Home / Moto / News due ruote / Salone di Colonia: Aprilia-BMW-Ducati-Honda
R 1200 RS

Salone di Colonia: Aprilia-BMW-Ducati-Honda

Tante le novità esposte al salone di Colonia, alcune già annunciate e presentate alla stampa, altre invece fanno il vero e proprio debutto.

Aprilia Caponord 1200 Rally MY 2015

La nuova versione Caponord non si ferma più, non solo l’asfalto, ora anche l’off-road, senza limiti. Nuovi i cerchi a raggi, con l’anteriore da 19″, borse rigide in alluminio (stile BMW), serbatoio magiorato da 24 litri, parabrezza più protettivo e fari supplementari a LED montati sulle nuove protezioni paramotore.

Dal Salone di Colonia: Aprilia-caponord-1200-rally
Dal Salone di Colonia: Aprilia-caponord-1200-rally

La dotazione tecninca non cambia, quindi motore bicilindrico a V da 1200 cc, e tanta elettronica che ne aumentano la sicurezza e picare di guida. Di serie, ride-by-wire a tre differenti mappature, traction control, cruise control e ABS disinseribile. Non mancano le sospensioni semi-attive ADD (Aprilia Dynamic Damping), che si autotarano a secondo delle condizioni di guida. In arrivo presso le concessionarie dal mese di gennaio 2015.

Aprilia-caponord-1200-rally
Aprilia-caponord-1200-rally

BMW R 1200 RS MY 2015

La nuova R 1200 RS punta a rinnovare il successo del precendente modello di una delle sport-tourer più apprezzate. L’estetica richiama alcuni spunti ormai famosi della gamma sportiva BMW, con il doppio gruppo ottico anteriore simile a quello installato sulla supersersportiva BMW S 1000 RR, mentre la porzione posteriore è meno originale con il doppio sellino per pilota e passeggero.

BMW R 1200 RS MY 2015
BMW R 1200 RS MY 2015

Il propulsore è il bicilindrico boxer 1200, lo stesso che equipaggia i numerosi modelli R 1200 GS Adventure, R 1200 RT e della nuova R 1200 R, in grado di erogare 125 CV a 7.750 giri/min e 125 Nm di coppia massima a 6.500 giri/min, cambio a 6 marcie, nuovo air-box e cornetti di aspirazione e impianto di scarico con singolo terminale. Il telaio è un doppio trave in tubi d’acciaio con motore che funge da funzione portante, mentre la forcella è una “classica” telescopica upside-down, al posteriore Evo Paralever. Non manca il sistema Dynamic ESA (Electronic Suspension Adjustment), per poter modificare la taratura delle sospensioni secondo le caratteristiche di guida, ABS e il controllo della stabilità ASC oltre le due modalità di guida Rain e Road.

BMW R 1200 RS MY 2015
BMW R 1200 RS MY 2015

Ducati Scrambler 2015

Tanta è stata l’attesa, anche grazie ad una strategia commerciale di dare con il contagoccie le informazioni di questo nuovo modello; sarà un successo commerciale, di questo ne siamo certi. Sono 4 le versioni della nuova moto prodotta a Borgo Panigale, Classic, Urban Enduro e Full Throttle, ogniuna studiata con caratteristiche estetice e tecniche ben definite. La tecnica è semplice, motore due valvole raffredato ad aria di 803 cc, lo stesso della nuova Monster 796, in grado di erogare una potenza massima di 75 CV, telaio Ducati a traliccio, freni con pinze Brembo e ABS di serie. Lo scarico, corto e tagliato a fetta di salame, è collocato sulla parte destra, sicuramente sarà fonte di grossa ispirazione per quelli che vorranno ulteriormente personale la nuova Scrambler. Massima semplicità anche per le sospensioni, con la sola regolazione per il precarico del monoammortizzatore posteriore, perchè la nuova moto deve essere “popolare” anche nel prezzo. In arrivo nelle concessionarie per fine gennaio 2015 al prezzo di 8.490 euro per la versione Icon.

Scrambler Icon

La versione più classica tra quelle prodotte, in due differenti colorazioni giallo (62 Yellow) e Rosso Ducati; il telaio e sella per entrambi le versioni sarà nero. Il parafango anteriore non è a filo del pnuaematico, mentre un tocco di modernità arriva dal supporto del portatarga montato a sbalzo e vincolato al forcellone postereriore. L’estica richiama al passato, ma la tecnica è moderna, quindi le luci sono completamente full-LED, il tappo del serbatoio è di stile aeronautico, il forcellone è in alluminio pressofuso e le ruote sono in lega di alluminio. Infine la strumentazione è completamente digitale.

 DUCATI SCRAMBLER ICON
DUCATI SCRAMBLER ICON

Scrambler Classic

Questa è la versione che richima maggiormente le moto degli anni ‘70, grazie soprattutto al serbatoio verniciato in arancione con la riga nera classica dei modelli dell’epoca. Il telaio è nero e la sella è marrone a rombi. I cerchi sono a raggi con canale in alluminio, e ci sono anche le camere d’aria, parafanghi in lamiera e portatarga alto.

DUCATI SCRAMBLER CLASSIC
DUCATI SCRAMBLER CLASSIC

Scrambler Urban Enduro

Furistrada leggero, estetica riuscita. Si perchè in questa versione combia solo il make-up, parafango anteriore corto e alto, parasassi sul fanale, manubrio con traversiono di rinforzo e paracoppa bassa. I cerchi sono a raggi. La colorazione è verde satinata (Wild Green), il telaio è sempre nero, la sella è realizzata in tessuto tecnico ed marrone.

DUCATI SCRAMBLER URBAN ENDURO
DUCATI SCRAMBLER URBAN ENDURO

Scrambler Full Throttle

Ovviamente non poteva mancare una versione sportiva, con un’esteica particolarmente grintosa. Scarico Termignoni slip-on a doppio terminale (omologato), manubrio basso a sezione variabile e nuovi supporti degli indicatori di direzione. Il parafango anteriore è corto e aderente al pnuematico, mentre manca al posteriore. La livrea è giallo è nero satinato, telaio sempre nero e sella con inserti gialli.

DUCATI SCRAMBLER FULL
DUCATI SCRAMBLER FULL

Honda VFR800X Crossrunner 2015

Del nuovo modello Honda vi avevamo già parlato, vi riproponiamo le caratteristiche tecniche della nuova Crossrunner della casa giapponese.
La base di partenza è il conosciuto V4 a 90° con distribuzione bialbero a 16 valvole Vtec da 782 cc, opportunamente modificato per offrire più coppia ai bassi e medi regimi di rotazione, con evidenti miglioramenti sul confort di marcia, mentre aumenta anche la potenza agli alti regimi, raggiungendo i 106 CV (78 kW) a 10.250 giri, potendo poi allungare fino a 12.000 giri.
Rimane la classica tecnologia Vtec, il motore funziona a 8 valvole per cilindro fino ad un regime di rotazione di 7.000 giri, quindi una migliore fluidità e risparmio di carburante, mentre oltre questa soglia si azionano le altre 8 valvole, per prestazioni più sportive.

Honda Crossrunner 2015
Honda Crossrunner 2015

Al doppio trave telaio in alluminio è ancorato un nuovo forcellone monobracciocon capriata di rinforzo; cambiano anche i cerchi ora a 12 razze su cui sono installati pneumatici ribassati 120/70-17” e 180/55-17”, adatti ad ogni condizione di guida. Le sospensioni hanno una escursione maggiore, 25 mm per la forcella HMAS a cartuccia e 28 mm per il monoammortizzatore. Nuovi i dischi freno anteriori, flottanti da 310 mm su cui lavorano pinze radiali a 4 pistoncini, non manca di serie l’ABS a due canali. Sempre in chiave sicurezza, di serie c’è il l’Honda Selectable Torque Control system (HSTC) a due livelli (disattivabile), che interviene modulando la coppia del motore in caso di perdita di aderenza del pneumatico posteriore, in grado di assicurare sicurezza in ogni condizione di guida.
Tra le dotazioni di serie ci sono le manopole riscaldabili su 5 livelli, sella regolabile in due differenti altezze, indicatori di direzione a disattivazione automatica e impianto luci full-LED.
La nuova Crossrunner 2015 sarà esposta in anteprima mondiale a Intermot 2014, il Salone tedesco della Moto a Colonia, a partire dal 30 settembre, mentre rimane ancora da definire la data di commercializzazione e prezzi di vendita.

Honda Crossrunner 2015
Honda Crossrunner 2015

Check Also

EICMA 2019, non solo schede tecniche.

Per chi c'e stato o per chi no, ecco un po' delle novità che ci sono piaciute di EICMA 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *