" "
NC750X

Prova HONDA NC750X DCT

In sella con il nostro tester: economica nei consumi, divertente e sicura in ogni condizione di guida.

Salire in sella al NC750X è cosa semplice. I fianchi sono stretti, e la sella dista 830 mm da terra, inoltre fin da subito si apprezza il peso contenuto in 220 kg con il pieno di carburante, 230 kg nella versione DCT.

NC750X
NC750X

Chiave inserita, si spinge sul pulsante di accensione e il bicilindrico si mette in moto. Si tira la leva della frizione, anzi no; infatti la nostra moto era “accessoriata” con il cambio DCT e, per mettersi in movimento, basta una leggera pressione sul pulsante posizionato sul blocchetto destro, per selezionare la modalità di guida. Si parte in modalità D (drive) quella che verrà sicuramente utilizzata per la maggiore, una minima rotazione del comando dell’acceleratore e la moto si mette in movimento. Questa operazione è talmente semplice da poter essere tranquillamente utilizzata anche da chi sale per la prima volta su una vera moto, provenendo anche da un semplice scooter o maxiscooter.

NC750X
NC750X

Praticamente fa tutto l’incredibile cambio “automa”, non c’è da preoccuparsi della frizione, e neanche di selezionare il rapporto giusto in base alla velocità…in sostanza si pone la propria attenzione unicamente alla guida. I primi chilometri danno la netta sensazione che la crossover sia un mezzo assolutamente ben realizzato, ottime le rifiniture delle parti in plastica, numerose soprattutto nella zona del serbatoio, con accoppiamenti precisi tra le varie parti. La posizione di guida è comoda, la triangolazione di braccia e gambe regala una postura rilassante, inoltre, il manubrio non troppo distante dal corpo, riesce a regalare la netta sensazione di avere un ottimo controllo del mezzo. Le pedane sono ampie ed è spesso lo strato di gomma che le ricopre che garantiscono una ottima presa durante la guida, anche quando si viaggia ad un ritmo più allegro.

NC750X
NC750X

Proprio così, perché pur avendo una connotazione tipicamente turistica, la Honda NC750X riesce a divertire sui passi di montagna. Quando si ruota con più decisione il comando dell’acceleratore, si scopre quanto sia ben bilanciata, ben frenata e accompagnata dal comportamento assolutamente eccellente del cambio, soprattutto nella modalità S3. In sostanza si arriva in prossimità della curva, si frena e contemporaneamente si sentono le scalate di marcia, in maniera tale da potersi inserire in curva con il motore in “tiro”; non c’è nessuna controindicazione o limitazione nell’interagire con la scelta di un rapporto diverso del cambio, selezionando una diversa rapporto tramite le due palette posizionate nel blocchetto sinistro.  Scendere in curva ed impostare la traiettoria avviene in maniera naturale e con poco sforzo, stessa cosa vale nel mantenere la traiettoria impostata, potendo contare sempre su appoggio sincero degli pneumatici di primo equipaggiamento, adatti anche a qualche deviazione off-road. A centro curva, alla riapertura del comando del gas il DCT passa al rapporto superiore in circa 70 millisecondi, senza interruzione della spinta influendo in maniera positiva sulla stabilità del mezzo.

NC750X
NC750X

Buono anche il comportamento dei freni, il singolo disco anteriore è sufficientemente potente e bel modulabile, e anche il posteriore svolge bene la sua funzione di assecondare il pilota nelle frenate più energiche senza arrivare mai al bloccaggio.

Nell’utilizzo più turistico si apprezza l’ottima protezione dell’aria (pilota alto 1,73 mt), la sella è ampia e permette un buon movimento longitudinale in maniera tale da poter cambiare ogni tanto la posizione di guida. La versione Travel Edition, completa anche di borse laterali da 29 L e bauletto da 45 L permette di viaggiare in sicurezza ed economicità…con 10 euro si percorrono quasi 200 km, meglio di così c’è la bicicletta che con la crossover Honda ha solo in comune quello di avere il cambio delle marce a manubrio.

NC750X
NC750X

Anche nel traffico, si apprezzo la guida in modalità automatica, l’ottimo equilibrio anche a velocità bassissime, e nelle frenate improvvise si è assistiti dall’ABS presente di serie.

L’Integra NC750X YM2016 è disponibile in cinque diverse colorazioni Pearl Glare White Matt Bullet Silver, Matt Bullet Silver, Matt Gunpowder Metallic, Matt Alpha Silver Metallic (Integra S) e Matt Majestic Silver Metallic (Integra S).

I prezzi sono di Honda NC750X 7390 f.c. (9390 in versione Travel Edition)
NC750X DCT 8390 f.c. (10390 in versione Travel Edition)
(Travel Edition = tris valigie, paramani, tubolari antiurto, fari fendinebbia a led, cavalletto centrale)

La lista degli accessori prevedono il portapacchi posteriore con top box da 45 litri (ove non previsto di serie), le valigie laterali da 29 litri, le relative borse interne, i deflettori aerodinamici per i fianchi dello scudo e le manopole riscaldabili su 5 livelli.

http://www.honda.it/motorcycles.html

Check Also

BMW R 18, monumentale e iconica. La prova della versione Classic.

Una moto pensata per essere simbolo di un marchio. La BMW R 18 incarna vigore e pulizia estetica, nel segno della tradizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.