Home / Moto / Mash Motorcycle, le moto che costano meno di 2.000 euro

Mash Motorcycle, le moto che costano meno di 2.000 euro

di Kiddo

Abbiamo volutamente parlato, in merito alle specials proposte del salone veronese, di moto da sogno, come le nuove Vertemati o le Di Ferro il cui prezzo di acquisto, se non quello di gestione, resta assolutamente elitario superando i 20.000 euro. Verrebbe da pensare che la motocicletta sia ormai diventato un mezzo per pochi Paperoni che possono togliersi ogni voglia, ma abbiamo scoperto con piacere che le nuove allettanti proposte possono essere davvero a bassissimo costo e dalla enorme potenzialità di gradimento del pubblico.

A Verona abbiamo preso infatti contatto con una realtà nuova, per il mercato italiano: Mash Motorcycle.

Si tratta di un marchio francese che distribuisce in casa una vasta gamma di moto leggere, principalmente 125 quattro tempi. Moto dall’indubbio fascino evocativo, dai costi di acquisto contenutissimo (si parte dai 1.990 € della base, e non si superano i 2.700 della Scrambler o della Café Racer) e di gestione; si parla infatti di una media di 33 chilometri/ litro.

Mash Cafä Racer
la Cafè Racer di Mash Motorcycle

Moto basse da terra, stilosissime, adatte al pubblico femminile, motociclisti di ritorno, ragazzi alla prima esperienza che non intendono per forza la moto come dimostrazione di virilità o motociclisti maturi desiderosi di continuare la “carriera” per ancora molto tempo. Senza fretta, senza stress, alla guida di un mezzo evocativo e disimpegnato. Una vera novità, se pensiamo al mercato attuale.

Mash base
Mash Motorcycle Base

Come trovare i modelli Mash Motorcycle

In Italia Mash Motorcycle sarà distribuita nel prossimo futuro dal produttore di Fantic Motor parallelamente alla propria gamma, disponendo di una rete di vendita e assistenza distribuita capillarmente sul territorio nazionale.

Le Mash Motorcycle proposte per il mercato italiano sono in realtà frutto della collaborazione fra i due Marchi, dal momento che buona parte dello stile è ovviamente italiano, la produzione cinese, la motorizzazione 125 quattro tempi Suzuki alla quale si affiancherà presto una più performante 250.

Come dire: non aspettatevi di fare le buche in terra, non soffermatevi a controllare il livello delle verniciature, ma girate la chiave e partite, a cuor leggero, alla guida di una moto che di sicuro sarà un’inarrestabile compagna di vita.  

www.mash-motors.fr

 

 

 

Check Also

Fantic Issimo: la nostra prova. E-Bike o tubone?

Al termine della presentazione della nuova E-Bike Fantic Issimo, abbiamo avuto modo di effettuare un …

2 comments

  1. 250 suzuki? ma è la mia prima moto, il marauder 250 gz
    comprato nuovo a 3500 euri dicendomi: nuovo dura di più!
    e invece a due mesi dallo scadere della garanzia di due anni, mi si è staccata una valvola mentre ero sul raccordo anulare, in sorpasso, a 120km/h.
    Sono vivo per miracolo, la valvola staccata ha trasformato il motore in groviera in pochi istanti di pistonate.

  2. Sembra che la MASH MOTORS verrà distribuita in Italia dalla SIX DAYS SNC, azienda del marchio Fantic.
    Dico “sembra” in quanto ho inviato due email alla SIX DAYS per sapere quali saranno i Dealer MASH MOTORS in Italia e, nel mio caso, Marche ed Emilia Romagna ma ad oggi silenzio assoluto.
    L’unico Concessionario che si è interessato alla mia richiesta (Dealer Suzuki-Yamaha-Kawasaki ecc. ecc. di Fossombrone), dopo aver contattato un suo agente, mi ha confermato la possibilità di acquisto di un mezzo MASH MOTORS ma, l’ordine stesso, alla data odierna, va effettuato solo sul venduto.
    Personalmente, mi interessa il modello “Two-fifthy” con motore di derivazione Suzuki modificato con specifiche “franco-cinesi”, dai bassissimi consumi (a velocità codice supera i 40 Km. con 1 litro di benzina) e bassissimi costi di gestione…perfetta per me che lavoro a 50 Km. da casa e che la moto mi serve non per sfizio ma per mera necessità.
    Speriamo che la disavventura capitata all’Utente ANDREA non sia “la regola” ma una sfortunatissima casualità e che, nel suo caso, sia riuscito a tornare sano e salvo a casa.
    A quel punto preferisco tenermi la mia affidabilissima Paris-Dakar 200 cc.
    Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *