Home / Viaggi in moto / Reportage / 6Nations Raid I° parte: Croazia, Bosnia ed Erzegovina e Montenegro
6 Nations Raid
6 Nations Raid

6Nations Raid I° parte: Croazia, Bosnia ed Erzegovina e Montenegro

Il nostro 6Nations Raid, il viaggio avventura nei Balcani Occidentali attraversando ben 5 nazioni, in un percorso unico di scenari e bei tratti di fuoristrada. Salite in sella, vi verrà voglia di partire velocemente.

Foto di Amedeo Roma

L’obiettivo del 6Nations Raid è attraversare ben sei nazioni: Slovenia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Kosovo e Macedonia. Attraverso le montagne, in posti unici, difficilmente raggiungibili se non si è in sella ad una enduro, se non si ha esperienza di fuoristrada e se non è provvisti di grossa voglia di avventura.

Questo viaggio non è per tutti, questo è ben chiaro da quello che è lo scopo del viaggio, scoprire i Balcani Occidentali, attraversando percorsi off-road per la maggior parte in alta montagna. Ci vuole un po’ d’esperienza su percorsi che alle volte mettono alla prova pilota e moto, con la seconda che deve essere assolutamente un enduro equipaggiata con pneumatici di tipo tassellato. Fatta questa premessa, se avete voglia di tornare a casa sfiniti, ma felici di aver visto e guidato in posti incredibili, non vi resta che iscrivervi al prossimo evento organizzato da Camelus Adventures http://www.camelus.it/.

Da Trieste, attraversiamo la Croazia e a sera arriviamo in Bosnia ed Erzegovina.

Il gruppo dei 12 motociclisti alle ore 8.30 è già pronto, nessun ritardatario; le moto, per la maggior parte maxi-enduro, scalpitano per mettersi in viaggio.

6Nations Raid
6Nations Raid

Siamo tutti entusiasti, non sappiamo bene cosa ci aspetta, certo un minimo di preoccupazione c’è, in fondo ci aspettano 6 giorni di percorsi per la maggior parte in fuoristrada. Dal punto di vista tecnico, ho a disposizione la straordinaria Honda CRF1000L, equipaggiata con gli pneumatici tassellati Continental TKC80. L’organizzazione, oltre ad avere una guida in moto, ha un mezzo “scopa” dove poter caricare i bagagli (valigie rigide no), che ci seguiranno per tutto il percorso; quindi la moto è decisamente più leggera.

6Nations Raid
6Nations Raid

Ci si mette in strada seguendo la nostra guida in sella ad una sempre verde BMW R80 del 1980; il percorso non è assolutamente da fare in solitaria, è frutto di una attenta e faticosa perlustrazione dei Balcani per creare una traccia GPS. La partenza, in territorio croato, ci porta da subito a percorrere un bellissimo tratto di strada bianca, costeggiando le rive di un fiume; la natura si sta risvegliando e veniamo accolti da una nebbiolina bassa, che nulla toglie alla bellezza del paesaggio, anzi la rende ancora più affascinante. Pochi chilometri, e mettiamo le nostre gomme sull’asfalto, un raccordo che scivola velocemente per una ventina di minuti, per rinfilarci in un lungo e impegnativo tratto di fuoristrada: finalmente si fa più sul serio.

I primi chilometri in discesa, costeggiando un fantastico panorama che sia apre davanti a noi sulle coste del mare Adriatico, siamo fortunati: il sole risplende in modo incredibile e crea degli effetti unici sulle creste dell’acqua. Non potremmo chiedere di meglio, una vista così ci rende felici, e anche se siamo messi veramente a dura prova da una delle discese più impegnative di tutto il nostro viaggio, non ci rinunceremmo per nulla al mondo. In alcuni punti si fa molta fatica, si viaggia veramente pianissimo, la lunga discesa è caratterizzata da ciottolato mosso, ci vuole decisamente molta attenzione ed equilibrio.

6Nations Raid
6Nations Raid

Salutiamo il mare, non prima però di aver immortalato il nostro passaggio con uno bello scatto di gruppo, l’Adriatico da questo punto di osservazione sembra infinito; il vento che soffia forte e rende la natura intorno a noi, oltre che bella, ancora più viva. Ci infiliamo nelle foreste del Parco nazionale del Velebit settentrionale, istituito nel 1999 con un’esenzione di 109 km², proseguiamo ad una altezza prossima ai 1500 mt, e per fortuna la temperatura è decisamente piacevole, oltre ai 15°.

6 Nations Raid
6Nations Raid

Come succederà spesso lungo questo viaggio, ci vorrebbe maggior tempo per fermarsi, scoprire ed ammirare questi posti unici dove la natura è vergine caratterizzata da colori che sembrano calati direttamente dall’arcobaleno, ma dobbiamo rispettare una tabella di marcia: maledetta. Lasciamo la stupenda Croazia alle ore 20.00, attraversiamo il confine che ci porta in Bosnia ed Erzegovina e dopo pochi chilometri ci fermiamo nella piccola cittadina di Bihać.

Da Bihać a Mostar (Bosnia ed Erzegovina)

La tappa del giorno successivo è tra quelle più lunghe, anche se tutto sommato non ce ne accorgiamo poi molto, evidentemente siamo nei primi giorni di questo incredibile viaggio, e non accusiamo stanchezza.

6 Nations Raid
6Nations Raid

Percorriamo oltre 310 km, fino a raggiungere Mostar, attraversando sia tratti asfaltati (e che asfalto, noi ce li scordiamo in Italia) che tratti lunghi di fuoristrada; la stanchezza alcune volte si fa sentire, ma mai ci viene in mente di cercare scorciatoie per evitare i tratti più impervi: in fondo oltre alle bellezze della natura ci stiamo divertendo alla guida. Raggiungiamo la città di Drvar, che con oltre 7.500 abitanti è tra quelle più grandi che attraverseremo. Qualche ora di riposo e un pranzo tipico, che da queste parti è quasi sempre a base di carne; consiglio di evitare di mangiare la pasta, è quasi sempre terribilmente scotta.

6 Nations Raid
6Nations Raid

Il pomeriggio viaggiamo per i primi 30 km su asfalto, attraverso una infinita vallata; la vegetazione è molto rigogliosa e sembra quasi di trovarsi in qualche stupendo parco canadese.

6 Nations Raid
6Nations Raid

Quella che ci accompagnerà sempre per tutto il viaggio, è la sensazione di solitudine di questi posti, cosa che rende ancora più wild questo viaggio. Poche volte incrociamo macchine e persone, ogni tanto qualche contadino che spuntando ai bordi della strada non ci fa mancare il saluto; sembriamo tra i primi esploratori di questi luoghi. Rimettiamo nuovamente le ruote in fuoristrada, attraversiamo vallate infinite, e a parte un paio di tratti di salite più toste tutto sommato non ci troviamo mai in difficoltà.

6 Nations Raid
6Nations Raid

Ci concediamo anche qualche bella evoluzione con traversi di potenza che ci regala la nostra Africa Twin. Questa volta raggiungiamo la città di Mostar già intorno alle 18.00, cosa che ci permette di lavarci e rilassarci con maggiore tranquillità.

6 Nations Raid
6Nations Raid

La sera ci concediamo una rilassante passeggiata nel centro storico di Mostar, capoluogo del cantone dell’Erzegovina-Narenta; saliamo sul ponte di Stari Most che attraversa il fiume Narenta e che sembra mettere in comunicazione le due diverse anime della città, quella musulmana e quella cristiana.

Check Also

I luoghi, gli amici e le moto di Andrea Pazienza, lungo le strade del suo Gargano (parte 3)

Il nostro tour si conclude con la ricerca delle moto di Andrea Pazienza, pittore, scrittore, autore di fumetti e anche motociclista. Terza parte: il Gargano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *