Home / Viaggi in moto / Reportage / Sulle pendici dell’ Etna in moto, per onorare la Montagna
IMGP2843

Sulle pendici dell’ Etna in moto, per onorare la Montagna

Immersi in un paesaggio surreale sulle pendici dell’ Etna, per rendere omaggio a “Iddu”, la Montagna, il vero padrone di casa della Sicilia.

Buona educazione insegna che quando si entra in casa d’altri bisogna salutare per primo il padrone di casa. Così, una volta messo piede in Sicilia, che ci si arrivi via terra da Messina, via aerea da Catania, o anche via mare da Palermo, sarebbe indelicato non rendere omaggio a “Iddu” – come lo chiamano qui – il vulcano, sua maestà Etna. Il quale d’altro canto non fa niente per passare inosservato, anzi sta lì con la sua imponente mole e dall’alto dei suoi oltre 3000 metri di altezza ti guarda sornione e incute timore e rispetto, e lo capisci subito che questa è casa sua. E se per caso qualcuno se lo dimentica, ci pensa lui, con un colpo di tosse, a ricordarglielo.

Ma Iddu sa essere anche un gigante benevolo, la fertilità dei terreni che lo circondano hanno da sempre favorito gli insediamenti umani, fino ai mille metri di altezza il suo versante sudorientale è ampiamente urbanizzato, anche troppo a dire il vero, tant’è che ogni tanto l’Etna si riappropria dei suoi spazi. E quando lo fa non chiede il permesso.

DSC04127
Etna: il padrone di casa qui è lui

 

Dirigersi verso Nicolosi per uscire dall’agglomerato urbano catanese è più noioso e stressante del previsto, ma appena la strada comincia ad appoggiarsi sull’enorme fianco del vulcano si entra in una dimensione che prima ricorda il tipico paesaggio montano fatto di boschi, e poi, via via che si sale, si trasforma in un impressionante quanto affascinante ambiente lunare, anzi marziano, in cui predominano i colori scuri e rossastri della lava solidificata. La strada sale dolce per una ventina di chilometri, ampie curve si susseguono e inviterebbero anche a una guida bella sportiva, tanto più che grazie a recenti passaggi del Giro d’Italia l’asfalto è di quelli belli goduriosi, solo che si rimane ammirati da un paesaggio che suscita forti contrasti. La strada sale fino ai quasi 2000 metri del rifugio Sapienza, dall’alto si vede la vallata sottostante baciata dal sole, il mare da Catania fino a Taormina, la calura estiva, poi ci voltiamo a guardare di fronte a noi e ci troviamo immersi in un oceano di roccia nera, monti e crateri e crinali, e ci sentiamo minuscoli al cospetto del vulcano e della forza primordiale della natura. E pure infreddoliti, ché l’escursione termica tra il livello del mare e quello della montagna è cosa che abbiamo preso colpevolmente sottogamba.

Viste le nuvole che oscurano la cima e, appunto diciamola tutta, la mancanza di una felpa adeguata sotto il giubbotto di pelle, rinunciamo a salire verso i rifugi a piedi per qualche sentiero o a prendere la funivia fino alla sommità dei crateri. Dopo una sosta spuntino ci lasciamo alle spalle gli onnipresenti e inevitabili pullman di turisti e scendiamo sulla SP92 verso Zafferana. Un’indicazione, “colata lavica del 1991”, ci spinge a deviare verso il monte Pomiciaro dove, alla fine della strada, facciamo conoscenza con Santo Cavallaro, gentilissimo venditore di souvenir direttamente dal bagagliaio della sua auto, che non solo ci indica un breve sentiero che porta a un belvedere da urlo, ma ci invita anche al Motoraduno dell’Etna che si tiene ogni anno i primi di agosto, prendete nota.

Etna in moto: sulla SP92 scendendo verso il mare
Etna in moto: sulla SP92 scendendo verso il mare

 

Con un paio di ninnoli di lava in tasca ci congediamo e torniamo sui nostri passi per scendere fino a Milo e Fornazzo, e da lì risalire per la mitica strada Maremonti, che ci porta prima con un bel misto veloce fino a Piano Provenzana, e poi, in discesa, con un bellissimo toboga che non fa rimpiangere i nostri amati passi appenninici, fino a Linguaglossa.

DSC04142

Un altro Cavallaro, Marco, di professione attore, ci aspetta a Giarre dove, di fronte a granite e cannoli, festeggeremo i suoi 25 anni di carriera. Ma questa è un’altra storia.

 

Check Also

DSCN0502

Ecodolomites, procuratevi una moto elettrica e partecipate, è uno sballo!

Con due Zero abbiamo avuto la fortuna di partecipare alla IX edizione di Ecodolomites, evento dedicato alla promozione dell'elettrico nelle località montane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *