HONDA INTEGRA 750

Prova HONDA INTEGRA 750 YM2016

In sella con il nostro tester: Si guida come una moto ma è comodo come un maxiscooter. 

Sulle prime, proprio nel momento di salire in sella all’Integra, si ha la sensazione di trovarsi a che fare con un normale maxiscooter di ultima generazione: infatti, per salire bisogna scavalcare il tunnel centrale, e sia la seduta sia la conformazione della plancia sono tipici di questi mezzi. Invece, nel momento in cui si decide di mettersi in movimento la storia cambia. Esattamente come avviene come una normale moto con cambio tradizionale, per mettersi in movimento bisogna inserire la marcia, cosa che in questo caso avviene tramite i comandi a palette posizionate nel blocchetto di sinistra; tutto questo senza doversi preoccupare di innestare la frizione….fa tutto da solo. Alla guida la moto o maxiscooter, lascia spazio veramente ad una moltitudine di utilizzi, comodo, veloce, sicuro e parsimonioso.

HONDA INTEGRA 750
HONDA INTEGRA 750

Andiamo per ordine.

Il nostro test si è tenuto a Malaga (Spagna) in contemporanea al modello NC750 DCT, poiché condividono praticamente la stessa meccanica ed elettronica, ad esclusione per quanto riguarda le sospensioni. I primi chilometri scorrono tranquilli, l’andatura è di quelle di puro rilassamento, basso numero di giri, qualche curva affrontata a bassa velocità…nulla di più…insomma modalità D (drive). Ecco in questa fase emerge il maxiscooter, in grado di accompagnarti senza chiederti troppo sforzo né fisico né mentale, la postura in sella è di quelle tutto comfort, zero problemi. Il tunnel centrale è molto largo e la pedana poggiapiedi, viceversa, non è così ampia: il risultato è che i piedi sono un po’ costretti come posizione.

HONDA INTEGRA 750
HONDA INTEGRA 750

Cambio di ritmo, d’altra parte il percorso collinare pieno di curve, merita una guida più sportiva: basta cambiare la modalità d’intervento del cambio DCT, in questa ultima versione sono ben tre le modalità S (Sport). La scelta ricade su quella più sportiva, S III, che più si adatta ad una guida più appuntita, diciamo più da vera moto…con cambio tradizionale. Ci vuole un po’ a capire l’Integra, o meglio a scoprire le sue reali potenzialità, questo perché non si entra immediatamente in sintonia in questo frangente; questo è dovuto principalmente alla posizione di guida, rilassante ma che non ti permette mai di avere un rapporto diretto con l’avantreno.

HONDA INTEGRA 750
HONDA INTEGRA 750

Inoltre, la mancanza di poter stringere con le gambe il “serbatoio” ti rende fin troppo “libero” sul mezzo. I chilometri passano veloci, la fiducia aumenta, e finalmente apprezziamo il reale potenziale dell’Integra: una ciclista e motore da moto nascosto in un abito da scooter. La frenata è modulabile, inoltre le leve sono regolabili nella distanza, e la potenza a disposizione è più che sufficiente, in linea con quelle che sono le potenzialità del mezzo. In ingresso di curva si può entrare ancora con i freni pinzati, anche se ci si diverte di più ad usare una guida fluida, con traiettorie rotonde, aiutandosi talvolta richiamando un rapporto del cambio più basso mantenendo il motore più in “tiro” rispetto a quanto scelto dal cambio DCT. Nessun problema, infatti, la scelta di un rapporto può essere fatto in qualsiasi modalità di guida, tramite le intuitive palette a manubrio.

HONDA INTEGRA 750
HONDA INTEGRA 750

La tenuta in curva degli pneumatici è buona, raggiungendo anche interessanti angoli di piega, senza mai “strusciare” nulla in terra; ecco la scelta di una pedana non troppo larga, che lascia un’ottima luce a terra. La ciclista si comporta molto bene, e le sospensioni, dalla taratura sostenuta, regalano un assetto ben controllato anche quando si viaggia veloci. Nei percorsi autostradali l’ampio cupolino protegge abbastanza bene dalla pressione dell’aria, e si viaggi veloci per molti chilometri a velocità sostenuta, con un alto valore di comfort anche grazie alla totale assenza di vibrazioni.

In sostanza l’Integra cos’è? Semplice una Motoscooter!  

L’Integra 750 YM2016 è disponibile in cinque diverse colorazioni Pearl Glare White Matt Bullet Silver, Matt Bullet Silver, Matt Gunpowder Metallic, Matt Alpha Silver Metallic (Integra S) e Matt Majestic Silver Metallic (Integra S).

I prezzi sono di 9.390 f.c. per INTEGRA con bauletto da 45 litri compreso nel prezzo e 9.490 f.c per INTEGRA S sempre con bauletto da 45 litri compreso nel prezzo.

La lista degli accessori prevedono il portapacchi posteriore con top box da 45 litri (ove non previsto di serie), le valigie laterali da 29 litri, le relative borse interne, i deflettori aerodinamici per i fianchi dello scudo e le manopole riscaldabili su 5 livelli.

http://www.honda.it/motorcycles.html

Check Also

BMW R 18, monumentale e iconica. La prova della versione Classic.

Una moto pensata per essere simbolo di un marchio. La BMW R 18 incarna vigore e pulizia estetica, nel segno della tradizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.