Home / Viaggi in moto / Reportage / Vini del Vallese: l’oro segreto della Svizzera

Vini del Vallese: l’oro segreto della Svizzera

Una regione della Svizzera, produce un’eccellenza: i vini del Vallese. Perché non sono conosciuti ai più? Semplice: li bevono quasi tutti gli svizzeri.

testo Claudio Falanga

foto Giorgio Romani (Canon Eos 70D – Ob. 16/35 f 2,8 – 28/70 f 2,8) e Claudio Falanga (Fujifilm X 100S)

[wp_geo_map]

Della Svizzera si conoscono diversi pregi e le molte eccellenze produttive, ma non sono in molti a sapere che in Svizzera si producono grandi vini.

Il cantone che ha il primato produttivo e qualitativo dei vini svizzeri è il Vallese.

I vini del Vallese sono celebri sul mercato interno che ne assorbe la quasi totalità, agli addetti ai lavori, diversi intenditori d’oltreoceano e sicuramente ai turisti che arrivano nella regione.

Nel nostro viaggio alla scoperta di questo prodotto non abbiamo trascurato gli aspetti motociclistici e anche qualche curiosità che offre il territorio, come il lago sotterraneo navigabile più grande d’Europa.

Siamo entrati in Vallese dal Passo del Sempione abbiamo attraversato tutta la valle del Rodano da Briga fino a Martigny per poi tornare i Italia dal Passo del Gran San Bernardo.

Lungo la strada del Passo del Sempione
Lungo la strada del Passo del Sempione
Il Passo del Sempione.
Il Passo del Sempione.
Anche se siamo in piena estate le vette delle Alpi sono ancora innevate
Anche se siamo in piena estate le vette delle Alpi sono ancora innevate
Vini del Vallese: l'oro segreto della Svizzera
Vini del Vallese: l’oro segreto della Svizzera

Il Vallese si estende anche verso nord con la valle del Goms verso i mitici passi Novena, Furka e Grimsel, cui abbiamo già dedicato un servizio lo scorso anno.

Questa parte della valle del Rodano è a netta prevalenza linguistica francese, che si traduce anche in una similitudine culturale che trova proprio nel vino la migliore espressione.

La storia del vino Vallese data origini antichissime. Sicuramente sono gli antichi romani a dare impulso all’attività vinicola, ma pare che in epoca celtica la coltivazione della vite fosse già attiva. Da studi dell’università di Basilea, nel territorio del Vallese la vite sarebbe stata coltivata già dal 600 a.C. 

Protetto da imponenti montagne, la valle del Rodano beneficia di un clima secco, con il tasso di precipitazioni più basso della svizzera con estati calde e autunni lunghissimi. Favorevoli alla viticultura anche le caratteristiche geologiche della zona grazie all’incredibile varietà di terreni con granito, calcare, scisto e gneis, favorevoli alla produzione di vitigni pregiati.

Nel Vallese si coltivano oltre 50 vitigni differenti, divisi fra piccoli e grandi appezzamenti con un totale di oltre 22’000 proprietari. In alcuni tratti della statale che attraversa la valle del Rodano lo spettacolo delle vigne coltivate su ripidi costoni di montagna è entusiasmante, e si concretizza quando in un calice viene versato il nettare prodotto a volte in maniera eroica (si chiamano proprio « vitigni eroici » le coltivazioni su pendii scoscesi).

Superata Briga, ci dirigiamo a Salgesh, dove inizierà il nostro itinerario enologico con un a passeggiata tra le vigne. Un percorso di 6 chilometri che congiunge la piccola località a Sierre.

Lungo il tragitto 80 pannelli informativi raccontano la delle vigne e delle persone che le coltivano. Il tracciato – per altro percorribile in maniera alternativa anche in moto lungo asfalto – sale e scende accompagnando la dolce conformazione collinare.

Sierre nei giorni che l’abbiamo visitata ospitava una rassegna musicale dedicata al blues, infatti non è difficile durante l’anno imbattersi in eventi di questo tipo. In Vallese amano il buon vino e la buona musica!.

Per restare in argomento enologico ci immergiamo nella visita al Museo della Vite e del Vino.

Vini del Vallese: l'oro segreto della Svizzera. Salgesh
Vini del Vallese: l’oro segreto della Svizzera. Salgesh
Vista di Salghesh
Vista di Salgesh
La strada tra le vigne tra Saghesh e Sierre si può anche fare su afalto
La strada tra le vigne tra Sagesh e Sierre si può anche fare su afalto
Uno degli 80 pannelli esplicativi dell'attività viticola
Uno degli 80 pannelli esplicativi dell’attività viticola
Vini del Vallese: l'oro segreto della Svizzera
Vini del Vallese: l’oro segreto della Svizzera
Vini del Vallese: l'oro segreto della Svizzera
Vini del Vallese: l’oro segreto della Svizzera

A Sierre non potete perdervi una delle migliori raclette della Svizzera, presso la cantina di Château de Villa. La raclette si fa ponendo le forme di formaggio tagliate a metà, vicino a una forte sorgente di calore, che ne provoca la parziale fusione e una parziale doratura. A questo punto con un abile gesto, lo chef, “raschierà” nel piatto la parte fusa. La raclette è fatta esclusivamente con formaggi locali. Noi abbiamo degustato ben 5 qualità di formaggio che alternativamente venivano sottoposti al calore di un macchinario specifico per la cottura della raclette.

Una prelibatezza che vi consigliamo assolutamente di provare.

IMG_4202
La raclette si fa così
IMG_4203
Le diverse qualità di formaggi conferiscono alla raclette sapori diversi
IMG_4207
La raclette pronta nei piatti

Proseguendo lungo la statale che costeggia il Rodano in direzione Sion, troviamo una chicca turistica veramente interessante. Si tratta del lago sotterraneo navigabile più grande d’Europa. Scoperto nel dopoguerra è diventato un’attrazione turistica di prim’ordine per la zona. Il lago di St-Léonard si percorre in lunghe barche e si estende per una lunghezza di circa 300 metri con una larghezza di 20 metri.

La struttura, che dispone inoltre di bar e shop è visitabile da metà marzo a tutto ottobre e sovente propone concerti e feste al suo interno.

Lac sotterrain de St-Leonard

Rue du Lac 21

St-Leonard

tel. +41 (o)27 203 22 66

mail: admin@lac-souterrain.com

DSCF1271
L’affascinante vista del Il lago sotterraneo di St-Léonard, il più grande d’Europa navigabile
DSCF1273
Si entra su barche a remi. Durante l’anno, nel Il lago di St-Léonard si tengono anche feste e concerti. L’acustica è assicurata!

Non molto distante da St-Léonard incontriamo Sion, la capitale del canton Vallese. Bella, raffinata e ricca di monumenti, offre un’animata vita cittadina, con negozi, botteghe artigiane, mercati, bistrot e ristorantini. I castelli di Tourbillon e Valère si vedono a grande distanza e dominano la vallata sulla quale è adagiata la città che conta circa 30.000 abitanti, un aeroporto internazionale e collegamenti rapidi con tutta la Svizzera.

La basilica fortificata di Valère e il castello di Tourbillon sovrastano la cittadina, mentre lungo i pendii circostanti i vigneti si arrampicano in un territorio per nulla facile da coltivare.

Nella basilica di Valère si trova uno dei più antichi organi a canne del mondo e la struttura ha subito diversi interventi nei secoli.

IMG_4223
La basilica fortificata di Valère e il castello di Tourbillon viste in lontananza. Ai loro piedi la città di Sion, capitale del Vallese.
"Vini del Vallese..."La basilica/castello di Valère
“Vini del Vallese…”La basilica/castello di Valère
il castello di Tourbillon
Il castello di Tourbillon, con sotto le vigne.
Vini del Vallese: l'oro segreto della Svizzera. Tanta vita nel centro di Sion
Vini del Vallese: l’oro segreto della Svizzera. Tanta vita nel centro di Sion

A questo punto vogliamo toccare con mano la realtà produttiva dei vini del Vallese e lo facciamo facendo visita a una delle aziende più rappresentative della zona, le cantine Gilliard.

Qui si producono vini di grande pregio da uve coltivate su un costone della montagna grazie alle mura a secco più alte del mondo, che nel punto massimo arrivano fino a 30 metri di altezza.

Non vi neghiamo che dall’alto, nello stradello lungo il costone, attraversarle desta qualche emozione, un po’ per la bellezza del panorama, un po’ per l’altezza.

L’accesso alle vigne “Clos de Cochetta” – tanto per restare nel rocambolesco – attraverso uno stretto tunnel nella montagna. Periodicamente si possno effettuare delle visite alle vigne sotto prenotazione, per info consultare il sito: www.gilliard.ch

Robert Gilliard

Rue de Loèche 70

1950 Sion 2

T +41 27 329 89 29

vins@gilliard.ch

IMG_4283
Il muro a secco più alto del mondo: quello dei vigneti delle cantine Gilliard.
DSCF1323
Il terreno è reso pianeggiante dalle mura a secco, nei vigneti delle cantine Gilliard.
DSCF1335
Una cinquantina di metri di tunnel attraversa la montagna per avere accesso alle vigne della cantina Gilliard.
Vini del Vallese: l'oro segreto della Svizzera
Vini del Vallese: l’oro segreto della Svizzera

La passione per la motociclistica ci chiama ed esser in Svizzera senza fare strada di montagna appare un controsenso. Ci dirigiamo quindi verso il lago di Derborence. La parte iniziale del tragitto tra Vetroz e Derborence passa attraverso bellissime vigne, poi il panorama cambia e le curve consentono anche qualche piega come si deve. Più avanti la strada diventa stretta e sarà bene non eccedere, anche perché il basso guard rail e lo strapiombo sottostante inviteranno alla prudenza. Più avanti la strada si aprirà nuovamente in uno scenario più ampio, per concludersi con un facile sterrato fino a Derborence. Nel laghetto alpino si specchiano le alpi e diversi turisti nella stagione estiva si concedono anche il bagno.

Una sosta in uno dei ristorantini con menù tipico Vallese concluderà la deviazione nel migliore dei modi.

IMG_4317
Il magnifico tratto di strada tra Vetroz e Deborence è contrassegnato da bellissime vigne.

IMG_4305

IMG_4369
Si sale di quota e il panorama cambia
IMG_4341
La strada tra Vetroz e Deborence, poi diventa molto stretta, con tanti tunnel scavati nella montagna a strapiombo. Si consiglia prudenza!
IMG_4402
In alcuni tratti la strada è veramente molto stretta
IMG_4367
Poi la strada si apre a un panorama tipicamente alpino
IMG_4379
Il lago di Deborence
Un breve e facile tratto di strada sterrata conduce al lago
Un breve e facile tratto di strada sterrata conduce al lago

DSCF1351

Riprendiamo il nostro peregrinare alla scoperta dei vini del Vallese con la visita alle cantine Jean-René Germanier Balavaud a Vetroz. 

Una bella enoteca e le cantine dell’azienda ci conducono alla scoperta di entusiasmanti vini del Vallese bianchi, rossi corposi e barricati. Petite Arvine, Fendant, Amigne, tanto per citare qualche bianco, Dôle, Syrah, Humagne, per nominare qualche rosso

Come conciliare la guida della motocicletta alla passione per i vini? Semplice, non bisogna avere fretta né ingordigia. Durante le degustazioni il vino si assaggia, versando quello in eccesso negli appositi contenitori. In questa maniera in una degustazione di anche cinque sei vini, in realtà si beve anche meno di mezzo bicchiere.

Una pausa prima di mettersi in cammino fornirà la certezza di essere in piena regola.

Per bersi qualche bicchiere bisogna aspettare la sera, una volta posata la moto che andremo a prendere al mattino seguente.

Cantine Jean-René Germanier Balavaud

Route Cantonale 285

1963 Vétroz

027 346 12 16

www.jrgermanier.ch

DSCF1362
Una bellissima visuale sulle botti delle Cantine Jean-René Germanier Balavaud

I chilometri percorsi fin qui in Svizzera sono veramente pochi, ma per questo itinerario è bandita la fretta. Un week end dedicato alla scoperta dei vini del Vallese, merita la giusta calma, la scoperta delle cantine vinicole, il tempo di degustare. Fermarsi per la notte e poi scoprire qualche borgo, qualche cittadina e la storia delle vigne, degli uomini che le coltivano. Una storia che arriva da lontano e che merita di essere conosciuta, magari cogliendo l’occasione autunnale delle diverse feste organizzate nel periodo della vendemmia.

Il rientro che consigliamo è lo stesso che abbiamo fatto noi, attraverso il Passo del Gran San Bernardo. Una serie di curve darà soddisfazione alla nostra passione motociclistica e il panorama circostante sarà il giusto coronamento di un week end dove la bellezza dei luoghi si è mischiata alla cultura della terra.

I vini del Vallese sono un’ottima opportunità per conoscere un territorio, la sua gente e soprattutto una grande varietà di etichette e di vitigni. Una ricchezza vinicola unica che gli svizzeri hanno in gran considerazione, ma che è il momento di condividere con i buongustai di tutto il mondo.

IMG_4436
Lungo la strada per il Passo del Gran San Bernardo
IMG_4474
Il laghetto sul Passo del Gran San Bernardo
IMG_4507
Un ultima sosta già in Italia

IMG_4440

I vini del Vallese

Pinot Noir, Chasselas e Gamay coprono l’85% dell’intera superficie vitivinicola, ma si sta diffondendo la tendenza ad ampliare sempre più la coltivazione di vitigni autoctoni.

Rari e preziosi vini bianchi ottenuti vigne tramandate da generazione in generazione : Petite Arvine, Amigne, Païen/Heida e Humagne Blanche. Vitigni. Per i rossi Cornalin e Humagne Rouge, che godono l’apprezamento degli intenditori.

Anche varietà d’uva come Marsanne Blanche e Syrah, introdotte con successo in Vallese, godono di una crescente popolarità.

DSCF1342I vini del Vallese bianchi

Con oltre il 30% delle vigne il Fendant, ottenuto dall’uva Chasselas, è senz’altro il bianco di spicco del Vallese. Secco, fruttato, naturale, deciso, stimola l’appetito e lo si gusta come vino da aperitivo o da brindisi, ma anche con specialità vallesane quali raclette, fondue e carne secca. Le rimanenti varietà sono costituite da Johannisberg, Malvoisie, Muscat, Chardonnay ed Ermitage.

I vini del Vallese rossi

DSCF1318Il più celebre rosso del Vallese, il Dôle, si presenta rotondo, armonico e corposo. Ha origine dall’ottima combinazione di Pinot Noir e Gamay, ma può essere tagliato anche con altre varietà di rosso vallesano. Tuttavia la percentuale di taglio di Pinot Noir e Gamay deve raggiungere almeno l’85%, con una prevalenza di Pinot Noir. Per guadagnarsi la propria denominazione, anche il Dôle è sottoposto a rigidi criteri qualitativi riguardanti il tenore zuccherino. Gli altri rossi del Vallese si ottengono dalla pigiatura di Humagne Rouge, Syrah e Cornalin.

Blancs de Blancs e bianchi botritizzati del Vallese

Soltanto pochi microterroirs privilegiati, in Europa, vantano le condizioni climatiche indispensabili per produrre vini bianchi dolci e botritizzati. Il Vallese è uno di essi. Nel tardo autunno un fungo – la „Botrytis cinerea“ – forma una muffa nobile all’interno degli acini. Mentre lo zucchero viene concentrato, il fungo in pratica consuma tutto l’acido tartarico dell’uva. Da tale processo dipendono il carattere pieno e corposo, la straordinaria complessità dei profumi e dei sapori. Dai vitigni botritizzati di Petite Arvine, Ermitage, Johannisberg, Amigne o Malvoisie si ottengono vini eccezionali.

Mangiare e dormire

IMG_42012Ristorante enoteca Château de Villa

Rue de Sainte-Catherine 4
3960 Sierre – Valais
Suisse 

Tél. +41 (0)27 455 18 96

www.chateaudevilla.ch

un ottimo posto per scoprire i Vini del Vallese e mangiare la raclette

DSCF1257Hôtel Arkanum 
Unterdorfstrasse 1
3970 Salgesch

+41 27 451 21 00
info@hotelarkanum.ch

www.hotelarkanum

Grazioso e accogliente hotel nel centro della piccola cittadina

9559-lHôtel Elite

Avenue du Midi 6

CH-1950 Sion

+41 27 322 03 27

info@hotelelite-sion.ch

www.hotelelitesion.ch

Molto comodo per visitare Sion a piedi

agriturismoBnB Chantal Schroeter

Rue de la Madeleine 7

1963 Vétroz

027 346 58 40

076 348 13 36

http://www.bnb.ch/fr/bnb/655

La sistemazione ideale per I motociclisti, la moto vicina alla camera e in più una gran gentilezza da parte dei titolari.

32Ristorante Auberge du Godet,

Route de Derborence, 1976 Erde

+41 (0) 27 / 346 3141

http://derborence.net/pages/accueil.html

Ristorante tipico attorniato dalle belle montagne vicino al lago di Derborance

Relais du Valais

Relais du ValaisRoute de l’Abbaye 35

1963 Vétroz

027 346 03 03

http://www.relaisduvalais.ch/

Ai piedi dell’abbazia di Vétroz, un ristorante dalle belle sale e la possibilità di mangiare all’aperto nella bella stagione.

Si ringrazia per il servizio “Vini del Vallese: l’oro segreto della Svizzera”

Valérie Delessert

Sierre-Anniviers Marketing

www.sierre-anniviers.ch

Marco Acher-Marinelli

di MAMpress

Le moto del viaggio:

Honda Crossrunner Travel Edition
Honda Crossrunner Travel Edition

 

BMW F800 GS
BMW F800 GS

Check Also

L’Imponente 2019. Sterrati e sabbia in stile vintage

L'Imponente è l'evento off, non competitivo, che si svolge interamente lungo il fiume Po. Un percorso ad anello che ha visto partire da Guastalla 270 moto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *