise control che permette di impostare la velocità costante da mantenere in autostrada, e Lowe RPM Assist che fa salire i giri del motore alla partenza o quando si procede a bassa velocità.

Evoluto il Traction Control, con tre diverse modalità d’intervento oltre quella dedicata al fuoristrada. Due sono le versioni V-STROM 1050 e V-STROM 1050 oltre alla versione depotenziata da 35 Kw per i possessori della patente A2.

Check Also

Fantic Issimo: la nostra prova. E-Bike o tubone?

Al termine della presentazione della nuova E-Bike Fantic Issimo, abbiamo avuto modo di effettuare un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *