Home / Moto / News due ruote / I 5 consigli per viaggiare in moto in compagnia

I 5 consigli per viaggiare in moto in compagnia

Finalmente la primavera, tempo di raduni e giri in moto tra amici. Ecco 5 consigli per viaggiare in moto in gruppo in tutta sicurezza.

di Amedeo Roma

Quando si partecipa ad un motoraduno o  quando semplicemente,si condivide una bella gita in moto,  bisogna necessariamente prestare maggiore attenzione durante la guida, per la propria sicurezza e per quella dei nostri compagni di viaggio.

Queste riflessioni sono frutto di due eventi che si sono susseguiti nel giro di pochi giorni: il primo un press test di Honda in Spagna, il secondo una semplice quanto divertente gita in gruppo con degli amici Bikers.

1 In gruppo evitate la guida sportiva.

Quando si va via insieme quello che conta è godersi il viaggio e condividere bei panorami. Ovviamente, soprattutto quando si partecipa ad un evento dove si incontrano nuovi amici motociclisti, non si conoscono né la qualità, né l’esperienza di guida degli altri piloti. Meglio procedere con una andatura rilassante: mantenere una distanza di sicurezza di almeno 5/6 metri può essere determinante in caso di frenata improvvisa, lasciate spazio a chi vi precede per poter eventualmente porre rimedio ad una traiettoria impostata male.

 2 Procedete sfalsati.

Sembra una banalità, ma una migliore visuale durante la guida è fondamentale per evitare situazioni di pericolo. Se viaggiate in gruppo la limitata larghezza della moto non occupa tutta la carreggiata, cercate quindi di disporvi sfalsati rispetto a chi vi precede, avrete più visibilità e guadagnate metri in caso di frenate improvvise. Ricordatevi che non tutti hanno la stessa prontezza di riflessi, e le moto hanno spazi di arresto diversi tra di loro, quindi evitate di stare col “fiato addosso” a chi vi precede.

3 Valutate autonomamente le condizioni dell’asfalto.

Non fidatevi necessariamente dei vostri compagni di viaggio. La moto la guidate voi, dovete essere in prima persona sicuri delle caratteristiche dell’asfalto, soprattutto in condizioni di scarsa aderenza o di bagnato. In caso di pioggia, o con l’asfalto umido, ricercate qualche segnale che possa darvi indicazioni su quanto e come è il grip degli pneumatici. In sostanza, se procedete a bassa velocità, provate a frenare dolcemente, e poggiate solo strusciando lo stivale sull’asfalto, potrebbe darvi qualche informazione in più su quanto sia scivoloso l’asfalto. 

4 Il saluto tra motociclisti ok, ma fatelo in sicurezza.

Quando siamo in sella ad una due ruote ci sentiamo amici, facciamo probabilmente parte di una comunità tra le più “pulite” e amiamo stare insieme. Ok…ma il classico saluto tra motociclisti fatelo quando siete in condizioni di sicurezza, va bene tutto ma mi è anche capitato di incrociare degli “Stoner” che con ginocchio in terra staccavano la mano sinistra per il classico saluto. Se volete proprio salutare potete: fare un semplice gesto con il casco oppure alzare la gamba dalla pedana. Altrimenti tranquilli, mica ci si offende, meglio così che vedere dallo specchietto uno che perde il controllo della moto solo per averci salutato. Per quanto riguarda il saluto utilizzando i dispositivi abbaglianti stiamo attenti, il codice della strada non è un granché d’accordo.

5 Valutate voi quando uscire da un incrocio.

Questo è secondo me uno dei punti più importanti. Quando uscite da un incrocio, o vi immettete da una strada laterale in nuova corsia, dovete essere completamente padroni della visuale, e se non siete sicuri fermatevi pure e aspettate. Chi ci procede fa le sue valutazioni in base alla sua posizione a quello che vede, noi ragioniamo con la nostra testa. Questa situazione mi è capitata più volte di vederla, si crea il classico serpentone e molti si sentono necessariamente tranquilli nell’affrontare immissioni in strade o incroci. Sbagliato! Passate o immettetevi solo quando avete la situazione sotto controllo. Inoltre la cosa migliore è, se si è veramente numerosi, di creare dei gruppi di non più di dieci moto, e di andare via in maniera scaglionata….tanto basta sapere dov’è l’arrivo finale per l’immancabile mangiata o l’appuntamento intermedio per il classico caffè.

Ora siete pronti per viaggiare in moto in tutta tranquillità insieme ai vostri amici ma, nel caso in cui preferiate viaggiare da soli, ecco i nostri 5 consigli per viaggiare in moto da soli.

DSC_7037
I 5 consigli per viaggiare in moto

Check Also

Sturgis Rally 2019, il Re dei raduni è alla 79a edizione

Il più grande raduno del mondo, la più alta concentrazione di moto, uno degli eventi motociclistici più vecchi: questo sarà lo Sturgis Rally 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *