Home / Blog / Motobenedizione di Capodanno a Montesenario, il primo raduno dell’anno
dsc02502

Motobenedizione di Capodanno a Montesenario, il primo raduno dell’anno

Cronaca di un evento motociclistico che è una tradizione, la Motobenedizione di Capodanno a Montesenario, tra il sacro e il profano

La motobenedizione di capodanno a Montesenario più che una tradizione, è un rito!

Il luogo è un santuario/convento su una collina a nord di Firenze, uno di quei posti che ti affacci e domini la vallata sottostante a 360 gradi, nella fattispecie quella del Mugello. D’altra parte i frati hanno sempre avuto occhio per le location, si è mai visto un convento sullo svincolo della tangenziale?

L’appuntamento è nel primissimo pomeriggio per sfruttare le ore più “calde”, e non dovessero essere sufficienti i raggi di sole basta fare un salto alla distilleria annessa alla chiesa per procurarsi un po’ di calore.

Poi alle 14, puntualissimo, il priore esce col suo aspersorio, e comincia a benedire tutti girando per il piazzale e il viale di accesso pieno di moto. Che poi a un mangiapreti come me l’acqua benedetta dovrebbe provocare ustioni. e invece tutti gli anni mentre il parentado si mette a tavola io mi vesto a strati di lana e pelle e saluto tutti per andare su per la collina. Che poi oh, è vero che io alle benedizioni e tutte quelle cose lì non ci credo, però lascia stare, male non fa, e poi… ‘un si sa mai.

dsc02510
Il momento della Motobenedizione di Capodanno a Montesenario

Più che un vero e proprio raduno, è un ritrovo di amici, non hai appuntamento con nessuno in particolare ma sai che di sicuro troverai qualcuno che ti dirà “Guarda chi si vede, Ciao Franz, buon anno!”. E sono strette di mano, pacche sulle spalle, racconti di bagordi della sera prima, e resoconti di pieghe e di viaggi da un anno all’altro.

Il dettaglio...
Il dettaglio…

La fauna è varia, sia umana che meccanica. Trovi lo smanettone in tuta di pelle e ginocchiere alla frutta, quello che sporge il culo dalla sella anche per mettere la GSXYZZR SuperTurbo sul cavalletto. Trovi l’harleysta che sfoggia il giubbottaccio pieno di spille e patacche ma da domani torna un inquadratissimo impiegato di banca. Trovi il ragazzino col Ciao e la “su’ mamma” tutta orgogliosa che il Ciao era il suo di quand’era ragazzina. Trovi il baffone con una spettacolare Terrot del ’25 e ancor più spettacolari calzettoni a losanghe e scarpe bianche.

 

imgp1685
Motobenedizione di Capodanno a Montesenario, il primo raduno dell’anno

Trovi il guzzista col cappello da cowboy il giubbotto con le frange e i pantaloni di gabardina con la piega fresca di stiratura. Trovi l’espertone che si accovaccia accanto a ogni moto tutto assorto in contemplazione di chissà quale particolare, trovi quello con casco e abbigliamento fuori dal tempo che mette in moto il tre cilindri Kawasaki con la pedivella, trovi una MotoBi 650 che ne devono aver vendute tre in tutto e quella pare uscita ieri dalla concessionaria, trovi una Aspes 125 Yuma, sogno proibito dell’adolescenza, e accanto una Panigale 1299 R, sogno proibito di qualche decennio dopo, trovi uno che chiede a un altro se gli fa sentire il rombo del suo attrezzo e l’altro che si schernisce ma gli brillano gli occhi dalla gioia di poterlo condividere e spiegare e raccontare, e non riesco a immaginare quanto gli sorrida il cuore.

 

 

E io gironzolo tra ferrivecchi e personaggi, gioielli e amici, e gli anni passano ma il primodellanno son sempre lì, magari con un maglione in più, ma sempre con la stessa aria del bambino nel paese dei balocchi.

Check Also

me ciao2

Ciao Piaggio, altro che smartphone e tablet, avventura pura!

Il ricordo del primo mezzo motorizzato a due ruote di Franz, il mitico Ciao Piaggio, di quanto l'ha desiderato e di quello che ha significato