Home / Viaggi in moto / Reportage / Ecodolomites, procuratevi una moto elettrica e partecipate, è uno sballo!

Ecodolomites, procuratevi una moto elettrica e partecipate, è uno sballo!

A bordo di due Zero Motorcycles abbiamo avuto la fortuna di partecipare alla nona edizione della Ecodolomites, manifestazione dedicata alla promozione dell’elettrico nelle località montane

Natura e turismo, un binomio economicamente di successo, ma troppo spesso impattante sul sottile equilibrio della prima. Ecodolomites è una manifestazione nata proprio per sensibilizzare turisti e operatori di settore, sulla necessità di pensare ad un futuro maggiormente sostenibile, che permetta comunque di godere della bellezza delle nostre zone montane.

I volenterosi inviati di Moto On The Road, Andrea Leggieri e Claudio Falanga
I volenterosi inviati di Moto On The Road, Andrea Leggieri e Claudio Falanga a bordo delle Zero Motorcycles

Lo scenario migliore non poteva che essere quello delle Dolomiti – già Patrimonio Mondiale dell’Umanità – per comprendere a fondo il problema, proprio quelle montagne dove le piogge acide stanno annerendo la bellissima tonalità della dolomia, le cui guglie rischiano di scurirsi come quelle del Duomo di Milano di un tempo. Purtroppo, d’inverno, alcune località rinomate dell’arco alpino hanno livelli di inquinamento pari a quelli delle grandi città, situazione che decisamente non si può tollerare.

Veicoli di tutti i tipi, ma rigorosamente a propulsione elettrica. Foto Heinz Innerhofer
Veicoli di tutti i tipi, ma rigorosamente a propulsione elettrica. Foto Heinz Innerhofer

Dobbiamo riscontrare che molti comuni, come quello di Ortisei, dove abbiamo soggiornato alla fine dell’evento, forniscono agli ospiti una carta che dà diritto all’uso dei mezzi pubblici della zona, con la filosofia che l’albergatore ci ha enunciato consegnandoci la tessera: “chi arriva in auto, deve tenerla ferma il più possibile”. Una iniziativa lodevole che però non può essere risolutiva del problema.

IMG_4029

 

DSCN0417
Il pieno, per favore
IMG_4004
Un tipico mezzo locale per il trasporto delle mele

Ecco quindi che in un futuro non lontano, i veicoli elettrici saranno i benvenuti – come per la Ecodolomites – nelle belle località alpine, fornendo la possibilità di rispettare non solo la qualità dell’aria, ma anche il silenzio delle montagne.

Certo avere noi – che amiamo il sound vigoroso dei pomponi, delle Harley, e dei propulsori motociclistici in genere – come testimonial di questa tendenza appare un po’ un controsenso. Eppure, credeteci, guidare delle moto elettriche ci è piaciuto molto, anche perché queste “trappoline” danno grandissime soddisfazioni in termini di accelerazione e tenuta di strada.

ECOsummit Mountain Move
Un momento dell’ECOsummit Mountain Move

Prima di parlarvene però torniamo alla Ecodolomites.

La nona edizione ha avuto avvio il 7 settembre a Brunico con il convegno dedicato alla mobilità elettrica ECOsummit Mountain Move, aperto dal sindaco di Brunico Roland Griessmair. Interessanti gli argomenti dei relatori, coordinati da Daniel Campisi uno dei fondatori, assieme a Janpaul Clara e Maximilian Costa, dell’associazione ECOmove, che si occupa della mobilità sostenibile a salvaguardia dell’ambiente alpino.

DSC_2950

Anche questa edizione della Ecodolomites ha visto la partecipazione di numerosi amanti e sostenitori dell’elettrico di diverse nazionalità, tra cui tedeschi, sloveni e danesi.

Così, nella giornata di sabato 8 settembre, una cinquantina di mezzi a due, tre e quattro ruote, tutti spinti da motori elettrici, si sono immersi nel cuore del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO con una sfida che consisteva nell’utilizzare la minor quantità di energia possibile per percorrere i 100 km del percorso con 3000 metri di dislivello.

foto Heinz-Innerhofer
Ecodolomites. foto Heinz-Innerhofer

Il “serpentone elettrico”, partito da Brunico dopo il via dato dal presidente della promozione della città Christian Tschurtschenthaler, è arrivato a Corvara, percorrendo il Passo Furcia per una sosta gastronomica ed un’eventuale ricarica presso le colonnine Alperia. Dopo pranzo ha proseguito il più classico dei percorsi dolomitici per Campolongo, Passo Pordoi e Passo Sella, per arrivare nel pomeriggio a Ortisei in Val Gardena, accolti dal sindaco Tobias Moroder e dal presidente dell’associazione turistica Ambros Hofer.

Un momento di ricarica - che chi ne aveva bisogno - a Corvara. Foto Heinz Innerhofer
Un momento di ricarica – per chi ne aveva bisogno – a Corvara. Foto Heinz Innerhofer
Un gruppo di auto a propulsione elettrica alla Ecodolomites. Foto Heinz Innerhofer
Un gruppo di auto a propulsione elettrica alla Ecodolomites. Foto Heinz Innerhofer

Dal punto di vista motociclistico c’è stata per noi la grande soddisfazione di guidare i mezzi della Zero Motorcycles, facili, leggeri e incredibilmente performanti, al punto da dare in accelerazione la paga alle migliori ipersportive in circolazione. Non pochi motociclisti, infatti, nelle soste si avvicinavano incuriositi, cercando un inesistente scarico dopo essere stati superati da veicoli tanto silenziosi ed esili. A nostra disposizione diversi modelli della gamma della Casa americana, ma principalmente abbiamo utilizzato le Zero S – 11kw e Zero DSR, di cui più avanti vi forniremo la prova completa.

DSCN0383
Il gruppo delle zero, sul Passo delle Erbe, nel prologo da Bolzano a Brunico

Il nostro consiglio è che, per la decima edizione di Ecodolomites, dobbiate fornirvi in qualche modo di una moto elettrica, perché l’evento merita di essere vissuto come esperienza formativa.

Tecnica motociclistica e automobilistica di avanguardia, passione, panorami che riempiono il cuore, curve che sprigionano endorfine, ma anche gastronomia, cultura e coscienza ecologica: tutto questo è racchiuso in Ecodolomites, perché sicuramente andare in giro con un’auto o una moto elettrica su quelle splendide montagne è un’esperienza meravigliosa, ma condividerla con altri appassionati fornisce un’energia collettiva che potremmo definire – non a caso – elettrizzante.

Testo: Claudio Falanga

Foto: Andrea Leggieri; Heinz Innerhofer, Natalina Di Costanzo, Erica Kircheis.

leggFal
Claudio Falanga & Andrea Leggieri

 

Si ringrazia:

Erica Kircheis: ufficio stampa Ecodolomites

Josef Morat: Zero Motorcycles – www.zeromotorcycles.com

Daniel Campisi: EcoMove www.ecomove.cc

Artur Costabiei: IDM Südtirol / Alto Adige  www.idm-suedtirol.com

Check Also

Dalla Toscana alla Puglia, lungo le strade di Andrea Pazienza (parte 1)

Dalla Toscana alla Puglia lungo le strade che furono care ad Andrea Pazienza, nel trentennale della sua scomparsa. Prima parte: da Montepulciano a Alcatraz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *